Santiago [Cile]: Attacco incendiario contro un autobus urbano (01/2018) [it]


E’ sempre momento di attaccare, ma non siamo indifferenti allo scenario corrente... mentre la società gioisce sedotta dalla visita del papa ed espia i suoi peccati nell’ansia dell’attesa, noi rivendichiamo l’avventura dell’azione diretta.

Arrivando nella notte di 10 gennaio, con desideri autonomi in atto, abbiamo lasciato un dispositivo incendiario sulla linea 01 dell’autobus Transantiago, attivatosi presso la via Franklin con San Francisco. Nel momento quando le fiamme hanno iniziato ad espandersi, il conducente pecora le ha soffocate con un estintore, incendiando così solo la parte posteriore di questo trasporto simbolo di logiche commerciali, che delega ritmi e impulsi, adattando la quotidianità al più stretto controllo sociale, fornendo i comfort tipici di una cultura alienante. Tuttavia, le nostre azioni infrangono questi ritmi e questi comfort, scegliendo con orizzontalità e senza capi dove e quando farlo, e sciogliendo le oscure intenzioni del conflitto permanente contro tutto ciò che si posizione come autorità.

...

La Florida [Cile]: Attacco incendiario/esplosivo contro un santuario cattolico (15/01/2018) [it]

Rivendichiamo la collocazione del dispositivo incendiario/esplosivo ad una delle entrate del santuario di Movimento Apostolico di Schoenstatt, situato nel comune di La Florida, azione realizzata nella notte del 15 gennaio, il giorno dell’arrivo di papa Francesco in Cile.

Con la nostra azione riaffermiamo la lotta contro l’autorità della Chiesa cattolica, un’istituzione i cui organismi e rappresentanti hanno storicamente esercitato la repressione sui corpi, l’imposizione di ruoli e modelli di comportamento, la manipolazione delle menti e il monopolio spirituale che castra la libertà degli individui.

...

Besançon [Francia]: Attacchi contro gli ingranaggi della tecnologia di sorveglianza e di lavoro (30/12/2017) [it]

Questo mondo ci nausea. Ci addomestica per il lavoro, sacralizza la merce e il consumo di massa, mentre milioni di persone fanno fatica a spostarsi, rimanere o morire. Alcuni non si rassegnano a questo stato di cose e cercano bene o male di sopravvivere occupando edifici abbandonati e rubacchiando nei negozi. Questo mondo di sfruttamento e di oppressione è visibile a tutte le persone che lo subiscono e/o sono disposte a vederlo per quello che è, in particolare all’approssimarsi delle feste di fine anno quando questo dominio dei ricchi viene esibito forse ancora di più.

...

Lipsia [Germania]: Attacco incendiario contro le forze repressive dello Stato (31/12/2017) [it]

Le nostre fiamme contro la loro repressione!

Mentre in molti luoghi si festeggiava nel baccano l’anno nuovo, brindando fino allo sfinimento, ripetendo promesse e auguri, come se tutta la merda del passato potesse essere semplicemente spazzata via da un bicchiere di spumante, noi abbiamo avuto i nostri fuochi d’artificio: approfittando dell’occasione siamo entrati nella zona di Witzgallstraße, carichi di congegni incendiari, lasciando i nostri auguri di buon anno agli sbirri e alla procura. In questo luogo le autorità repressive uniscono le proprie forze per reinserire i giovani “criminali” nel “migliore dei mondi” e integrarli nel sistema e nella sua logica di sfruttamento.

...

Basile [Svizzera]: Attaccato ufficio di collocamento (31/12/2017) [it]

Ognuno che non si lascia sfruttare a sufficienza viene isolato e subisce sempre di più la pressione.

Il sussidio di disoccupazione o altri aiuti sociali vengono concessi solo a coloro che si sottomettono: mediante sanzioni e misure disciplinari le persone vengono sorvegliate, umiliate e costrette ad accettare lavori precari.

