Italy: “Prometeo” operation — Natasha was transferred to the Rebibbia prison in Rome [en]

Natascia was transferred from the prison in Gradignan, near Bordeaux (France), to the Rebibbia women’s prison in Rome. Here the address:
Natascia Savio
Casa Circondariale di Roma Rebibbia femminile
via Bartolo Longo 92
00156 Roma
Italia


Here the addresses of the other arrested comrades:

Italia: Operazione “Prometeo” – Natascia è stata trasferita nel carcere di Rebibbia a Roma [it]

Natascia[1] è stata trasferita dal carcere di Gradignan, nei pressi di Bordeaux (Francia), al carcere di Rebibbia femminile, a Roma. Qui l’indirizzo:

Natascia Savio
Casa Circondariale di Roma Rebibbia femminile
via Bartolo Longo 92
00156 Roma


(insuscettibilediravvedimento.noblogs.org)

[1] Natascia, Giuseppe e Robert sono stati arrestati martedì 21 maggio 2019 nel contesto di una operazione repressiva chiamata “Prometeo” ed eseguita dai carabinieri del ROS. Sono state eseguite anche alcune perquisizioni. L’accusa principale è di “attentato con finalità di terrorismo o di eversione”, poiché ritenuti responsabili dell’invio di tre pacchi-bomba arrivati nel giugno 2017 ai p. m. Rinaudo (pubblico ministero in molti processi contro il movimento antagonista e gli anarchici) e Sparagna (pubblico ministero nel processo per l’operazione “Scripta Manent”) e a Santi Consolo, all’epoca direttore del DAP (“Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria”) di Roma. Non sono stati accusati di alcun reato “associativo” (come gli art. 270 o 270bis, c. p.).

Salonicco [Grecia]: Gannis, Kostas e Dimitra – Dal carcere del Quartier generale di polizia [it]

Dalla galera del Quartier generale di polizia di Salonicco inviamo saluti anarchici ai nostri compagni che nuovamente rimangono solidali in questa nostra nuova avventura con il mattatoio repressivo poliziesco-giudiziario.

Affermiamo che rimaniamo forti, con la nostra dignità intatta, con i nostri principi e valori alla guida del nostro essere. Non cederemo alle nuove avversità che i dominatori di questo mondo ci stanno preparando.

Nessun passo indietro!
Il terrorismo è la schiavitù salariata, nessuna pace con i padroni.
Terroristi e banditi sono gli Stati e i capitalisti.
La solidarietà è la nostra arma.

...

Genova [Italia]: Scritte alla sede della RAI (13/06/2019) [it]

Apprendiamo dai quotidiani locali che nella notte del 13 giugno la sede della RAI in corso Europa a Genova è stata imbrattata con scritte anarchiche in solidarietà ai prigionieri in sciopero della fame.

“Stato boia”, “no 41 bis”, “solidarietà ai prigionieri in sciopero della fame” sono alcune delle scritte


Salonicco [Grecia]: Arrestati 3 compagni durante un’espropriazione (12/06/2019) [it]

Giovedì 12 giugno, tre dei nostri compagni anarchici sono stati arrestati a Salonicco, mentre stavano espropriando un portavalori che stava per ricaricare un bancomat all’ospedale universitario AHEPA.

Sono stati catturai dagli sbirri dell’unità antiterrorismo proprio quando stavano entrando in macchina per abbandonare il luogo.

I due compagni sono Giannis Dimitrakis e Kostas Sakkas, che hanno già pagato il prezzo della loro scelta politica per essersi opposti alle autorità di questo mondo, sono stati presi di mira e scontato la pena in carcere. Il terzo compagno, Dimitra, è accusato di aver collaborato all’espropriazione.

...

Italia: Giova e Paska ai domicilari [it]

Apprendiamo che per i compagni anarchici prigionieri Giovanni e Paska, accusati (assieme al compagno Ghespe) di attacco esplosivo contro la libreria fascista “Il Bargello” avvenuto il 01/01/2017 (quando un artificiere della polizia rimase gravemente ferito), è stata disposta la misura cautelare degli arresti domiciliari.


