Santiago [Cile]: Attacco incendiario contro un autobus urbano (01/2018) [it]


E’ sempre momento di attaccare, ma non siamo indifferenti allo scenario corrente... mentre la società gioisce sedotta dalla visita del papa ed espia i suoi peccati nell’ansia dell’attesa, noi rivendichiamo l’avventura dell’azione diretta.

Arrivando nella notte di 10 gennaio, con desideri autonomi in atto, abbiamo lasciato un dispositivo incendiario sulla linea 01 dell’autobus Transantiago, attivatosi presso la via Franklin con San Francisco. Nel momento quando le fiamme hanno iniziato ad espandersi, il conducente pecora le ha soffocate con un estintore, incendiando così solo la parte posteriore di questo trasporto simbolo di logiche commerciali, che delega ritmi e impulsi, adattando la quotidianità al più stretto controllo sociale, fornendo i comfort tipici di una cultura alienante. Tuttavia, le nostre azioni infrangono questi ritmi e questi comfort, scegliendo con orizzontalità e senza capi dove e quando farlo, e sciogliendo le oscure intenzioni del conflitto permanente contro tutto ciò che si posizione come autorità.

...

La Florida [Cile]: Attacco incendiario/esplosivo contro un santuario cattolico (15/01/2018) [it]

Rivendichiamo la collocazione del dispositivo incendiario/esplosivo ad una delle entrate del santuario di Movimento Apostolico di Schoenstatt, situato nel comune di La Florida, azione realizzata nella notte del 15 gennaio, il giorno dell’arrivo di papa Francesco in Cile.

Con la nostra azione riaffermiamo la lotta contro l’autorità della Chiesa cattolica, un’istituzione i cui organismi e rappresentanti hanno storicamente esercitato la repressione sui corpi, l’imposizione di ruoli e modelli di comportamento, la manipolazione delle menti e il monopolio spirituale che castra la libertà degli individui.

...

Cile: L’anarchica Tamara Sol Vergara ferita durante il tentativo di fuga dal carcere (12/01/2018) [it]

Il 12 gennaio 2018 la compagna Tamara Sol ha tentato di fuggire dal centro di sterminio di Valparaíso, azione ostacolata dai secondini che hanno impedito alla compagna di riconquistare l’uscita in strada con le proprie forze.

La compagna ha riportato ferite provocate sia da filo spinato che si trova lungo i muri perimetrali del carcere, che dai secondini.

Malgrado le ferite, la compagna non si trova in pericolo di vita e dopo essere stata messa in isolamento, è stata trasferita (per punizione) nel carcere di Rancagua, conosciuto per le dure condizioni di reclusione.

...

Cile: “Caso Bombas II” – Juan Flores, primo compagno condannato per legge antiterrorismo; Nataly ed Enrique prosciolti (21/12/2017) [it]

Ieri i giudici, autodefinisti rappresentanti del potere, del bene sulla terra, e protetti da leggi e codici penali, hanno colpito con le loro sentenze coloro che hanno sfidato l’ordine stabilito. E’ così che le ghigliottine si abbassano, così le scariche elettriche vengono rilasciate e i cappi si stringono attorno agli irriducibili dopo i grandi processi inquisitori.

Oggi i tribunali di giustizia vogliono schiacciare con gli anni i compagni in carcere, per distruggere con l’apparente pulizia e in modo asettico le vite di coloro che sollevano la propria testa contro questo ordine.

...

Chile: Verdict of “Case bombs II” – Juan Flores, first comrade condemned by the antiterrorist law, Nataly and Enrique absolved (21/12/2018) [it]

Yesterday the judges self-defined themselves as representatives of power, of goodness in the world and guarded by laws and penal codes, attacked with their sentences those who defied the established order. Just as the guillotines were lowered, the electric discharges were unleashed, the forces squeezed on irreducible loops after great inquisitorial processes.

Today the courts of justice intend to smash in years the comrades in prison, to destroy with apparent cleanliness and in an unpleasant way the lives of those who raise their heads against this order.

