Parigi [Francia]: Aggiornamento sul processo per la Sbirromobile incendiata (11/10/2017) [it]

Angel B.: assolto (“partecipazione ad un raggruppamento allo scopo di preparare atti di violenza volontaria”)

Leandro L.: colpevole, 1 anno di carcere con sospensione della pena (“partecipazione ad un raggruppamento allo scopo di preparare atti di violenza volontaria”)

Bryan M.: assolto (“partecipazione ad un raggruppamento allo scopo di preparare atti di violenza volontaria”); colpevole, 1.000€ di multa (“rifiuto del prelievo di DNA”)

Thomas R.: colpevole, 2 anni di carcere di cui 1 con sospensione della pena (“autore di colpi inflitti al veicolo con pugni e calci”)

Kara B.: colpevole, 4 anni di carcere di cui 2 con sospensione della pena (“lancio di una sbarra metallica sul parabrezza”)

Ari R.: colpevole, 5 anni di carcere di cui 2 anni e mezzo con sospensione della pena (“colpi inflitti sul retro della macchina con l’aiuto di una sbarra metallica”)

Nicolas F.: colpevole, 5 anni di carcere di cui 2 e mezzo con sospensione della pena (“percosse inflitte col spranga ad un agente di polizia”)

...

Italy: Call for International Solidarity on 16 November — Scripta Manent Trial [en]

On November 16th, at 10 am, in front of the high security court in Turin, will be held the first hearing of the trial Scripta Manent, and it will be a long-running case, in which 22 anarchist comrades are charged, and seven of them are still in prison.

The repressive State apparatus accuses a part of the anarchist movement of attacking it with the practices of: destructive direct action against its structures and its men, realization and distribution of anarchist publications, and support for revolutionary prisoners.

The theorem of prosecutor Sparagna is that the positions of accused comrades are isolated and distant from the anarchist context.

It is a blatant attempt to factionalise and confine the anarchism to certain fenced enclosures, legal and interpretative.

We demolish the attempt to isolate these comrades and we affirm that the practices and positions they are accused of, constitute a patrimony of all anarchists and revolutionaries, and we reaffirm our closeness and our solidarity with the defendants.

...

Italy: Anarchist comrades Billy, Costa and Silvia have trial process ended (10/2017) [en]

A few days ago the trial court in Turin held a hearing of the trial going on in the Italian state against eco-anarchist comrades Billy, Costa and Silvia. The Supreme Court confirmed the “non-procedural default of jurisdiction”, as already decided at first instance and in appeal, for the principle of not being able to process twice a defendant for the same act. It then closes once and for all, with this definitive decision, their affair in the state courts.

Solidarity to the comrades – Fire to IBM and the techno-prison world

Italia: Aggiornamenti – Non procedibilità del processo contro Billy, Costa e Silvia (10/2017) [it]

Si è svolta qualche giorno fa al tribunale di Torino la Cassazione del processo nello Stato italiano contro Billy, Costa e Silvia. La Cassazione ha confermato la “non procedibilità per difetto di giurisdizione”, come già deciso in primo grado e in appello, per il principio del non poter processare due volte un imputato per lo stesso fatto.

Si chiude quindi una volta per tutte, con questa decisione definitiva, la loro vicenda nei tribunali dell’italia Stato.

Parigi [Francia]: Aggiornamento sul processo per la sbirromobile incendiata (22/09/2017) [it]

La sentenza sarà emessa mercoledì 11 ottobre alle ore 10.


Aggoirnamento a venerdi’ 22 settembre (le richieste della Procura):

Il giudizio, inizialmente previsto per 29 settembre alle ore 11, sarà emesso in una data successiva (da stabilire mercoledì prossimo, 27/09, quando gli avvocati finiranno il proprio discorso, dalle 9:30 alle 13, all’ultima udienza [vedi sopra; NdT]). D’altro canto, all’ultimo momento, verso le 21:30, il tribunale si è pronunciato sul rilascio di Kara e Krem, ancora in carcere. Rifiutato, in mezzo alle grida di una parte del pubblico: “Libertà”, “freedom”, “coraggio”.

