[Francia] Contro la prigione, dall’esterno Alcuni spunti per allargare i nostri campi d’azione [it]

Una semplice constatazione

Finché esisterà la detenzione, le persone detenute si ribelleranno. Le ribellioni all’interno di differenti tipi di carcere (prigioni, centri di detenzione, carceri minorili, manicomi) hanno avuto e hanno forme diverse: tentativi d’evasione, rivolte (a volte con distruzione della struttura), violenza contro i secondini... Queste ribellioni, anche se lasciano sempre intravedere come causa il desiderio di libertà, sono spesso accompagnate da richieste riguardanti un miglioramento delle condizioni detentive, e non la pura e semplice fine del carcere. La condizione detentiva in cui queste forme di ribellione si manifestano è già di per sé estremamente difficile, e nella maggior parte dei casi la stessa ostacola la speranza di raggiungere la libertà. Questo può in alcuni casi spiegare il “realismo” riformista della maggior parte di rivendicazioni provenienti dall’interno delle carceri.

...

UK: Negazine no. 1 / 2017 – A new journal published by anarchists [it]

When reading the following pages it would be well to put everything that we already know about technology aside. Indeed, what knowledge or hypothesis passed off as certainty makes up the scientific aspect of technology? Not much.

Negazine is not an easy read. On the contrary, reading it requires a certain level of effort and the will to put oneself on the line. And it couldn’t be otherwise, given the subjects it goes into. Negazine offers neither certain answers nor slogans to write on the next wall.

...

Francia: Uscito n°3 di “Kairos” – giornale anarchico in lingua francese (03/2018) [it]

DOWNLOAD PDF: Kairos – Journal anarchiste

“Nel greco antico kairos indica l’idea del momento opportuno da cogliere, quella occasione favorevole, dell’attimo propizio che consente la riuscita di un’azione in mezzo ai rischi del mondo e alle incertezze di circostanze esterne. Per questo è necessario passare alla pratica, imparare a cogliere questo kairos, da una parte cercando di riconoscerlo senza nascondersi dietro il facile pretesto delle circostanze, e dall’altra preparandosi ad agire in modo da non lasciarsi scappare questa opportunità.

...

Cile: Il compagno Juan Flores è stato condannato a 23 anni (15/03/2018) [it]

Il 15 marzo 2018, la sesta Corte Penale Orale ha nuovamente deciso sulla vita delle persone. Pervasi dalla presunta superiorità morale e dal codice penale in vigore, hanno svolto i calcoli matematici per decidere il tempo in cui gli individui devono rimanere sequestrati nelle carceri.

Intorno a mezzogiorno il tribunale ha emesso la sentenza contro il compagno Juan Flores per i seguenti crimini:
- attacco alla stazione della metropolitana di Los Dominicos (azione intrapresa il 13 luglio 2014): secondo la legge sul controllo degli armamenti + 6 reati di lesioni lievi + danno – è stato condannato a 8 anni di carcere.
- attacco a Subcentro (azione effettuata l’8 settembre 2014, dove la polizia è stata avvertita minuti prima della detonazione): ai sensi della legge antiterrorismo è stato condannato a 15 anni.

...

[Spagna] Il contesto della solidarietà [it]

Il termine solidarietà fa riferimento ad un concetto molto ampio, che può essere applicato a diversi ambiti della vita e della lotta anarchica (i quali dovrebbero essere la stessa cosa, ma non sempre lo sono) e con diverse interpretazioni. Per restringere un po’ le analisi andremo qui a riferirci alla solidarietà in situazioni di repressione, nel contesto del regno di Spagna, cercando di esaminare diversi significati del termine e come vengono messi in pratica nella suddetta area geografica e politica.

...

Spagna: Nuova pubblicazione anarchica “Infamia” (03/2018) [it]

Nuova pubblicazione anarchica di Madrid. Grautita.
Potete scaricarla cliccando qui.
Riportiamo qui l’editoriale.
Per ordini e altri contatti scrivere a: publicacioninfamia@autistici.org


Nell’epoca dell’antica Roma l’infamia significava la riduzione dell’onore del cittadino. Si veniva colpiti per aver commesso un atto vergognoso o vile, a seguito del quale il censore discreditava la persona inserendola nella categoria di infame. In questo modo la persona colpita non poteva accedere alle cariche pubbliche, né votare alle elezioni, e questo limitava le sue facoltà sociali e giuridiche.