...

Cile: “Caso Bombas 2” – 21 dicembre, il verdetto [it]

Solidarietà assoluta con i compagni Nataly, Juan, Enrique e con tutti i prigionieri rivoluzionari.
Abbasso l’indifferenza!
La solidarietà non è una parola vuota, è l’azione per spezzare le catene!

-------

Il tribunale ha fissato per giovedì 21 dicembre 2017, alle ore 09:00, la lettura del verdetto contro i compagni Juan, Nataly ed Enrique nel cosiddetto “Caso Bombas II”.
Sempre sull’attenti: Solidarietà con Juan, Nataly ed Enrique!!!


publicacionrefractario.wordpress.com / turbanegra.blackblogs.org


Cile: Aggiornamento sui compagni Nataly, Enrique e Juan [it]

Lunedì 11 dicembre è iniziato il processo di “replicas” del caso Bombas 2, che consiste nel discutere i più “solidi” argomenti dell’accusa contro i compagni, dove saranno messe a confronto le accuse e le rispettive difese.

E’ previsto che il processo duri la settimana tra l’11 fino e il 15 dicembre.

Una volta finiti i scossoni, i giudici hanno un massimo di 48 ore (giornate lavorative) per esporre il verdetto finale: di dichiarare colpevole o innocente (in termini di potere).

Viene lanciata una chiamata di fare attenzione alla data del verdetto, che dovrebbe essere tra lunedì, 18 dicembre, e martedì, 19 dicembre

...

Chile : Update about the comrades Nataly, Enrique and Juan [en]

On Monday, December 11, the process of “replicas” of the Bombas 2 case begins, which consists of discussing the most “solid” arguments of the accusation against the comrades, where the accusations and respective defenses will be confronted.

It is estimated that this process lasts the week of December 11 to 15.

When the aftershocks are finished, there is a maximum period of 48 hours (working days) for the judges to call the final verdict: to declare guilt or innocence (in terms of power).

A call is made to be attentive to the date of the verdict, which is estimated to be between Monday, December 18 and Tuesday, December 19.

...

Santiago del Cile: Rivendicazione di ordigni esplosivi al Partito Socialista e al Partito Radicale del Cile [it]

“Lo Stato è la negazione dell’umanità” – Michail Bakunin

“Nessuna raccolta firme porterà a distruggere il potere e l’ordine stabilito. Nemmeno nessuna azione legale lo farà, non possiamo sperare che i tribunali costruiti dagli sfruttatori affermino che lo sfruttamento è illegittimo e deve essere combattuto. Non otterremo nulla votando per un’alternativa, né facendo nottate di preghiera, né accendendo candele aromatiche durante le notti di preghiera, né cantando canzoni di protesta… non otterremo nulla facendo dichiarazioni roboanti, cambiando la nostra dieta o costruendo piste ciclabili. Bisogna dirlo chiaramente, questo potere, questa forza, quest’entità mostruosa chiamata Stato si mantiene con la forza fisica e si può combattere solo con i termini che esso stesso impone e comprende.” – Ward Churchill

...

Visualizzare il nemico Alcuni contributi sulla violenza anarchica [it]

La violenza come strumento di lotta è stata utilizzata attraverso la storia da vari gruppi, tendenze e rivendicazioni. La violenza come tale non riguarda esclusivamente solo una posizione o visione politica. I materiali o gli strumenti utilizzati nelle sue espressioni non fanno perciò parte solo di una certa ideologia o visione.

Ance la violenza, come ogni altro strumento, acquista il suo colore, il suo significato, la sua legittimazione e la sua progettualità attraverso quelli che la realizzano. Il senso e il motivo della sua applicazione fanno ovviamente parte del corpo teorico e intenzioni di coloro che la utilizzano. E se la possono utilizzare, quindi, gruppi, visioni o tendenze diverse, inclusi gli antagonismi, allora diventa vitale far capire su quali idee si basa.

...