Richieste dei P.M., Olivier Dabin e Emmanuelle Quindry:

(in base di: è un “processo contro dei teppisti” organizzati “in branco”, di “Dove si trovano i fascisti e gli estremisti quando si combatte la polizia, la giustizia, i giornalisti?”, “Durante la perquisizione sono stati trovati adesivi del movimento di estrema sinistra”, “Sfido chiunque a dire che la giustizia copre le violenze della polizia”, ma anche di: “Il grande Lenin diceva: L’anarchico è un reazionario” e “Per gli irriducibili, il silenzio è un diritto, ma è anche un silenzio di approvazione”) :

1) Contro le persone accusate di aver partecipato ad un “raggruppamento allo scopo di commettere atti di violenza”, ma anche di “violenza volontaria contro PDAP (persona depositaria di autorità pubblica)”, con 4 circostanze aggravanti (in unione, con arma, travisamento, contro PDAP):

Joachim (di nazionalità svizzera): 8 anni di carcere, col mandato di incarcerazione (latitante, già con mandato d’arresto, e accusato di aver gettato il fumogeno che ha incendiato la macchina)

Antonin: 5 anni di carcere, di cui 1 sospensione della pena [corrispondente alla condizionale nell’ordinamento italiano, NdT], con mandato di incarcerazione più divieto di partecipare alle manifestazioni per 3 anni a Parigi. Ha già fatto 10 mesi di custodia cautelare.

Nicolas: 5 anni di carcere, di cui 2 con sospensione della pena, senza mandato di incarcerazione (a seguito del suo “chiaro atto di pentimento” e l’assenza del “rischio di reiterazione”, disse il P.M.), e 3 anni di divieto di partecipare alle manifestazioni a Parigi. Ha già fatto 13 mesi di detenzione preventiva.

...

Praga [Repubblica Ceca]: Aggiornamento sul processo “Fenix” (21/09/2017) [it]

Tutti gli accusati in Fenix 1 sono stati prosciolti da tutte le accuse. Il verdetto però non è definitivo a causa dell’appello del P.M., però tutte le custodie cautelari sono state annullate, e come primo passo questo già rappresenta un gran sollievo. Ci saranno altri processi, e presto scriveremo di questo.
Domani mattina il tribunale cittadino di Praga deciderà se i cinque anarchici in “Fenix 1” sono “colpevoli” o meno (di cospirazione per preparazione di un attacco terrorista contro un treno con carico militare – incastrati da agenti infiltrati). La sentenza sarà pronunciata di mattina e oltre a decidere sulle vite dei cinque, mostrerà anche quanto lontano la polizia può spingere l’aggressione contro
...

Italia / Germania: Aggiornamenti sul processo a Riccardo, imprigionato ad Amburgo (05/10/2017) [it]

Il processo che vedrà imputato Riccardo si terrà il 5 di ottobre alle h.9.00 presso il tribunale di Altona – Amburgo (Max Bauer Allee 91.)
Sarà a porte aperte ma non ci è ancora dato di sapere se avverrà la sentenza nello stesso giorno o se slitterà ad un’altra data. Dipende dall’iter processuale (in molti casi hanno sentenziato in un solo giorno anche perché gli imputati hanno confessato).
Sarà giudicato tramite il secondo grado di una corte che prevede pene dai due anni in su (in Germania le corti sono divise in 3 livelli in base alla pena richiesta, non è una corte speciale).
I capi di accusa formalizzati sono: interruzione della pace pubblica, attacco tramite assalto (che equivale a lesioni – concorso in Italia) e resistenza.
Per quanto riguarda la censura alla posta non ci sono stati blocchi sistematici ma qualche lettera viene bloccata (fin ora sono 3, diluite nel tempo: una cartolina, una lettera, una busta contenente giornali da Amburgo). Poi sono state bloccate buste contenenti materiale controinformativo e opuscoli.

Indirizzo: Riccardo Lupano – Jva Billwerder – Dweerlandweg 100 – 22113 Hamburg – Germany

Italy / Germany: Upcoming trial of imprisoned anarchist Riccardo in Hamburg (05/10/2017) [en]

The trial that will see Riccardo accused will be held on 5 October at 9.00 at the court of Altona – Hamburg (Max Bauer Allee 91.)
It will be open but we donot yet know whether the judgment will be on the same day or will slip to another date. It depends on the hearing (in many cases they have been judged in a single day also because the defendants have confessed).
He will be judged by the second degree court that has sentences from two years upwards (in Germany the courts are divided into 3 levels based on the requested sentence, it is not a special court).
The formal charges are: breach of the peace, attack by assault and resistance.
Regarding mail censorship, there have not been any systematic blocks but some letters are blocked (so far they are 3, spread over time: a postcard, a letter, an envelope containing newspapers from Hamburg). Then envelopes containing counter-informative material and brochures were blocked.