L’aumento della “flessibilità” e di “auto-ottimizzazione” significa da un lato aumento di profitti per alcuni, e dall’altro dei contratti di lavoro precari per la maggioranza. Il fatto che le persone cadono nella dipendenza finanziaria viene a torto attribuito all’incapacità individuale. Questo rende difficile la critica fondamentale e la resistenza.

...

Parigi [Francia]: Fuoco a tutti gli Stati e ai loro lacchè (28/12/2017) [it]

Nella notte tra 27 e 28 dicembre abbiamo incendiato una macchina del corpo diplomatico, in via Laugier a Parigi 17 [arrondissement, ndt].
Poco importa a quale Stato appartiene, tutti ostacolano la libertà e li odiamo tutti.

Nei quartieri ricchi della capitale abbiamo trovato macchine di servizi diplomatici stranieri ad ogni angolo della strada. Si riconoscono dalle targhe verdi con numeri e lettere arancioni.
Basta un po’ di determinazione e di diavolina...

Solidarietà con i compagni/e sotto processo in italia per l’operazione scripta manent.
Solidarietà con Lisa, imprigionata in germania, accusata di aver rapinato una banca, e con Konstantinos arrestato ad Atene il 28 ottobre, accusato di diversi attacchi esplosivi.
Solidarietà con Krème, sempre in carcere per la macchina di sbirri bruciata in quai de valmy.

...

Philadelphia [USA]: Bancomat sabotati per il Dicembre Nero [it]

Per celebrare il Dicembre Nero, alcuni anarchici di Philadelphia hanno deciso di fare una piacevole passeggiata in centro e mettere in stallo il commercio-merda-capitalismo di quasi tutti i bancomat, nel cuore finanziario della città.

Abbiamo preso del cartone non ondulato, tagliato in pezzi della larghezza di una carta di credito e di metà della sua lunghezza, abbiamo spalmato della colla forte da un lato e li abbiamo inseriti nelle fessure per le carte di bancomat, oppure nei lettori di carte che fanno aprire le porte delle sale dei bancomat. È stato sorprendentemente facile da fare e più di 50 obiettivi sono stati toccati.

...

Seyssins [dintorni di Grenoble, Francia] – La nostra ecologia: sabotarti (21/12/2017) [it]

Nella notte del 21 dicembre, vagavamo per Seyssins, fino all’ecoquartiere Pré Nouvel, un cantiere cominciato molti anni fa, che deve diventare l’ultima zona urbanizzata di questa enclave borghese. Là, abbiamo colpito a tre riprese, accompagnando i nostri atti di sabotaggio con delle scritte sui muri.

Spieghiamo rapidamente i motivi della nostra avventura, prima di narrare la nostra incursione selvaggia. L’eco-quartiere è l’archetipo del ghetto per ricchi che propaganda sapientemente uno sviluppo sostenibile. Grazie alla bacchetta magica del marketing ecologico ogni elemento del progetto diviene virtuoso, cemento ad alta qualità ambientale, rivestimenti in legno, orientamento bioclimatico degli edifici, stradine sinuose fra i bacini di fitoepurazione, lagune pensate in maniera intelligente per la riproduzione degli animali (addomesticati)...

...

Murcia [Spagna]: Solidarietà ribelle con la compagna incarcerata a Colonia (21/12/2017) [it]

Questa mattina, 21 dicembre, Murcia si è svegliata con una filiale del Banco Sabadell ricoperta di vernice e sfasciata a colpi di martello (sulle vetrine e sui bancomat), in solidarietà con la nostra compagna incarcerata nella galera di Colonia (in Germania). Questo è un piccolo segno col quale vogliamo dimostrare che non è sola, che anche da qui sosteniamo una persona che è rimasta degna di fronte alle avversità. Bisogna aggiungere che ogni banca dovrebbe essere il bersaglio di qualche forma di attacco e che bisogna rispondere, in una maniera o in un’altra, a ogni forma di abuso.

...

