c-c-carceri-cilene-parole-di-solidarieta-dei-compa-1.jpg

Nota: Il seguente testo dei compagni detenuti Fabián Durán, Enrique Guzmán, Nicolás Rojas e Joaquín García è stato scritto come risposta all’attacco vigliacco dei secondini contro le compagne detenute, Tamara Sol, Tato e Claudia, avvenuto 11 e 12 gennaio. Come risposta a questi attacchi brutali e codardi, gli amici e i famigliari delle compagne si sono velocemente mobilitati, organizzando una protesta davanti al carcere il 13 gennaio. Durante la protesta sono stati esposti striscioni davanti al carcere, urlati slogan e fatte le scritte sui muri del carcere. La polizia antisommossa ha attacco i manifestanti con gli idranti e arrestato 5 compagni. Anche se la protesta è stata repressa, ha comunque inviato un chiaro messaggio alle autorità carcerarie, che agli attacchi contro i compagni rivoluzionari detenuti si risponderà immediatamente.

Dai moduli della sezione di massima sicurezza salutiamo ognuna della compagne sequestrate dallo Stato, le quali giorno dopo giorno, con dignità e orgoglio, affrontano la realtà carceraria nelle sue forme ed espressioni.

Alcuni giorni fa abbiamo saputo, in forma più o meno parziale, del attacco codardo dei secondini contro le compagne Tamara Sol, Tato e Claudia. Siamo pienamente coscienti quanto questi atti siano diventati ripetitivi, sia come punizione, isolamento o come un eterno pacchetto, ma la ripetizione ostacola la normalizzazione, e questo dona più forza a noi e alle nostre convinzioni. Ogni giorno diventiamo sempre più impazienti di vendicarci della società carceraria e di coloro che la difendono.

Conosciamo le motivazioni personali di molti secondini, e la verità è che non ci preoccupano, perché sappiamo cosa provano verso i prigionieri politici, mentre noi sappiamo che ogni attacco codardo è causato dai loro tentativi frustrati di sconfiggerci, quindi loro per noi non rappresentano altro che dei motivi per sentirci fieri.

Salutiamo ognuna delle compagne e i loro famigliari che con la propria solidarietà e con l’atteggiamento intransigente si sono radunati davanti al carcere in sostegno delle compagne.

Concludiamo queste parole inviando tanto amore e forza alle compagne.

Seguiamo le loro decisioni e non esiteremo ad unirci a qualunque azione ritenuta necessaria.

Fabián Durán – Enrique Guzmán – Nicolás Rojas – Joaquín García

Nota di anarhija.info: Negli ultimi giorni di gennaio 2017 il compagno Nicolás Rojas, accusato di attacco molotov contro la porta della chiesa di San Francesco avvenuto nell’ottobre 2015, ha ottenuto gli arresti domiciliari, dopo aver trascorso tutto questo tempo in custodia cautelare. Per la liberazione dei prigonieri della lotta di strada! Né Dio Né Padroni!



Čileanski zatvori: Riječi solidarnosti s Tamarom Sol, Tatom i Claudijom (01.2017.)

Napomena: Slijedeći tekst zatvorenih drugova Fabián Durána, Enrique Guzmána, Nicolás Rojasa i Joaquín Garcíe napisan je kao odgovor na kukavički napad zatvorskih stražara na zatvorene drugarice, Tamaru Sol, Tato i Claudiju, koji se odvio 11. i 12. januara. Kao odgovor na te brutalne i kukavičke napade prijatelji i članovi obitelji drugarica su se brzo mobilizirali, organizirajući prosvjed ispred zatvora 13. januara. Tokom prosvjeda izloženi su trasparenti ispred zatvora, uzvikivani su slogani i ispisane parole na zidovima zatvora. Intervnentna policija napala je prosvjednike šmrkovima i uhapsila 5 drugova. Mada je prosvjed ugušen, ipak je poslao jasnu poruku zatvorskim vlastima da će se odmah odgovoriti na napade protiv zatvorenih revolucionara.

Iz modula odjela maksimalne sigurnosti pozdravljamo sve drugarice koje je država zatočila, koje se dan za danom, dostojanstveno i ponosno, suočavaju sa zatvorskom realnošću u njenim oblicima i ekspresijama.

Prije nekoliko dana doznali smo, u više ili manje djelomičnom obliku, da su zatvorski stražari izvršili kukavički napad na drugarice Tamaru Sol, Tato i Claudiju. Potpuno smo svjesni koliko se takva djela ponavljaju, da li kao kazna, izolacija ili pak kao vječni paket, no ponavljanje ne dozvoljava normalizaciju, i to ulijeva više snage nama i našim uvjerenjima. Svaki dan postajemo sve nestrpljiviji da se osvetimo zatvorskom društvu i njegovim pobornicima.

Poznajemo osobne razloge zatvorskih stražara, ali činjenica je da nas ne zabrinjavaju, jer znamo što osjećaju prema političkim zatvorenicima, dok mi znamo da je svaki kukavički napad prouzročen njihovim frustrirajućim pokušajima da nas poraze, zato oni za nas ne predstavljaju ništa drugo osim razloga da se osjećamo ponosni.

Pozdravljamo sve drugarice i članove njihovih obitelji koji su se uz svoju solidarnost i čvrsti stav okupili pred zatvorom da bi podržali drugarice.

Završavamo ove riječi šaljući mnogo ljubavi i snage drugaricama.

Slijedimo njihove odluke i nećemo oklijevati da se pridružimo bilo kakvom djelu koje budu smatrale nužnim.

Fabián Durán – Enrique Guzmán – Nicolás Rojas – Joaquín García

Napomena anarhija.info: Posljednjih dana januara 2017. drug Nicolas Rojas, optužen za napad molotovom na vrata crkve Sv. Franje u oktobru 2015., otpušten je u kućni pritvor, nakon što je čitavo ovo vrijem proveo u istražnom zatvoru. Za oslobođenje zatvorenika ulične borbe! Ni Boga Ni Gospodara!