a-g-atene-grecia-solidarieta-con-il-compagno-arres-1.jpg

Secondo le notizie via Athen IMC, compagno Kostantino G. è stato arrestato ed è sospettato dalle forze di sicurezza di essere coinvolto nell’attacco con lettera-bomba contro il tecnocrate, ex premier e funzionario di FMI, Loukas Papadimos, accaduto nel maggio 2017. L’attacco aveva comportato pesanti ferite a Papadimos, e ferito altre due persone che lo accompagnavano in macchina. Papadimos rimase in ospedale per un mese.

Il compagno arrestato è stato ferito alla gamba sabato mattina durante il suo violento sequestro da parte dell’unità anti-terrorismo. A quanto pare, Kostantino sarà accusato di molti reati. Oggi sarà portato di fronte al giudice istruttore, dove ci sarà un presidio solidale, al tribunale.

Questa azione repressiva delle forze di Stato non rimarrà senza risposta, e i compagni in lotta a livello internazionale devono essere consapevoli di questa ultima mossa.

I media corporativi hanno riportato, dalla polizia, che Kostantino era sorvegliato due settimane prima di essere arrestato, con otto false carte d’identità, due pistole, proiettili, un ordigno esplosivo con il timer e polvere da sparo in tre borsoni, un sacchetto per l’immondizia e marsupio. La polizia ha diffuso nei media anche che il compagno stava ripulendo una casa sicura affittata sotto falsa identità. La polizia sospetta che è legato alla Cospirazione delle Cellule di Fuoco e implicato in varie azioni di lettere-bomba irrisolte, incluso l’attacco contro il ministro tedesco delle finanze, Wolfgang Schäuble. Non importa se Kostantino G. è colpevole o innocente di accuse, nessuno compagno rimane da solo!

Solidarietà con Kostantino G.