...

Genoa [Italy]: Righi telecommunications repeater up in flames (13/03/2018) [en]

We live in a world where being connected is essential if we want to keep up with the times and keep pace with the neurotic rhythm that modern society is offering us.
Human relationships have broken up behind displays, Apps.
Without WhatsApp you risk being excluded from your group of friends… seriously.
At work, in the family, as a couple, we all need to be constantly available: “send your precise position”, “send a selfie “, “listen to this voice message”.

Although we realize that “perhaps” we’re spending a lot of time at home, links are becoming more and more virtual and our first thought as soon as we get in after a day’s work is to turn on the pc, we don’t want to figure out for ourselves that something’s wrong, we’re lying to ourselves.
It’s a well-known fact that technology and its damsels have full control over our lives today, what needs to be analysed is why we’ve accepted it.

...

Genova [Italia]: Incendiato ripetitore (13/03/2018) [it]

Viviamo in una realtà dove essere connessi è fondamentale se si vuole rimanere al passo coi tempi e vivere al ritmo, nevrastenico, che la società moderna ci offre.
Le relazioni umane si sono sfaldate dietro a dei display, a delle App.

Senza Whatsapp rischi di essere escluso dal tuo gruppo di amici... seriamente.

Al lavoro, in famiglia, nella coppia ci richiediamo a vicenda di essere sempre reperibili: “mandami la posizione di dove ti trovi”, “manda un selfie”, “ascolta questo messaggio vocale”.
Nonostante ci si renda conto che “forse” stiamo uscendo poco da casa, che i legami siano sempre più virtuali e che dopo una giornata di lavoro, il primo pensiero appena tornati a casa sia quello di accendere il pc, non vogliamo dedurre da soli che ci sia qualcosa che non va, mentendo a noi stessi.

...

Francia: Affaire Quai de Valmy – Aggiornamenti su Krem (03/2018) [it]

Notizie sul trasferimento di una delle persone condannate per aver preso parte all’incendio della macchina della polizia quai di Valmy a maggio 2016.

Essendo stato condannato a più di 2 anni, fu trasferito, coi ceppi ai piedi, dalla prigione di Fleury-Mérogis al centro di detenzione di Meaux, carcere in “gestione delegata” GEPSA, filiale di Engie. Se molti prigionieri aspettano mesi o anni per il loro inserimento in CD, sperando in condizioni di detenzione meno dure, per lui è stato veloce.

Data la volontà dell’Autorità Penitenziaria di intimidire detenuti e persone solidali, non crediamo che questo sia un favore:

...

Italia: Aggiornamenti sull’Operazione Panico (11/03/2018) [it]

Il 9 gennaio, dopo circa 2 anni dall’apertura, è stata notificata la chiusura delle indagini dell’Operazione Panico e così abbiamo avuto accesso a quasi tutte le carte dell’inchiesta. Dopo aver fatto visionare ad un perito di genetica la relazione della Scientifica in merito ai reperti, al prelievo dei campioni di dna ed alle relative analisi, abbiamo dunque valutato la possibilità di presentare un’istanza di scarcerazione per Ghespe al Gip. Quest’ultimo, infatti, sin dal momento della convalida degli arresti di agosto, aveva messo in discussione l’impianto accusatorio di quella che, ai nostri occhi, appariva niente meno che una rappresaglia portata avanti dalla questura e dagli immancabili Ros. Pertanto, come scelta meramente tecnica, abbiamo deciso di richiedere degli interrogatori per rallentare l’iter processuale ed il passaggio delle carte dal Gip al Gup. Questa mossa, piuttosto insolita, è stata interpretata dalle pagine dei giornali come una forma di paura da parte nostra di fronte alla gravità delle accuse e la possibilità che qualcuno parlasse stimolava l’appetito di Pm e Digos. I giornalisti, in tutta la loro miseria ed abituati all’arte diffamatoria, in seguito hanno riportato che ciò sarebbe pure avvenuto. Per la loro tristezza, invece, ci siamo tutti avvalsi della facoltà di non rispondere, rilasciando singolarmente delle dichiarazioni spontanee, come già avvenuto a febbraio (2017) in occasione degli interrogatori di garanzia, riguardo all’accusa collettiva di associazione a delinquere ed alla squallida suddivisione gerarchica e di ruoli tra le compagne e i compagni a Firenze. Purtroppo però, lo stesso giorno, siamo venuti a conoscenza della mossa da parte della procura di stralciare Ghespe dall’associazione a delinquere e di procedere separatamente per lui riguardo ai fatti di Capodanno, accelerando così i tempi in modo da aver già assegnato un Gup al suo caso. L’intento, piuttosto chiaro, sembra quello di voler giungere ad una condanna senza perder tempo rispetto ad altre questioni.