Albi [Francia] : Notarella su un incendio [it]

In una pioggerellina notturna, ingiallita dalle luci della città,

un edificio in vetro, uffici illuminati.

Degli/le individui si introducono nel perimetro recintato.

Parcheggio.

Con una serie di passi impauriti che si sforzan d’esser lesti,

bruciano un buon numero di veicoli di ENEDIS.

Esplosioni sparse, nelle pieghe di metallo,

una ritirata in fretta nel grano imbevuto d’acqua.

Le fiamme all’opera, le intemperie sono sospese.


Nota: secondo i mass-media, nella notte di martedì 11 giugno, dieci veicolo sono stati incendiati ad Albi, sul parcheggio della sede regionale di ENEDIS (l’impresa che gestisce la rete ditribuzione d’elettricità in Francia, filiale di Électricité de France).

...

Alfredo Cospito
Contributo Per l’assemblea del 9 giugno 2019 a Bologna [it]

Ritengo importante che i compagne-i anarchiche-i con visioni e pratiche diverse si incontrino su questi temi. Per quanto limitato questo è il mio contributo, solo qualche spunto di riflessione critica.

Prima di affrontare dall’interno della “bestia” l’argomento per il quale vi siete riuniti e dire la mia sulle cose “positive” e negative di un AS2 e su come contrastare (secondo me) la repressione che ci sta colpendo bisognerebbe chiarire alcuni punti, farsi almeno due domande... La repressione sta realmente aumentando nei confronti degli anarchici-e? ...perché? Qual è la pratica che ha costretto il “potere” a diventare più aggressivo nei nostri confronti?

...

Italia: Aggiornamento sullo sciopero della fame di Anna e Silvia [it]

La direttrice del carcere di L’Aquila è andata a incontrare le compagne anarchiche in sciopero della fame, Anna e Silvia, informandole che farà pressione sul DAP per il loro trasferimento.
Non sappiamo se si tratta di una presa in giro, ma per le due compagne è pur sempre un risultato.
Mercoledì prossimo dovrebbero incontrarla di nuovo.

Italia: Aggiornamento sullo sciopero della fame dei compagni detenuti [it]

Ultimo aggiornamento: Ghespe ha interrotto lo sciopero della fame lunedì 10/06, mentre Giovanni Ghezzi l'ha interrotto verso la fine della settimana scorsa. Entrambi stanno bene.


---------

Alfredo Cospito, nel carcere di Ferrara, ha perso più o meno 11 chili, ma essendo prima stato sovrappeso non sta male, ma sta comunque perdendo molto peso.

Anche Stecco (Luca Dolce), il compagno detenuto nello stesso carcere di Ferrara, ha perso 9 chili.

L’avvocato che ha visto Marco Bisesti, nel carcere di Alessandria, ha riferito che il compagno ha perso 9 chili, che per il suo peso precedente è tantissimo.

...

Madrid [Spagna]: Informazioni sull’arresto di una compagna anarchica accusata di danneggiamento della sede nazionale di VOX [it]

Lo scorso 25 aprile una compagna è stata arrestata e poi rilasciata con l’accusa di aver danneggiato la sede nazionale di VOX a Madrid.
Al di là dell’innocenza o della colpa, dobbiamo serrare le file in difesa dei nostri compagni e compagne. La lotta sta nelle strade, sempre, e non nel parlamento e altre istituzioni dello Stato. Avanti con l’azione diretta contro i suoi partiti e i responsabili del nostro sfruttamento e miseria, contro il fascismo e la democrazia!

...

Greece: CCF Member Damiano Bolano Released from Prison [en]

On Tuesday, 21/5, the member of the Conspiracy of Cells of Fire, Damiano Bolano, was released. The comrade has been in custody since March 2011 [precisely he was arrested on March 14th].