Cile: Parole di Juan e Nataly prima della conclusione del processo per il csd. “Caso Bombas 2” [it]

Un nuovo avvicinamento agli individui in conflitto permanente con il potere e ai compagni solidali ovunque nel mondo.

A più di 3 anni della nostra prigionia e a più di 8 mesi del processo per il cosiddetto “caso bombas”.


Il tempo trascorso in carcere rimarca in ogni momento il significato della vita che abbiamo scelto in maniera consapevole, perché sentiamo il bisogno di combattere questa realtà di sterminio e devastazione con le sue relazioni di potere e sottomissione, per vivere veramente, ci stiamo avvicinando inevitabilmente ad una fine...

...

Santiago del Cile: Incendiato l’autobus della Transantiago (17/11/2017) [it]

Attorno alle 22:00 di 17 novembre 2017, una dozzina di incappucciati anonimi decidono di erigere barricate davanti all’USACH [università di Santiago, ndt], bloccando il viale Alameda, circa all’altezza del vicino viale Matucana [centro città, ndt].

Grazie alle barricate incendiarie, gli incappucciati riescono a fermare un autobus della Transantiago [trasporto pubblico, ndt], linea I-17, e dopo averlo bloccato su entrambi i lati, fatto scendere i passeggeri e il conducente, lo cospargono di benzina e lo incendiano.

...

Santiago [Cile]: Sabotaggio linea 4A della metropolitana (20/11/2017) [it]

All’alba di lunedì 20 novembre, le linee ferroviarie della linea 4A della metropolitana di Santiago, all’altezza della stazione della metropolitana La Granja, sono state sabotate. Non potevamo permettere che le cose seguissero il loro normale corso il giorno dopo la loro festività elettorale democratica. E non è sufficiente per noi semplicemente far appello a non votare, abbiamo deciso di posizionarci contro lo Stato e le sue logiche di controllo e dominio sulle nostre vite. Siamo contro lo stato una delle più alte espressioni dell’esercizio dell’autorità che tortura e reprime; siamo contro la loro democrazia con le illusioni di cambiamento sociale offerte ai potenti e assunte dai cittadini.

...

Cile: Hans Niemeyer libero! (18/11/2917) [it]

Hans Niemeyer può finalmente uscire dal carcere. Dopo essere stato detenuto dal novembre 2011, quando anticipamene esplode un ordigno nella succursale della banca BCI, lasciandolo con il trauma acustica e in arresto.

Rapidamente, la procura costruisce un caso che lo coinvolge in altri attacchi, chiedendo quasi 19 anni di carcere in base alla legge antiterrorismo.

— In base al reato di “collocazione di artefatto esplosivo” (secondo la legge antiterrorismo) contro la banca BCI il 30 novembre 2011, azione rivendicata dal Gruppo di Combattimento Manuel Gutiérrez: 12 anni di carcere.

...

Cile: Parole dei prigionieri anarchici Enrique Guzman, Nataly Casanova e Juan Flores (11/2017) [it]

Queste parole nascono e volano dalle celle del carcere di San Miguel, dell’unità speciale di alta sicurezza e dell’Ex Penitenciaria, per salutare quella complicità che ci esprimono i compagni che organizzano e danno vita al Convegno di Tatuaggi e Arte Corporale Solidarietà A Fior di Pelle...

Con queste parole nate dentro queste centri di tortura vogliamo salutare in maniera fraterna e complice coloro che con creatività ribelle e subordinata organizzano e partecipano a questa iniziativa anti-carceraria... Iniziativa solidale con chi sente quotidianamente il sapore amore del carcere, la rabbia, l’impotenza e l’indignazione per non poter materializzare la guerra perché circondati da sbarre, telecamere e guardie...

...

