a-g-atene-grecia-sullo-sciopero-della-fame-di-alfr-1.jpg

Non analizzeremo niente e non esporremo delle sterili e squallidi fanfare. La nostra solidarietà con i compagni detenuti in Italia è un dato di fatto. In ogni caso, il complesso delle relazioni ascendenti ci è completamente avverso e siamo in guerra con tutte le sue espressioni, specialmente con le sue forme armate (repressione, correzione). Dall’autorità e dal suo gregge ci aspettiamo il peggio, e non possiamo affrontarli in un modo tattico differente se vogliamo causare anche il minimo serio danno. Dalla nostra posizione noi percepiamo lo sciopero della fame, eccetto come strumento di resistenza contro la repressione, anche come strumento di ricatto e sfruttamento della maschera umanitaria che gli Stati cercano di mostrare sul palcoscenico culturale europeo, e con tale (strumento) speriamo di ottenere effetto e causa per far retrocedere il nemico.

Forza ai nostri fratelli/sorelle

Non lasciamo i nostri compagni detenuti nelle mani della repressione

Attaccare proprio qui, proprio adesso ogni espressione del meccanismo autoritario.

Come mimino gesto di solidarietà con Alfredo ed Anna abbiamo appeso uno striscione con scritto:

“Alfredo, Anna, FORZA!

Nello sciopero della fame dentro le celle, contro l’isolamento

e la repressione che lo Stato impone

NULLA E’ FINITO! LA GUERRA STA DIVAMPANDO”

Uroboros


Atena [Grčka]: O štrajku glađu Alfreda Cospita i Anne Beniamino u talijanskim zatvorima (10.2016.)

Nećemo ništa analizirati i nećemo iznositi sterilne i turobne fanfare. Naša solidarnost s našim zatvorenim drugovima je činjenica. U svakom slučaju, skup uzlaznih odnosa nam je sasvim stran i u ratu smo sa svim njegovim izrazima, nadasve s njegovim oružanim oblicima (represija, korekcija). Od autoriteta i njegovog krda očekujemo najgore, i ne možemo se prema njima postaviti na drugačiji taktički način ako želimo prouzročiti i najmanju ozbiljnu štetu. S našeg stajališta, smatramo štrajk glađu, osim kao sredstvo otpora protiv represije, i kao sredstvo ucjene i izrabljivanja humanitarne maske koju države nastoje prikazivati na kulturnoj europskoj sceni, i takvim se (sredstvom) nadamo izazvati uzrok i posljedicu da bi se neprijatelj povukao.

SNAGE NAŠOJ BRAĆI/SESTRAMA

NE OSTAVLJAJMO NAŠE ZATVORENE DRUGOVE U RUKAMA REPRESIJE

NAPADNIMO UPRAVO OVDJE, UPRAVO SADA SVAKI IZRAZ AUTORITARNOG MEHANIZMA

Kao minimalnu gestu solidarnosti s Alfredom i Annom izvjesili smo transparent koji kaže:

“Alfredo, Anna, SNAGE!

U štrajku glađu unutar ćelija, protiv izolacije

i represije koje država nameće

NIŠTA NIJE GOTOVO! RAT BIJESNI”

Uroboros