...

Italia: Online nuovo sito degli Anarchici fiorentini [it]

panicoanarchico.noblogs.org

Nonostante non siamo mai stati veementi sostenitori (nonchè utilizzatori) dei nuovi media, che si sono prepotentemente e arrogantemente imposti nelle vite di noi tutti, abbiamo deciso di aprire questo blog per dare un po’ di visibilità in più, seppur virtuale, alla situazione repressiva che perdura a Firenze contro gli anarchici ormai da più di un anno (ed in particolar modo, alla carcerazione del nostro compagno Ghespe): nella sezione “aggiornamenti repressione” troverete via via i comunicati, volantini, testi e quant’altro è uscito ed uscirà a proposito della situazione fiorentina. Questa sezione è quella strutturata classicamente a blog, con i posts cronologici. I commenti sono disabilitati: tanti spazi web sono diventi un pubblico immondezzaio a forza di commenti di agguerriti parolieri moderni. Crediamo che ci siano luoghi (magari fisici) molto migliori di questo per avere un confronto ed un dibattito.

...

Cile: Fissata la data della sentenza contro l’anarchico Juan Flores (15/03/2018) [it]

Il 15 marzo l’inquisizione giudiziaria deciderà a quanti anni condannerà il compagno Juan Flores.

Ricordiamo che Juan è accusato in base alla legge sul controllo delle armi per l’attacco alla stazione metro Los Dominicos, e in base alla legge antiterrorismo per l’attacco esplosivo al centro commerciale Sub-Centro.

Durante lo stesso processo giudiziario i compagni Nataly ed Enrique sono stati prosciolti da tutte le accuse.

Abbasso la legge antiterrorismo!
Abbasso lo Stato di polizia!

[Italia] Il fascista, l’antifascista e il robot. Quasi una barzelletta [it]

“L’antifascismo sarà il peggior prodotto del fascismo” – Amedeo Bordiga

“Giornate di dolore,
momenti di passione,
ti scrivo cara mamma,
domani ce’è l’azione”
- Dai monti di Sarzana, canto partigiano anarchico

Se questa volta scendiamo anche noi nell’agone delle insulse interpretazioni dei risultati di quell’evento miserrimo che sono le elezioni è perché, ci sembra, questa volta dalla natura dello spettacolo del teatrino della politica si possano fare delle riflessioni sui gusti di quegli spettatori che ancora si ostinano a partecipare, e quindi, in parte, sulla realtà che sta dietro la fiction.

...

Cile: Solidarietà insurrezionale in vista dell’inizio processo contro Joaquin e Kevin [it]

Benché la solidarietà risulta sempre essere importante – sotto tutti gli aspetti – non possiamo condividere molte azioni che vengono sollevate in sostegno ai nostri affini, anche se sono sempre necessarie. Riteniamo che una parte importante di riconoscersi come rivoluzionari risiede nell’essere disposti – come lo sono – ad attaccare l’apparato statale e il capitale. In questo modo crediamo che la solidarietà deve trascendere le parole, forgiarsi nell’attacco e così trasformarsi in azione costante contro l’ordine. Perché il riconoscimento di affinità va accompagnato dalle complicità ed esperienze, che creano un legame indissolubile tra anonimi.” – Cospirazione Internazionale per la vendetta / Cellula deflagrante Gerasimos Tsakalos

...

Berlino [Germania]: Cellula “Minoranza Violenta”/FAI – Un messaggio ai nostri Compagni Sconosciuti nella giungla urbana della società carceraria (06/03/2018) [it]

L’incendio di veicoli delle compagnie di sicurezza a Berlino come un utile mezzo di comunicazione.