Danimarca: Attacchi alla rete repressiva [it]

Sul seguente non ci possono essere dubbi: la società esistente è un buco nero di repressione capitalista. Ogni suo pezzo è collegato ad un altro, e agendo insieme formano il vortice di costanti input che incontriamo nelle nostre vite quotidiane. Non c’è nessuna possibilità di fuga, e nessuna “accettabile” richiesta che non sia contaminata da compromesso o riformismo. Questo significa che rimane solo la violenta resistenza insurrezionale, se desideriamo vivere liberi come esseri umani, se desideriamo liberare il pianeta dalla morsa di inquinamento industriale, e se desideriamo la libertà per tutte le specie che lo abitano.

...

Roma [Italia]: Bruciate 6 auto ENI (01/12/2017) [it]

Roma 1° Dicembre.

Bruciate 6 auto enjoy del car sharing Eni-Trenitalia per il coinvolgimento di Eni in Libia.
Colpiamo ENI ovunque.

Solidarietà ax arrestatx ed imputatx per Scripta manent, Firenze, I/le compax colpitx dalla repressione per le macchine degli sbirri incendiate in Francia e Polonia, ax imputax del Brennero ed a tuttx coloro che non si piegano a questo marcio esistente, Un saluto a Krem in isolamento.

Rome [Italy]: 6 cars of ENI-energy company torched (01/12/2017) [en]

Rome, December 1st.

6 “enjoy” cars of car-sharing Eni-Trenitalia [developed by gas&oil company in partnership with Fiat and Trenitalia, primary train operator owned by the Italian government] for its involvement in Libya.
Let’s attack ENI everywhere.

Solidarity to the detainees and the accused for Scripta Manent, for Florence, to comrades hit by repression for the cop cars torched in France and Poland, to accused from Brenner Pass and to all those who do not bend to this rotten existent. A greeting to Krem in solitary confinement.

Grecia: “Nemesi Verde” – Atto 3° (20-24/12/2017) [it]

18/12/2017: Un comunicato pubblicato su Indymedia Atene, firmato da “Commando Verde-Nero” e intitolato “Nemesi Verde Atto 3°”, avvisa che il gruppo ha avvelenato alcune bevande, inclusa la Coca-Cola, con acido cloridrico e che sostituiranno i prodotti sugli scaffali di supermercati dal 20 al 24 dicembre. Il comunicato è accompagnato da fotografie che mostrano l’iniezione del veleno nei prodotti. Qui un estratto del comunicato, velocemente tradotto...


“In questi giorni che precedono il Natale, migliaia di persone abbandonano il proprio divano per fare i loro acquisti fondamentali per la tavola natalizia, riempiendo le loro vuote esistenze con la spazzatura consumista impacchettata nella bellissima carta luccicante. Tutto questo avviene mentre milioni di essere viventi vengono massacrati per poter raggiungere il tavolo dei morti viventi, e spremuti fino all’ultima goccia di sangue per soddisfare i loro bisogni di palato. Comprendiamo che questo avviene durante tutto l’anno, tuttavia durante il Natale questo fenomeno è accelerato.”

...

Salonicco [Grecia]: Attacco incendiario contro OTE per il Dicembre Nero (14/12/2017) [it]

Viviamo in un mondo dove tutti gli aspetti delle nostre vite sono circondati dal sistema tecnologico. Le relazioni sociali vengono instaurate attraverso computer e i telefoni cellulari sono ben lontani dalla vita reale. Ognuno di noi è quotidianamente monitorato ad ogni angolo della città da telecamere, localizzato dal segnale emesso dai nostri telefoni cellulari e archiviato attraverso impronte digitali e campioni di DNA. Questo è stato progettato per trasformare ogni persona in un numero registrato in una banca dati, per essere delle pedine prevedibili e sicure di un sistema marcio.

...