Freedom to all!
Until the last prison has been destroyed!
We support the imprisoned fighters morally, materially, politically.

Solidarity Fund for Prisoners and Persecuted Fighters

Greece: The anarchist Giannis Michailidis has escaped from Tyrintha prison [en]

The anarchist prisoner Giannis Michailidis [sometimes the name is reported as Yannis and the surname as Mihailidis] escaped a few days ago from the so-called rural prison of Tyrintha (Tiryns), in Peloponnese. He was arrested on 1 February 2013 following the double robbery that took place in Velventos (Kozani region, in Greece), along with the anarchists Nikos Romanos, Dimitris Politis and Andreas-Dimitris Bourzoukos (for the same facts on 30 April 2013 were also arrested the fugitives anarchists Argyris Dalios, Fivos Harisis, Giannis Naxakis and Grigoris Sarafoudis — not all of them were convicted of robberies). The comrade, before the escape, was serving a sentence of 16 years and 4 months, imposed with the sentence that followed the trial regarding the facts of Velventos. Furthermore, in 2015 he was sentenced to 15 years for charges linked to an attack on the police on May 18, 2011, in Pefki, during a police check (two policemen were wounded and the anarchist Theofilos Mavropoulos was arrested, wounded as well). Giannis is also known as “the archer of Syntagma” since, in February 2011, in the clashes during a general strike, he was arrested for hitting the riot police that protected the Greek parliament in Syntagma Square (Athens) with a bow and arrow.

...

Grecia: Il compagno anarchico Damiano Bolano, membro della CCF, è stato scarcerato [it]

Il 21 maggio 2019 Damiano Bolano, membro della Cospirazione delle Cellule di Fuoco, è stato scarcerato. Il compagno era prigioniero da marzo 2011 [precisamente venne arrestato il 14 marzo].

Libertà per tutti!
Fino a quando verrà distrutta l’ultima prigione!
Supportiamo i compagni imprigionati moralmente, materialmente e politicamente.

Fondo di solidarietà per i prigionieri e i combattenti perseguitati


Tratto e tradotto da 325.nostate.net

In spagnolo: publicacionrefractario.wordpress.com

Grecia: L’anarchico Giannis Michailidis è evaso dal carcere di Tyrintha [it]

L’anarchico prigioniero Giannis Michailidis [talvolta il nome è riportato come Yannis e il cognome come Mihailidis] è fuggito pochi giorni fa dalla cosiddetta prigione rurale di Tyrintha (Tirinto), in Peloponneso. Era stato arrestato il 1° febbraio 2013 a seguito della doppia rapina avvenuta a Velventos (regione di Kozani, in Grecia), insieme agli anarchici Nikos Romanos, Dimitris Politis e Andreas-Dimitris Bourzoukos (per gli stessi fatti il 30 aprile 2013 vennero arrestati anche gli anarchici latitanti Argyris Dalios, Foivos Harisis, Giannis Naxakis e Grigoris Sarafoudis – non tutti sono stati condannati per le rapine). Il compagno, prima di evadere, stava scontando una condanna di 16 anni e 4 mesi imposta con la sentenza che ha fatto seguito al processo riguardo i fatti di Velventos. Inoltre, nel 2015 è stato condannato a 15 anni per delle accuse legate ad attacco contro la polizia avvenuto il 18 maggio 2011 a Pefki, durante un controllo (furono feriti due poliziotti e l’anarchico Theofilos Mavropoulos, a sua volta ferito, venne arrestato). Giannis è noto anche come “l’arciere di Syntagma” da quando, a febbraio 2011, nel corso dei disordini verificatisi durante uno sciopero generale, venne arrestato per avere colpito con arco e frecce la polizia antisommossa che proteggeva il parlamento greco in piazza Syntagma, ad Atene.

...