Citando altre rivendicazioni seguiamo la proposta di relazionarci per sviluppare sia una più ampia mobilizzazione di gruppi militanti in Europa, che per sviluppare la nostra base teorica.

Riconosciamo le parole e la solidarietà e le condividiamo, quando Rouvikonas scrive sull’attacco contro l’ambasciata di Arabia Saudita ad Atene, il 19/12/2017:

“Come anarchici sappiamo che l’unica risposta definitiva giace nella solidarietà internazionalista tra i popoli organizzati in lotta. Non ci facciamo illusioni che a questo punto la ancora nascente solidarietà possa rovesciare i piani dei dominatori globali. Nelle circostanze attuali ciò che può essere raggiunto sono le piccole battaglie, là dove è possibile, per sabotare il processo di guerra in corso. [Questo è necessario] per preservare la coscienza sociale, per essere capitalizzati in caso evitare l’inferno diventi inevitabile”.

...

Italy: Update on “Scripta Manent” prisoners (03/2018) [en]

All the defendants who are able to attend the hearings have expressed a desire to see a possible solidarity presence in the courtroom.

Marco has attended some of the last hearings, but he doesn’t know whether he will attend or not the next ones, since lately he is attending alone.

Anna obtained the permit to attend the hearings of 7th and 8th, therefore we CALL FOR A SOLIDARITY PRESENCE IN COURTROOM to give them a sign of closeness and support.

For all we know, Danilo, Alfredo and Anna get their mail regularly. They are fine and in high spirit.

...

Italia: Aggiornamenti circa i prigionieri del caso “Scripta manent” (03/2018) [it]

Tutti gli imputati che hanno la possibilità di partecipare alle udienze hanno espresso il piacere a vedere un’eventuale presenza solidale in aula.

Marco ha presenziato a qualcuna delle ultime udienze, ma non sa se continuerà visto che ultimamente sta presenziando da solo.

Anna ha ricevuto i permessi per assistere alle udienze del 7 e 8, per cui INVITIAMO AD UNA PRESENZA SOLIDALE IN AULA per dargli un segnale di vicinanza e di sostegno.

Da quello che sappiamo Danilo, Alfredo e Anna ricevono la corrispondenza regolarmente.

...

Besançon [Francia] : Attacco di una filiale di Enedis (01/03/2018) [it]

notte tra il 28 febbraio e il 1 marzo. Besançon.

sede Enedis [gestore della rete di ditribuzione elettrica francese, filiale di Électricité de France; N.d.T], all’angolo del viale Gaulard e della via Bersot: spaccati numerosi vetri, muri e facciate imbrattati con vernice. lasciata la scritta: “SEPPELLIAMO I NUCLEOCRATI”.

solidarietà significa non limitarsi agli eventi festivi e a qualche discorso infiammato. Riprendiamo l’abitudine all’attacco e al sabotaggio, come nell’ autunno 2012 nella campagna vicino a Nantes con l’operazione Cesar [grossa operazione della Gendarmeria, che voleva svuotare la ZAD di Notre-Dame-des-Landes dei suoi occupanti; la resistenza sul posto ed una grossa ondata di solidarità conflittuale in tutta la Francia, rivolta soprattutto contro il Partito Socialista allora al governo e l’impresa Vinci, incaricata della costruzione dell’aeroporto, ne ha fatto una dura sconfitta per il governo; NdT] .

...

Madrid [Spagna]: Attaccata un’agenzia immobiliare nel quartiere di Vallekas (28/02/2018) [it]

La scorsa notte, tra il 27 e il 28 febbraio, sono state spaccati a colpi di martello i vetri di un’agenzia immobiliare in via Monte Igueldo. E’ stato lasciato un messaggio scritto con vernice, che diceva “guerra alla speculazione capitalista”.

Questa azione s’inserisce nell’attuale contesto dell’intento di trasformazione urbana del quartiere di Vallekas da parte del capitalismo e Stato. Videosorveglianza, speculazione immobiliare, controlli di polizia, razzismo, persecuzioni di occupazioni... è tutto quello che sta dietro la campagna mediatica contro i “narcotrafficanti”, utilizzati come cavallo di Troia per legittimare i cambiamenti nel quartiere che il mercato e lo Stato considerano opportuni.