Address: Riccardo Lupano — Jva Billwerder — Dweerlandweg 100 — 22113 Hamburg — Germany

Basilea [Svizzera]: Diverse azioni in solidarietà con gli accusati di incendio della macchina di polizia (09/2017) [it]

Primavera 2016 in Francia: nel contesto dell’annuncio di una riforma del mercato di lavoro, migliaia di persone scesero per le strade di varie città, occupando, bloccando, scioperando, attaccando gli sbirri e demolendo le strutture del potere. Per alcuni si trattava di una lotta per i propri diritti nell’ambito della schiavitù salariale, altri si facevano meno illusioni, sapendo che non c’è nulla da difendere in questo mondo di lavoro e di leggi, ma di passare direttamente al contrattacco. Il 18 maggio 2016, mentre gli sbirri protestavano in piazza della Repubblica contro la violenza anti-sbirri, una delle loro macchine è stata incendiata sul quai de Valmy. Di conseguenza, diverse persone sono state accusate, alcune detenute da molti mesi, di cui una più di un anno. Da 19 a 22 settembre si svolgerà a Parigi il processo contro nove persone, ma un accusato non è stato mai trovato.
Con questo in mente e pieni di cattive intenzioni, siamo usciti in questi ultimi giorni e tagliato i pneumatici dei veicoli di seguenti aziende:
- Bouygues: questo gruppo di BTP costruisce e gestisce in particolare prigioni e centri di detenzione in Francia. Inoltre, questa azienda partecipa anche alla costruzione del centro di nanotecnologie a Grenoble, sorveglia il sito protetto sperimentale di piante transgeniche, in campo aperto, nei dintorni di Zurigo, fa parte delle imprese mediatiche ecc. Per quelli che vogliono sapere di più su questa azienda e i suoi tentacoli, raccomandiamo un articolo nel primo numero di Rizoma.
- Adecco: agenzia di lavoro interinale. Perché “il lavoro corrisponde alla vita, come petrolio al mare”, come è stato ben formulato in un volantino distribuito durante la legge sul lavoro.
Più lontano, a Saint-Louis in Francia (nessuna frontiera ci ferma, né nelle nostre teste, né
...

Les Lilas (Seine-Saint-Denis) [Francia]: Incendiate tre autolib in solidarietà con Kara e Krem (19/09/2017) [it]

Nella notte tra il 18 e 19/09/17 abbiamo incendiato tre autolib [car sharing di auto elettriche, ndt.] nel comune di Les Lilas, nei sobborghi di Parigi.
Con questo gesto semplice abbiamo voluto esprimere la nostra solidarietà complice con Kara e Krem, che oggi affronteranno il processo per il caso della macchina di sbirri bruciata il 18 maggio in quai de Valmy a Parigi.
Perché noi apprezziamo le posizioni chiare e coerenti di fronte alla giustizia.
In accordo con l’appello lanciato nella rivendicazione di attacchi a Cévennes, utilizziamo “queste date [del processo] per alimentare il fuoco, che le fiamme si propaghino dalle montagne fino ai tribunali parigini!”.
Un saluto complice alla Cospirazione delle Cellule di Fuoco, come anche agli accusati nell’operazione scripta manent in Italia.

Alcuni amanti di fuochi fatui

Francia: Inizio processo per il caso della macchina di sbirri bruciata in maggio 2016 – 19-22/09/2017 [it]

