p-f-parigi-francia-un-compagno-in-detenzione-preve-2.jpg

Il compagno anarchico arrestato mercoledì 7 in Bretagna è passato in tribunale [NdT: in una forma di procedimento comparabile al “giudizio immediato” dell’ordinamento giudiziario italiano] l’indomani, nella 23esima aula del Palazzo di giustizia di Parigi.

È accusato di danneggiamento a un Ufficio di collocamento, una struttura della Camera di Commercio e dell’Industria, un supermercato Franprix e un concessionario della Jaguar durante una manifestazione spontanea che si è svolta la sera del 14 aprile fra il decimo e il diciannovesimo arrondissement di Parigi.

Gli sbirri hanno identificato il compagno solo durante l’estate e hanno avuto delle difficoltà a trovarlo, anche se lui non si nascondeva affatto. Per un mandato di arresto spiccato nel mese di agosto, ci è voluta una ricerca sul Registro dei conti in banca [Fichier des comptes bancaires – Ficoba], che elenca tutti i conti bancari aperti in Francia (per poter per esempio localizzare gli ultimi prelievi) e delle ricerche sulla localizzazione del suo cellulare.

Il compagno ha rifiutato di essere giudicato in “giudizio immediato” e la Procuratrice ha quindi chiesto, col pretesto della sua fedina penale e di una possibile recidiva, che venisse messo in carcerazione preventiva. Il giudice ha accettato questa richiesta ed il compagno è attualmente alla prigione di Fleury-Mérogis [NdT: nella regione di Parigi].

Tra l’altro, questo tribunale ha ben mostrato, se mai ce ne fosse ancora bisogno, il volto della giustizia. Tutti gli imputati erano dei poveri, i cui espedienti per uscire dalla miseria e/o la dipendenza da diverse sostanze venivano sistematicamente considerati dalla Procuratrice e dal giudice come prove a carico. Anche i pochi tentativi di inchinarsi non hanno portato alla clemenza.

Il compagno era in forma, ha avuto un atteggiamento degno di fronte a questi servi del potere e ha fatto sapere che si esprimerà presto. Una piccola perla del discorso della Procuratrice a proposito del compagno : “Il signore si dice anarchico, ciascuno ha diritto ad avere un’opinione, le idee anarchiche sono quello che sono, ma non giustificano per niente i fatti che gli sono contestati”.

Il processo si terrà il 19 gennaio alle 13.30 nell’aula 23 del Palazzo di giustizia di Parigi.

Eravamo in tanti nelle strade durante le manifestazioni di questa primavera. Quei vetri rotti (quelli della Jaguar in particolare!) ci hanno rallegrato per parecchi giorni, come un piccolo raggio di sole in questo grigiume.

Che ogni giorno di detenzione del nostro compagno e di ogni altro prigioniero porti con sé degli atti di rivolta contro questo mondo!

La solidarietà è l’attacco!

Alcuni/e anarchici/e



Pariz [Francuska]: Anarhist pritvoren zbog prosvjeda protiv zakona o radu (11.12.2016.)

Anarhistički drug, uhapšen u srijedu 7. u Bretanji, odveden je na sud dan kasnije, u 23. sudnicu pariške palače pravde.

Optužen je za nanošenje štete Zavodu za zapošljavanje, jednoj zgradi Gospodarske i Industrijske komore, jednom marketu Franprix i jednom koncesionaru Jaguara, tokom spontanog prosvjeda uvečer 14. aprila, između 10. i 19. pariškog okruga.

Panduri su identificirali druga tek tokom ljeta i imali su poteškoća pri pronalasku, mada se on nije uopće skrivao. Za izvršenje naloga za hapšenje izdatog u augustu, bilo je potrebno pretražiti Registar bankovnih računa [Fichier des comptes bancaires – Ficoba], to jest popis svih tekućih računa u Francuskoj (kako bi se na primjer lokaliziralo posljednje podizanje novca), i lokalizirati njegov mobitel.

Drug je odbio da mu bude smjesta suđeno te je zato tužiteljica zatražila, pod izlikom njegovog kriminalnog dosjea i moguće iteracije, zatvorski pritvor. Sudac je prihvatio zahtjev i drug se trenutno nalazi u zatvoru Fleury-Mérogis [na pariškom području, nap.prev. na tal.].

Između ostalog, navedeni je sud dobro pokazao, ako je uopće još potrebno, lice pravde. Svi optuženi bili su siromasi čije su dosjetke za izlaz iz bijede i/ili ovisnosti o različitim sredstvima, tužiteljica i sudac sustavno smatrali kao dokaze protiv njih. Čak ni par pokušaja klanjanja nisu izazvali milost.

Drug je bio u formi, zadržao je ponosan stav naspram tih lakeja moći i rekao nam da će se ubrzo izjasniti. Jedan mali biser iz govora tužiteljice o drugu: “Gospodin se izjašnjava kao anarhist, svatko ima pravo na svoje mišljenje, anarhističke ideje su to što jesu, ali one uopće ne opravdavaju djela za koja se tereti”.

Suđenje će se odviti 19. januara u 13:30 sati u 23. sudnici Palaće pravde u Parizu.

Bilo nas je mnogo na ulicama tokom proljetnih prosvjeda. Ona razbijena stakla (nadasve koncesionara Jaguara!) su nas veselila dugo dana, kao mala zraka sunca u ovom sivilu.

Neka svaki dan zatvora našeg druga i svakog drugog zatvorenika donese sa sobom činove pobune protiv ovog svijeta!

Solidarnost je napad!

Neki/e anarhisti/ce