...

Grecia: Il prigioniero anarchico Konstantinos Giagtzoglou termina lo sciopero della fame e sete dopo aver ottenuto il trasferimento (02/03/2018) [it]

Il compagno Konstantinos Giagtzoglou ha interrotto lo sciopero della fame e sete venerdì 02/03. I Comitato centrale per trasferimento prigionieri si è riunito in tardo pomeriggio e la sua decisione ha soddisfatto la domanda del compagno. Ntinos sarà definitivamente trasferito nel carcere di Korydallos il 10 aprile.


Un gruppo di compagni di Ntinos

Cile: La prigioniera anarchica Tamara Sol di nuovo trasferita al centro di sterminio di Valdivia (28/02/2018) [it]

Il 28 febbraio 2018, l’amministrazione penitenziaria decide di trasferire Tamara Sol dalla sezione di massima sicurezza, dove è rimasta ostaggio dal 25 gennaio.

Questa volta, i carcerieri decidono di trasferire la compagna Sol, nonostante siano in attesa di esami nell’ospedale penale di Santiago, nel centro di sterminio di Llancahue, situato a Valdivia, nel sud del Cile.

Il centro di sterminio di Llancahue è una prigione privata e negli ultimi anni si è resa nota per la particolare durezza del suo regime interno, insieme alle percosse e alle torture dei suoi carcerieri, molti dei quali sono stati trasmessi alla televisione e denunciati pubblicamente.

...

Rome [Italy]: Atennas and phone masts torched (12/02/2018) [en]

On the night of 12 February, in the vicinity of metro/bus station Ponte Mammolo in Rome, antennas and cell masts have been torched.

Against technological domination, let’s sabotage the alienation caused by smartphones, social networks e by everything that produces fictive social interactions and misery of human relations.

Solidarity to all anarchist prisoners locked up in jails.

A greeting to Cello, Greg and Ghespe


Roma [Italia]: A fuoco antenne e ripetitori (12/02/2018) [it]

La notte del 12 Febbraio, nei pressi della stazione metro/bus Ponte Mammolo a Roma, incendiate antenne e ripetitori telefonici.

Contro il dominio tecnologico, sabotiamo l’alienazione causata da smartphone, social network e tutto ciò che produce socialità fittizia e miseria dei rapporti umani.

Solidarietà a tutt* prigionier* anarchic* rinchius* nelle galere.

Un saluto a Cello, Greg e Ghespe

Carcere di Rebibbia-Roma [Italia]: “Così è… se vi pare” – Scritto della compagna anarchica Anna Beniamino (01/2018) [it]

Riflessioni ed aggiornamenti su di un processo

Non ci sono grosse riflessioni da fare su di un episodio repressivo, in fondo si tratta del semplice e ciclico presentarsi di azione e reazione – e neppure su quanto giochi sporco la repressione – altro fatto ben noto, al limite qualche nota a margine sullo svilupparsi delle sue tecniche e strategie.

Questo cercherò di fare, a più di un anno dagli arresti, a processo iniziato, aperta una breccia nella campana di vetro censoria e scoperte le carte giudiziarie, nella complessità della loro miseria, dopo lo scarno resoconto sullo scorso numero di Croce Nera e gli ulteriori sviluppi a cavallo della chiusura delle indagini e dell’udienza preliminare.

...

Grecia: Aggiornamenti sul prigioniero anarchico Konstantinos Giagtzoglou, in sciopero della fame e sete (28/02/2018) [it]

Il compagno Konstantinos Giagtzoglou è stato oggi trasferito in ospedale dopo un grave episodio di svenimento avvenuto mentre riposava nella sua cella. I funzionari del Ministero della Giustizia hanno informato l’avvocato del compagno che il consiglio chiamato a decidere se Ntinos otterrà o meno il trasferimento permanente in carcere di Korydallos, si riunirà venerdì, quattro giorni dopo il giorno promesso (che era lunedì). Ntinos sarà fino ad allora, venerdì, al 9° giorno dello sciopero della fame e al 5° della sete.

...