Da 19 a 22 settembre si svolgerà il processo contro 9 persone accusate di aver attaccato una macchina di sbirri in quai de Valmy a Parigi il 18 maggio 2016. Due sono ancora in carcere, di cui una già più di un anno, mentre le altre sei si trovano sotto il controllo giudiziario, e l’ultima è ancora ricercata.
Quel giorno, nel pieno del movimento contro la “legge sul lavoro”, degli sbirri si adunarono sulla piazza della Repubblica per lamentarsi “dell’odio verso la polizia”. Una vera provocazione, dopo due mesi di proteste represse a colpi di lacrimogeni, granate, manganelli, arresti. Una contro-manifestazione viene indetta e proibita, ma ciò nonostante si scatena per le vie di Parigi, incrociando al suo passaggio una macchina di polizia con due sbirri a bordo, che viene attaccata e incendiata.
Per molti, questo gesto rappresentò una ventata d’aria fresca. Come è stata una ventata d’aria lo scatenarsi a Beaumont a seguito dell’omicidio di Adama Traoré, a Aulney a seguito dello stupro di Théo, o quando una macchina di polizia è stata bruciata davanti al commissariato nella sera dell’omicidio di Shaoyo Liu, o ancora quando le vie di Amburgo si infuocarono durante il G20. Come è una ventata d’aria ogni volta che agli sbirri viene restituita un po’ di umiliazione e brutalità che loro ogni giorno infliggono.
La giustizia spesso colpisce pesantemente quando i suoi lacchè in blu vengono attaccati. È che la giustizia e la polizia sono
...

Italia / Germania: Aggiornamenti sul processo contro il prigioniero anarchico Riccardo (05/10/2017) [it]

E’ stata fissata la data dell’udienza che vede imputato Riccardo di reati inerenti alle giornate di rivolta contro il G20 d’ Amburgo di luglio. Si terrà il 5 ottobre presso il Tribunale di Amburgo.
Invitiamo tutti/e a partecipare alla presenza solidale in aula (Riccardo sarà presente) e presso il Tribunale organizzata per quella data così come alle iniziative che verranno promosse a Genova in quei giorni di cui seguiranno aggiornamenti.

Incontro per discutere iniziative di solidarietà e aggiornamenti
MARTEDì 19 SETTEMBRE presso Il Mainasso,
Piazza Santa Maria in Passione 6, Genova

Italy / Germany: Updates on trial against the imprisoned anarchist Riccardo (05/10/2017) [en]

The date of the hearing against Riccardo, charged with criminal offences relating to riots against G20 in Hamburg in July, is set. It will be held on 5 October at the Court of Hamburg.
We call on everyone to take part in solidarity presence, organised for that day, in the courtroom (Riccardo will be there) and at the Court, as well as in activities which will be promoted in Genoa during those days. The updates will follow.

A meeting to discuss solidarity initiatives and updates
TUESDAY 19 SEPTEMBER, squat Il Mainasso — 6, Square Santa Maria in Passione — Genoa

Amburgo [Germania]: Processati gli accusati dell’anti-vertice di G20 (08/2017) [it]

Da questo lunedì, 28 agosto, quasi due mesi dalla fine di G20, sono iniziati i processi contro le persone accusate, tutte in custodia cautelare ad Amburgo.
Due processi si sono già conclusi e i prossimi si aspettano nei giorni successivi.

Primo processo (28/08/2017): 2 anni e 7 mesi di carcere per un presunto manifestante. Danese, di 21 anni, accusato di aver lanciato 2 bottiglie contro uno sbirro durante la protesta “Welcome to Hell” di 6 luglio. Le accuse sono “aggressione con gravi lesioni personali a pubblico ufficiale”, “gravi disturbi di ordine pubblico” e “ribellione”. Il giudice ha colpito duro, infliggendo una pena detentiva di 2 anni e 7 mesi. Questa sentenza va oltre la richiesta del P.M., il quale aveva chiesto un anno e nove mesi. Il giudice ha giustificato la propria decisione con la nuova legge rivolta a rafforzare la protezione di agenti dello Stato durante il servizio, entrata in vigore il
...

Francia: “Bello come una macchina degli sbirri che brucia” – Manifesti di solidarietà con detenuti anarchici Kara e Krème (08/2017) [it]

f-m-francia-manifesti-di-solidarieta-con-detenuti-1.png
(traduzione del manifesto)
BELLO COME UNA MACCHINA DEGLI SBIRRI CHE BRUCIA
Primavera 2016: la rabbia nelle strade scuote questo Paese rassegnato, come non succedeva da una decina di anni. L’ennesima legge che riduce ancora un po’ una delle nostre numerose catene – la schiavitù salariale – è la goccia che che fa tracimare una vaso pieno di sfruttamento, di Stato d’emergenza, di strapotere poliziesco, di paranoia, di vita virtuale e di futuri promessi che assomigliano troppo a questo presente cupo. Le città di Francia sono attraversate da manifestazioni distruttive, piccoli momenti di vita si costruscono sulla distruzione di ciò che ci opprime ogni giorno.
Il 18 maggio, a Parigi, una manifestazione spontanea risponde come necessario a un presidio di sbirri che si lamentano del fatto che tutti odiano la polizia.
Una macchina delle guardie viene attaccata, i vetri spaccati, uno dei due sbirri si prende qualche colpo, poi la macchina brucia.
Subito dopo, e durante l’anno seguente, nove persone vengono accusate per questo fuoco di gioia. Alcune di loro hanno passato molto tempo in prigione, mentre un’altra resta irreperibile per la Giustizia. Passeranno tutte a processo a Parigi dal 19 al 22 settembre.
Due anarchici, Kara e Krème, sono ancora in prigione, in questo
...