Cile / Brasile: Solidarietà è Azione – Contro “Operazione Érebo” (26/10/2017) [it]

Su attacchi contro gli spazi anarchici in Brasile e sulla internazionalizzazione dell’attacco anarchico contro la repressione in Cono Sud

Come è già stato riportato in alcuni media della stampa e blog affini, all’alba di 25 ottobre in Brasile la polizia civile di Rio Grande do Sul ha invaso gli spazi e le case di anarchici nel contesto di un’indagine su attacchi contro banche, stazioni di polizia, concessionari macchine e sedi di partiti politici, realizzati da gruppi anarchici negli ultimi quattro anni a Porto Alegre.

...

Cile: Sulla situazione legale del nostro compagno Marcelo Villaroel Sepulveda... o come si perpetua nel silenzio la vendetta dello Stato (10/2017) [it]

Il 4 settembre la procura militare di Santiago ha respinto la richiesta fatta alcuni mesi fa dal nostro compagno Marcelo per la prescrizione della pena.

Marcello ha fatto subito ricorso a questo rifiuto, lasciando la risoluzione dell’appello nelle mani della corte marziale, dove è stata riconfermata nei primi giorni di ottobre.

Queste condanne corrispondono ad alcune cause originate da azioni nel contesto della sua vecchia militanza in “Mapu-lautaro”, organizzazione [armata comunista, ndt] in cui il nostro compagno è stato un combattente attivo sin da giovanissimo, e dalla cui è stato espulso nel 1995, mentre era in carcere, per le sue “deviazioni anarchiche”.

...

Santiago [Cile]: Incendiato autobus in solidarietà internazionale (02/10/2017) [it]

SOLIDARIETÀ ANARCHICA E INSURREZIONALE CON TUTTI I PRIGIONIERI DELLA GUERRA SOCIALE. INCENDIO DI UN AUTOBUS A SANTIAGO.

Come ieri, oggi, e anche domani, e che sia chiaro PER TUTTA LA VITA, siamo in guerra costante contro il potere, il suo sistema, il suo Stato e contro tutte le forme di autorità.

Nei dintorni del Liceo de Aplicación a Santiago, Cile, nella mattina di 2 ottobre, abbiamo deciso di esprimere la nostra solidarietà con tutti i prigionieri di Guerra Sociale in maniera attiva e conflittuale, chiarendo che le parole accompagnano l’azione. Intorno alle 8:15 siamo usciti in strada con un obiettivo chiaro, bruciare un autobus di trasporto pubblico, ignorando i controlli di polizia nella zona, e con questo dimostriamo che queste azioni possono essere realizzate, davanti al naso del potere, niente e nessuno può fermare l’avanzata dell’insurrezione anarchica e della Guerra Sociale.

Con questa azione inviamo un caldo e fraterno abbraccio a tutti i compagni rinchiusi nelle galere della democrazia, sentendoci vicini al loro coraggio fiero.

...

Cile / Argentina: Per compagno anarchico Santiago Maldonado – Facciamo scomparire la polizia e lo Stato (09/2017) [it]

Questo 1° settembre segna un mese dalla scomparsa del compagno anarchico Santiago Maldonado, per mano della polizia di Gendarmeria Nazionale argentina. Questo è avvenuto nel contesto della repressione di una manifestazione che consisteva in blocchi stradali effettuati dalla comunità Mapuche Pu Lof in Resistenza di Casahamen, nella provincia argentina di Chubut.

Mentre l’agitazione anarchica si propaga oltre le frontiere, i compagni in Argentina occupano le strade per diffondere atti di rivolta tramite propaganda e azione diretta. Con attacchi incendiari contro la polizia, barricate e molotov contro edifici governativi, i nostri compagni hanno scatenato la propria rabbia in una situazione quanto triste, tanto anche reale: i bastardi hanno arrestato e fatto scomparire un compagno anarchico.

Perché Santiago è un anarchico, e non semplicemente un giovane musicista e artista, come la stampa e la Sinistra opportunamente presentano denunciando la repressione statale, precisiamo che il diniego e l’omissione dell’identità politica del compagno rappresentano un’altra forma di scomparsa, cancellando dalla narrativa i veri motivi della sua presenza solidale nella comunità Mapuche, dove si trovava nel momento del suo arresto[1].