Madrid [Spagna]: Sabotate bici elettriche [it]

Nel mese di maggio decine di bici dell’azienda BiciMad sono state sabotate nel centro di Madrid. Non ci vuole tanto, tagliando il cavo di alimentazione la bici si mette fuori uso. Il sabotaggio contro la struttura della città è facile e semplice. La città pacificata, ordinata, mercificata, la città dei big data, del controllo, delle perquisizioni, la smart-city, la città dello sfruttamento e della miseria, la città come centro di accumulo del potere... è vulnerabile! Come anche le sue infrastrutture e le sue reti di trasporto!

...

Cile: Attacco incendiario in memoria di Mauricio Morales [it]

Con questa azione vendichiamo il nostro compagno Mauricio Morales, morto decidendo di attaccare il sistema dominatore attraverso l’azione diretta: Rivendichiamo la collocazione di un ordigno incendiario nel territorio di Lo Ovalle.

La nostra azione avviene dopo aver affinato le nostre idee e convinzioni, abbiamo scelto di organizzarci per vandalizzare un trasporto (che rappresenta il capitalismo industriale).

Condividiamo e solidarizziamo con le chiamate all’ostacolare l’ordine sociale dei potenti e dei loro vertici internazionali. Lo Stato cileno nel suo ruolo di dominio e sfruttamento conduce attività e conferenze che hanno come l’unico scopo rafforzare il modello neoliberale e arricchire i pochi, trasformando questi incontri in presunte iniziative che favoriscono la popolazione e avvantaggiano le persone, essendo la sua motivazione principale accelerare lo sfruttamento e mercificare la vita, accompagnata da un discorso che propone il controllo politico come mezzo necessario per vivere.

...

Atene [Grecia]: Attacco alla polizia – Lambros vive tra le fiamme [it]

La notizia uscita nel marzo di nove anni fa ci ha lacerato, ma non ci ha sorpresi.

Il nostro compagno Lambros Fountas è morto in uno scontro armato con gli sbirri durante l’espropriazione di un veicolo a Dafni. Conoscendo Lambros, conoscevamo l’insieme delle sue scelte come rivoluzionario. Conoscendo Lambros conoscevamo la sua solida formazione, l’assenza delle infatuazioni, la sua profonda etica umana, che gli facevano percepire il suo impegno rivoluzionario in maniera piena e totale. Lo avevamo incontrato nelle assemblee, negli spazi occupati, nelle manifestazioni, proteste, incontri cospirativi, rivolte insurrezionali, azioni antifasciste, negli incendi notturni. E non è stata una sorpresa per noi quando, con la sua morte, abbiamo scoperto che le sue scelte rivoluzionarie includevano anche la partecipazione nel gruppo armato Lotta Rivoluzionaria.

...

Italy: Updates on Juan and Manu, anarchists arrested on May 22 in Brescia [it]

Juan was transferred to the prison of Terni. He is accused of “association with the purpose of terrorism or subversion of the democratic order” (art. 270bis of the penal code), “act of terrorism with deadly or explosive devices” (art. 280bis) and “massacre” (article 285) for the attack against the headquarters of the “Lega Nord” party in Treviso in August 2018, of “possession of forged documents” (497bis) and of “carrying of weapons or objects to offend” (for a small knife, article 4 of law 110/75).
Manu was transferred to the Monza prison [this last comrade is accused of “personal aiding” (art. 378), in reference to the absconding of Juan].

...

Italia: Aggiornamenti su Juan e Manu, anarchici arrestati il 22 maggio a Brescia [it]

Juan, accusato di associazione con finalità di terrorismo o eversione dell’ ordine democratico (270bis), atto di terrorismo con ordigni micidiali od esplosivi (articolo 280bis) e di strage (articolo 285) per l’attacco alla sede della lega di Treviso di agosto 2018, di possesso di documenti falsi (497bis) e di porto d’armi o oggetti atti ad offendere (per un coltellino, articolo 4 della legge 110/75) è stato trasferito al carcere di Terni.
Manu invece è stato trasferito al carcere di Monza [quest'ultimo compagno è accusato di "favoreggiamento personale" (art. 378)].

...