Bruxelles [Belgio]: Aggiornamento sul caso degli anarchici indagati per terrorismo (01/08/2017) [it]

Il 1° agosto 2017, la Camera di Consiglio di Bruxelles ha deciso di cosa saranno accusati gli 11 anarchici indagati. Prima che la decisione fosse stata emessa, già circolava un comunicato stampa del dipartimento di giustizia. Gli articoli che sono seguiti nei media principali contenevano solo errori, mescolando questa indagine con l’ultima incentrata sulla lotta contro il maxi-carcere, riferendosi ai fatti avvenuti fuori dal periodo relativo a questa indagine, e infine totalmente erronei sulle accuse che finalmente erano arrivate in Camera di Consiglio.
Innanzitutto, la Camera ha abolito in tutti i casi l’accusa di terrorismo. Sia come fattore aggravante, dove l’Ufficio Federale di Procura l’aveva allegato ad un reato specifico, che come accusa di partecipazione in un gruppo terrorista. La Camera poi ha cancellato certe accuse che considerava non sostenibili per mancanza di prove sufficienti, per giustificare il loro rinvio al processo, incluse le accuse di attacco alla stazione di polizia di Marolles, di incendio di alcune macchine dei secondini sul parcheggio del carcere di Ittre, di fabbricazione di false buste paga, di saccheggio nei supermercati, di incitazione a commettere reati terroristi (riqualificato prima come “incitazione a reati gravi e minori”, mai poi respinto a causa della sua prescrizione).
Dall’altra parte, la Camera di Consiglio ha riformulato la “partecipazione in un gruppo terrorista” in “associazione creata con lo scopo di attaccare persone o proprietà attraverso la perpetrazione di reati gravi o minori” (9 persone accusate). Questo ha trasformato l’accusa di “capi di un gruppo terrorista” in “provocatori o capi banda di un’associazione creata con
...

Cile: Aggiornamento sul processo contro i prigionieri anarchici Nataly, Juan ed Enrique (07/2017) [it]

Il processo contro i compagni è iniziato il 24 marzo. Ci si aspettava che il processo sarebbe stato lungo ed estenuante, come lo è stato, dato che l’accusa aveva annunciato la presenza di 186 testimoni, 87 esperti, 231 documenti e 648 prove.
Come precedentemente riportato all’inizio del processo, le accuse e le condanne chieste dall’accusa sono le seguenti:

- Enrique Guzman: accusato di fabbricazione dell’ordigno esplosivo utilizzato alla stazione di polizia N°1 di Santiago Centro; questa accusa è stata formulata secondo la legge anti-terrorismo, e l’accusa sta chiedendo 10 anni di carcere.
- Nataly Casanova: accusata di fabbricazione dell’ordigno esplosivo utilizzato alla stazione di polizia N°1 di Santiago Centro, di collocazione dell’ordigno esplosivo nel vagone della metro alla fermata di Los Dominicos, e di possessione di materiale per la preparazione di esplosivi; le accuse sono state formulate secondo la legge anti-terrorismo e l’accusa sta chiedendo 20 anni di carcere.
- Juan Flores: accusato di fabbricazione dell’ordigno esplosivo utilizzato alla stazione di polizia N°1 di Santiago Centro, di collocazione dell’ordigno esplosivo nel vagone della metro alla fermata di Los Dominicos e di collocamento dell’ordigno esplosivo al Subcentro; le accuse sono state formulate secondo la legge anti-terrorismo e l’accusa sta chiedendo carcere a vita.

Attualmente i compagni stanno
...