Non abbiamo nessun consiglio per i nostri compagni in Argentina, crediamo in loro, come anche nella loro convinzione e autonomia di continuare a trasformare il proprio dolore in rabbia, propagando caos contro il mondo di autorità, e approfondendo ed espandendo le affinità in esperienze concrete di confronto e agitazione.

Nello stesso tempo, azioni internazionali informali coordinate attivate dall’annuncio dell’arresto e della scomparsa di Santiago mandano un chiaro messaggio: non è solo.

Sterminio, insabbiamento e guerra psicologica: Contro-insurrezione del XXI secolo contro i nemici interni dell’ordine stabilito

L’arresto e la scomparsa di Santiago Maldonado non è, come alcuni potrebbero pensare, un incidente isolato. Al contario, è l’espressione vivente e corrente della storica repressione statale, capitalista e civilizzata. E’ un nuovo episodio dello scontro storico con le forze della legge e dell’ordine.

...

Cile: Lettera del prigioniero anarchico Marcelo Villarroel Sepúlveda sulla scomparsa dell’anarchico Santiago Maldonado (30/08/2017) [it]

Questo è una lettera del prigioniero anarchico Marcelo Villarroel sul caso del compagno anarchico Santiago Maldonado, ancora assente. È anche una chiamata all’azione. Le sue parole sono benvenute!!! Fuoco alle prigioni!!! Vogliamo il nostro compango Santiago Maldonado vivo adesso!!!

Lotta contro tutte le carceri, l’amnesia e la passività codarda!!!
Queste parole nascono e diventano necessarie nel momento quando è necessario abbracciare tutti coloro che si danno senza riserve quando cercano l’incontro con la liberazione totale.
Per l’espansione della rivolta, per l’inequivocabile confronto con il potere, per l’estensione di pratiche autonome nel rifiuto del dominio e di tutto ciò che rende possibile la sua esistenza.
Mentre scrivo, sono guidato dal disprezzo e dalla rabbia... Mentre ogni persona comprende la propria vita, c’è un caro amico che manca...
SANTIAGO MALDONADO – el “Lechu”, el “Brujo”, scomparso. E io non posso rimanere in silenzio o ignorare la sua assenza fisica.
Da quando abbiamo dovuto vivere il carcere nella regione dominata dallo Stato argentino, i nostri passi si sono incrociati. C’eravamo noi, i prigionieri nella provincia di Newken, e c’era Santiago, nella cità di La Plata, accanto ad universo di compagni attivi, condividendo complicità e rimanendo solidale...
Sono trascorsi più di
...

Cile: Aggiornamento sul processo contro i prigionieri anarchici Nataly, Juan ed Enrique (07/2017) [it]

Il processo contro i compagni è iniziato il 24 marzo. Ci si aspettava che il processo sarebbe stato lungo ed estenuante, come lo è stato, dato che l’accusa aveva annunciato la presenza di 186 testimoni, 87 esperti, 231 documenti e 648 prove.
Come precedentemente riportato all’inizio del processo, le accuse e le condanne chieste dall’accusa sono le seguenti:

- Enrique Guzman: accusato di fabbricazione dell’ordigno esplosivo utilizzato alla stazione di polizia N°1 di Santiago Centro; questa accusa è stata formulata secondo la legge anti-terrorismo, e l’accusa sta chiedendo 10 anni di carcere.
- Nataly Casanova: accusata di fabbricazione dell’ordigno esplosivo utilizzato alla stazione di polizia N°1 di Santiago Centro, di collocazione dell’ordigno esplosivo nel vagone della metro alla fermata di Los Dominicos, e di possessione di materiale per la preparazione di esplosivi; le accuse sono state formulate secondo la legge anti-terrorismo e l’accusa sta chiedendo 20 anni di carcere.
- Juan Flores: accusato di fabbricazione dell’ordigno esplosivo utilizzato alla stazione di polizia N°1 di Santiago Centro, di collocazione dell’ordigno esplosivo nel vagone della metro alla fermata di Los Dominicos e di collocamento dell’ordigno esplosivo al Subcentro; le accuse sono state formulate secondo la legge anti-terrorismo e l’accusa sta chiedendo carcere a vita.