Santiago del Cile: Rivendicazione di ordigni esplosivi al Partito Socialista e al Partito Radicale del Cile [it]

“Lo Stato è la negazione dell’umanità” – Michail Bakunin

“Nessuna raccolta firme porterà a distruggere il potere e l’ordine stabilito. Nemmeno nessuna azione legale lo farà, non possiamo sperare che i tribunali costruiti dagli sfruttatori affermino che lo sfruttamento è illegittimo e deve essere combattuto. Non otterremo nulla votando per un’alternativa, né facendo nottate di preghiera, né accendendo candele aromatiche durante le notti di preghiera, né cantando canzoni di protesta… non otterremo nulla facendo dichiarazioni roboanti, cambiando la nostra dieta o costruendo piste ciclabili. Bisogna dirlo chiaramente, questo potere, questa forza, quest’entità mostruosa chiamata Stato si mantiene con la forza fisica e si può combattere solo con i termini che esso stesso impone e comprende.” – Ward Churchill

...

Rome [Italy]: Explosive Attack Against a Carabinieri Police Station by Santiago Maldonado Cell / FAI-FRI (07/12/2017) [en]

In times of social peace and compliance there is no better reply than action. A stimulus, a continuity and a jolt to wake up those who sleep.

Acting on one’s own initiative breaks the compliance and inaction and ignites those whose blood boils.

The anarchic praxis of attack must be the basic stimulus of anarchy, otherwise it is a walking dead. Action is necessary to make us alive in the ways we consider opportune, removed from every program, hierarchical and vertical structure. Many revolutionary practices are part of an anarchism in its bowels.

...

Roma [Italia]: Cellula Santiago Maldonado/FAI-FRI rivendica l’attacco esplosivo contro caserma dei carabineri (07/12/2017) [it]

In tempi di pace sociale e di attendismo non c’è migliore risposta che l’azione. Uno stimolo, una continuità e uno scossone per svegliare chi dorme.

Agire di propria iniziativa rompe l’attendismo e l’immobilità e incendia coloro a cui ribolle il sangue.

La prassi anarchica dell’attacco deve essere lo stimolo base dell’anarchia, altrimenti è un morto che cammina. Un agire necessario a renderci vivi nei modi che riteniamo opportuni, fuori da ogni programma, struttura gerarchica e verticistica. Una tante pratiche rivoluzionarie sono parte dell’anarchismo nelle sue viscere.

...

Santiago del Cile: Incendiato l’autobus della Transantiago (17/11/2017) [it]

Attorno alle 22:00 di 17 novembre 2017, una dozzina di incappucciati anonimi decidono di erigere barricate davanti all’USACH [università di Santiago, ndt], bloccando il viale Alameda, circa all’altezza del vicino viale Matucana [centro città, ndt].

Grazie alle barricate incendiarie, gli incappucciati riescono a fermare un autobus della Transantiago [trasporto pubblico, ndt], linea I-17, e dopo averlo bloccato su entrambi i lati, fatto scendere i passeggeri e il conducente, lo cospargono di benzina e lo incendiano.

...

Rome [Italy]: Diplomatic vehicle torched (08/2017) [en]


in august, rome empty and it’s hot, smoking and drinking beer on the square gets boring quickly. to break with the repeated everyday life and feeling angry about too many prisoners of social war, one night we decided go around doing some damage. soon we ran into a vehicle of the diplomatic corps, and we torched it joyfully. it’s easy, all it takes is a pack of firecrackers!

with this action we wanted to send a solidarity greetings to all anarchist prisoners in jail.

especially, to paska e ghespe

...

Grenoble [Francia]: Incendiato Centro di cultura tecnica, scientifica e industriale (21/11/2017) [it]

Grenoble, polo tecnologico pacificato?

Nella notte di 21 novembre ci siamo introdotti nella Casemate di Grenoble (più facile del previsto, dato che la porta era aperta (idioti!) e l’abbiamo devastata (chiunque abbia mai lanciato dei computer attraverso una stanza, saprà di cosa parliamo), e infine l’abbiamo allegramente incendiata. Mentre il telegenico responsabile del fablab si sta agitando pateticamente nei media, noi pubblichiamo il nostro comunicato, eco inseparabile dal nostro atto incendiario contro questa istituzione notoriamente nociva a causa della diffusione di cultura digitale.