Spagna: Aggiornamento sulle ultime operazione repressive contro gli anarchici [it]

Operazione Piñata – Per noi anche, nulla è finito: tutto continua

[Lunedì 30 marzo 2015, la polizia anti-terrorismo lancia 17 perquisizioni e arresta 15 compagni a Madrid, Palencia, Granada e Barcellona nel corso di un’operazione denominata Piñata. Durante le perquisizioni altre 24 persone vengo tratte brevemente in arresto per aver opposto resistenza (in particolare negli squat). Accusati di essere responsabili o membri di “Gruppi anarchici coordinati” (GAC), cioè di “associazione terrorista” a carattere “anarchico-insurrezionalista”, 15 compagni si trovarono indagati (10 a Madrid, 3 a Barcellona e 2 a Palencia), di cui cinque in custodia cautelare in Soto del Real. I primi dieci vengono poi rilasciati sotto controllo giudiziario (ritiro del passaporto, divieto di lasciare il territorio e firma ogni 15 giorni), e gli altri cinque trasferiti il 18 maggio in prigioni differenti lontano da Madrid. In diversi periodi, fino al 20 giugno 2015, sono stati tutti rilasciati sotto controllo giudiziario. Nello stesso periodo, altre due operazioni “anti-terrorismo” di polizia colpirono il movimento anarchico spagnolo: nel dicembre 2014 e poi nell’ottobre 2015, le operazioni Pandora 1 e 2 tentarono di incriminare le GAC (Gruppi Anarchici Coordinati) come ramo locale della FAI/FRI. Queste procedure alla fine furono archiviate senza seguito nel giugno 2016, cosa che ovviamente non si riferiva all’operazione Piñata, la cui istruttoria viene prorogata per ulteriori 18 mesi, mentre gli indagati non hanno ancora avuto accesso agli atti...]

La camera Nº 6 dell’Audiencia Nacional ha respinto il ricorso presentato dalla difesa del caso Piñata, e ha deciso di mantenere la proroga di 18 mesi (massimo) di istruttoria.
Il ricorso inviato più di un mese fa ha sottolineato che l’Audiencia Nacional aveva privato gli accusati di difesa, dato che il tribunale avrebbe dovuto attendere la risposta alla richiesta degli accusati, che chiedevano l’accesso agli atti per motivi differenti. Prima ancora di aver inviato
...

Parigi [Francia]: Il caso della macchina di sbirri bruciata 18/05/2016 – Kara e Kréme restano in carcere (17/07/2017) [it]

Lunedì 17 luglio, si è svolta l’udienza tecnica per il caso della macchina bruciata sul Quai de Valmy. Il tribunale doveva confermare le date del processo e decidere sulle misure coercitive su nove accuse nei confronti di nove accusati. Per quelli sotto controllo giudiziario la difesa non ha formulato nessuna domanda. Per quanto riguarda gli ultimi tre detenuti, a uno di loro, arrestato nelle settimane seguenti agli eventi, lo scorso anno, è stata accettata lo scorso fine settimana la richiesta di libertà, col braccialetto elettronico. Quindi, non aveva richieste per questa udienza. Per quel che invece concerne gli altri due, solo il compagno detenuto da febbraio di quest’anno ha chiesto la scarcerazione, ma gli è stata rifiutata con il pretesto che le garanzie di ripresentarsi non sono abbastanza solide, e per il fatto che non si vuole esprimere sui fatti. L’avvocato di uno degli indagati ha insistito sulla necessità di sbloccare la posta, bloccata o filtrata in modo molto più drastico da quando se ne occupa il P.M., cioè dalla fine delle indagini.
Era presente una quarantina di persone, gli accusati si sono ritrovati insieme
...

Turin [Italy]: Inquiry “Scripta Manent” — All committed for trial! (17/07/2017) [en]

Yesterday, 17 July 2017, at the courthouse of Turin was held the last day of preliminary hearing concerning the inquiry “Scripta Manent”. The decision of judge for preliminary investigation came as no surprise: all suspected were committed for trial.
The trial, for all comrades accused of being part of Informal Anarchist Federation [F.A.I.] — International Revolutionary Front [F.R.I.], will start on November 16th. For all, except for Giuseppe Lo Turco who asked for the abbreviated trial procedure.
An inquiry, the “Scripta Manent”, which inevitably recalls the “Marini” (1995) one. Only one cauldron of different inquiries, as “Ardire” (Perugia), “Shadow” (Perugia), “Moto” (L’Aquila), “Evoluzione” (Naples).
Updates will follow...

Somma Gioacchino — RadioAzione