Attualmente i compagni stanno
...

Cile: Progetto Nemesi – Attacco esplosivo-incendiario contro la Confederazione nazionale dei proprietari di camion (25/07/2017) [it]

Progetto Nemesi ATTO V
Nella notte di 25 luglio abbiamo attaccato con un ordigno esplosivo/incendiario l’edificio appartenente alla Confederazione Nazionale dei Proprietari di Camion, situato in via Almirante Barroso nel centro di Santiago.
La Confederazione Nazionale dei Proprietari di Camion del Cile rappresenta un anello strutturale nella catena di dominio e sfruttamento, svolgendo una parte attiva nel trasporto merci e nel saccheggio ambientale sul territorio cileno e in Wallmapu. Sono uno dei maggiori beneficiari del progetto IIRSA, che tra suoi obiettivi include anche il “miglioramento” delle infrastrutture stradali per trasporto merci nei paesi del Sud latinoamericano, e in prima linea nella collaborazione con lo Stato cileno nel tentativo di intensificare la repressione e il numero degli sbirri nel territorio Mapuche, e di fermare, senza successo, l’incendio dei camion, parte della sovversione autonoma Mapuche nella difesa del proprio territorio ancestrale.
Il nostro dispositivo ha funzionato perfettamente, danneggiando l’entrata dell’edificio. Anche se non è stato riportato dalla stampa, loro sanno che un attacco ha colpito l’entrata del loro covo, mentre noi sappiamo che la pericolosità dell’attacco anarchico non può essere misurata né dalla copertura mediatica né dai flash della stampa.
Speriamo che
...

Santiago [Cile]: Attacco incendiario anti-elettorale (30/06/2017) [it]

Nella mattina di 3 giugno 2017, tre passeggeri sono saliti sull’autobus I-10 della Transantiago, alla prima fermata. Quando l’autobus è arrivato all’incrocio del viale 5 Aprile e Yelcho, nel quartiere di Villa Francia, uno dei passeggeri si è avvicinato al conducente, e puntandogli la pistola l’ha obbligato a scendere, mentre gli incapucciati sulla strada bloccavano il veicolo.
Il conducende dichiarò più tardi alla stampa e alla polizia: “Ero nervoso, ho fermato... mi hanno detto di fermarmi nel viale 5 Aprile. Quando la porta si è aperta, altri tre passeggeri sono scesi dall’autobus, uno di loro aveva una pistola e un contenitore di benzina. Poi hanno dato fuoco all’autobus”.
Infine, sia il conducente che i passegeri rimasti sono stati obbligati a scendere, illesi, mentre l’autobus della Tranantiago veniva completamente bruciato dagli incapucciati, che hanno lasciato
...

Santiago [Cile]: Fissata data d’inizio processo contro l’anarchico Fabian Duran (24/04/2017) [it]

Il processo giudiziar-inquisitorio contro Fabian Duran ha fatto nuovi passi, l’accusa ha chiesto 5 anni di carcere per il porto e lancio di bomba molotov contro la polizia l’11 settembre 2015.
Altrettanto, la macchina amministrativa ha fissato per il 24 aprile 2017 l’inizio del processo a suo carico.
Solidarietà con i detenuti e i processati per la lotta di strada!

Santiago [Cile]: Riconfermata detenzione cautelare per anarchici Joaquin e Kevin (11/04/2017) [it]

11 aprile 2017 il potere giudiziario ha riesaminato la detenzione cautelare di Juaquin e Kevin, che da più di un anno si trovano in carcere accusati di vari attentati esplosivi.
Alla fine il tribunale penale ha deciso di riconfermare la detenzione cautelare. Joaquin sequestrato nella sezione di massima sicurezza e Kevin nel carcere Santiago 1.
Solidarietà con i detenuti di guerra sociale!