...

Roma [Italia]: Incendiata macchina del corpo diplomatico [it]

ad agosto roma e vuota e fa caldo, presto ci si annoia a fumare e bere birrette in piazzetta. per rompere con una quotidianità reiterata e arrabbiati per i troppi prigionieri della guerra sociale, una sera abbiamo deciso andare in giro a fare danni. presto abbiamo incontrato una macchina del corpo diplomatico, a cui abbiamo dato fuoco con gioia. è facile, basta una scatola di diavolina!

con quest’azione abbiamo voluto mandare un saluto solidale a tutti i prigionieri anarchici in carcere

in particolare a paska e ghespe

...

Santiago [Cile]: Sabotaggio linea 4A della metropolitana (20/11/2017) [it]

All’alba di lunedì 20 novembre, le linee ferroviarie della linea 4A della metropolitana di Santiago, all’altezza della stazione della metropolitana La Granja, sono state sabotate. Non potevamo permettere che le cose seguissero il loro normale corso il giorno dopo la loro festività elettorale democratica. E non è sufficiente per noi semplicemente far appello a non votare, abbiamo deciso di posizionarci contro lo Stato e le sue logiche di controllo e dominio sulle nostre vite. Siamo contro lo stato una delle più alte espressioni dell’esercizio dell’autorità che tortura e reprime; siamo contro la loro democrazia con le illusioni di cambiamento sociale offerte ai potenti e assunte dai cittadini.

...

Amburgo [Germania]: Incendiate auto di compagnia di sicurezza in solidarietà (13/11/2017) [it]

Il sabotaggio è il mezzo appropriato per distruggere la facciata dell’autorità. Laddove le agenzie di sicurezza sono impegnate a garantire la propria sicurezza e quindi a trovare i propri strumenti di lavoro in rovina, il loro potere è visibilmente messo in discussione e ci incoraggia a continuare a infrangere le regole.

Questo è come quello che sta succedendo in Svizzera con il produttore Implenia, che sta pagando per il suo coinvolgimento in un progetto di prigione con gli incendi delle sue macchine da cantiere. Come è anche per VINCI, SPIE o EIFFAGE per i collegamenti che queste aziende hanno con la repressione.

...

Malmö (Svezia): Attaccato ufficio passaporti della polizia (17/11/2017) [it]

Il 17 novembre i leader dei paesi dell’Unione Europea si sono riuniti a Goteborg per il vertice UE. L’UE mantiene la vigilanza sulle proprie frontiere esterne, portando a innumerevoli morti di persone che cercano di entrare in Europa. Internamente, i controlli di frontiera sono tornati durante l’ultima “crisi dei rifugiati”, e sulla frontiera svedese sono ancora in atto. Le frontiere e le deportazioni proteggono i ricchi e i potenti delle società europee al prezzo di omicidi e incarcerazioni, e si manifestano visibilmente nei passaporti e nella polizia.

...

Repubblica Ceca: Chiamata alla lotta – Sabotiamo le attività di questi bastardi! (11/2017) [it]

Vediamo che la campagna repressiva contro il movimento anarchico non si ferma. Gli esempi sono tanti: l’operazione Fenix nella Repubblica Ceca, il caso dei Tre di Varsavia, accuse per rapina in banca ad Aquisgrana, processi contro i ribelli per il G20 ad Amburgo, e altri.

Sbirri, giudici, magistrati, media. Cacciano, imprigionano, privano, manipolano. Questo è una sfida per tutte le Cellule rivoluzionarie e per altri gruppi e individui. Sabotare le attività di questi bastardi. Sovvertiamo il loro terreno, la tecnologia e le strutture. Organizzare la resistenza. Sostenere i fuggitivi e i loro cari.

...