Anarhija.info
Rosso e/o Nero – Black and/or Red [it]

Se qualche “compagno” si attende la traduzione in italiano della rivendicazione firmata dalla Colonna Insurrezionale FAI-FRI di Cile, intitolata “Progetto Nemesi”, sarà un’attesa infinita, dato che la redattrice/traduttrice di questo sito disprezza il comunismo (come già spiegato nel testo Aut Aut) quanto il capitalismo e la democrazia, quindi ne ha piene le ovaie di continuare a leggere nei testi anarchici (o “anarhcici”) delle “citazioni rosse”, come ad esempio delle RAF, Gramsci, esercito di Rojava, MIR, FPMR e di tutte le altre organizzazioni e personaggi che si battevano per realizzare quella stessa idea che ha trucidato gli anarchici in varie parti del mondo, essendo un’idea autoritaria.


If some “comrade” is waiting for translation in Italian of the claim signed by Insurrectional Column FAI-FRI from Chile, entitled “Project Nemesis”, it will be an endless wait, since the editor/translator of this site despises communism (as explained in the text Aut Aut) as much as capitalism and democracy, therefore these anarchist (or “anarchist”) texts with “red references” really broke my ovaries, as to RAF, Gramsci, army of Rojava, MIR, FPMR, and to all other organizations and figures, who fought to achieve the same idea that slaughtered the anarchists in different parts on the world, because it is an authoritarian idea.

Anarhija.info
Aut Aut [en]

When I translated and published the pamphlet Individuality and the anarchist group, signed by one of the CCF cells, Guerilla Urbana Cell, I added in a note that I didn’t do it because I agree with the content, but to make public how much this project, in my opinion, has turned away from its original form of tension to propose (or re-propose) an anarchist individualism which, in some ways, can be found in the pages of a different insurrectionist theory, but in this case approaching or even in some points leading to formal ideas, that is the formal organization.
Similar proposals (informal platform, structured and specific organization) have already been criticized, both in the writing of comrade Alfredo Cospito addressed to the Greek comrades and in the text of some comrades who made up the CARI-PGG, and recently in the last reflection, about the mentioned text, by the comrade of RadioAzione.
This following is just a collection of random thoughts which crossed my mind when I was translating the text, random pieces that do not compose a figurative mosaic, but a personal abstract image open to interpretation, because I do not possess the truth to be transmitted, certainly not to be commodify.
This pamphlet discusses various issues and many of them, from my point of view, erode the concept of individualism itself (both on theoretical and practical level). And those (at least, the authors of the text) who embraced the idea of ​​F.A.I., propagating the nihilistic version of anarchy, are now proposing to distort it, trying to redirect it in forms (structures) that are more appropriate, I dare say , to “communist insurrectionalism” than an anarchist one, perhaps more similar to the groups like 17N; trying to structuring the informal anarchy in platforms, fixed organizations, clusters, groups, sub-groups, test-groups etc. The text is an attempt to launch a proposal completely antithetical to F.A.I., but keeping the same adjective “informal”. Not because someone holds the “copyright” onto it, but because it eclipses everything informal and individualistic in this project. From my personal experience, if I think that a project does not meet my needs, I will be free create another one, without trying to convince others to adapt to my needs. In contrary, it would mean, for me, play politics.
I don’t want with these words, for the sake of anarchy, impose my ideas to someone. I just think it might be better for one who plans such a structured and fixed organization to give it, perhaps, more appropriate name. “Informal”, in document of F.A.I. in Italian language (”Open letter to the anarchist and anti-authoritarian movement”): “Furthermore, whoever takes part into the informal organization is a militant only when preparing and carrying out an action. The organization, therefore, does not affect the entire life and projects of the comrades (...) “. Then, if in some other language this concept has different meanings there were maybe some misunderstanding.
In this pamphlet individualism is corroded on several points, just to name a few, criticizing even the robberies done by anarchists for purely personal purposes, and not for the great cause. How selfish these anarchists are, those who satisfy their egos realizing their desires, simultaneously
...

Anarhija.info
Aut Aut [it]

Quando tradussi e pubblicai l’opuscolo “Individualità e il gruppo anarchico”, firmato da una delle cellule della CCF, Cellula di Guerriglia Urbana, aggiunsi in nota che non l’ho fatto perché ne condivido il contenuto, ma per rendere pubblico quanto questo progetto, secondo me, si è allontanato da quella sua forma originaria di tensione per proporre (o riproporre) un individualismo anarchico che per certi versi può essere trovato nelle pagine di una diversa teoria insurrezionalista, però, in questo caso, avvicinandosi, o addirittura in certi punti sfociando in idee formali, cioè dell’organizzazione formale. Simili proposte (piattaforma informale, organizzazione strutturata e specifica) sono già state oggetto di critica, sia nello scritto del compagno Alfredo Cospito indirizzato ai compagni greci, che nel testo di alcuni compagni che costituivano le CARI-PGG, e recentemente nell’ultima riflessione, riguardo il testo in questione, del compagno di RadioAzione.
Questo che segue è solo una raccolta di pensieri sparsi che affioravano alla mia mente mentre traducevo il testo, di tasselli che non compongono un mosaico figurativo, ma un’ astratta immagine personale libera a interpretazioni, perché non possiedo verità da trasmettere, e tanto meno da mercificare.
Questo opuscolo tocca vari argomenti, e molti di essi, secondo il mio punto di vista, vanno a sgretolare il concetto dell’individualismo in sé (sia a livello teorico che pratico). E proprio coloro (almeno gli autori del testo) che abbracciarono l’idea della F.A.I., propagando la versione nichilista dell’anarchia, adesso propongono di snaturalizzare la prima, cercando di indirizzarla nelle forme (strutture) che sono più proprie ad un, oserei dire, “insurrezionalismo comunista” che anarchico, più affine forse ai gruppi come 17N, cercando di strutturare l’anarchia informale in piattaforme, organizzazioni fisse, cluster, gruppi, sotto-gruppi, gruppi di prova ecc. Il testo sta tentando di lanciare una proposta completamente antitetica alla F.A.I., però conservando lo stesso aggettivo “informale”. Non perché qualcuno detiene su di essa i “diritti d’autore”, ma perché va ad eclissare tutto quello che c’è di informale e di individualista in questo progetto. Partendo dalla mia esperienza personale, se ritengo che un progetto non soddisfa i miei bisogno sono libera di crearmi un altro, senza cercare di convincere gli altri di adattarsi ai miei bisogni. Questo, per me, significherebbe far politica.
Non è che con queste mie parole voglio, per l’amor dell’anarchia, imporre a qualcuno le mie idee, solamente penso che chi progetta organizzazioni così strutturate e fisse, forse farebbe meglio a darsi anche un nome più appropriato. “Informale”, nel documento della F.A.I. in lingua italiana (“Chi siamo – Lettera al movimento anarchico e antiautoritario”): “Inoltre chi fa parte della F.A.I. ne è militante a tutti gli effetti solo nel momento specifico dell’azione e della sua preparazione, non investe l’intera vita e progettualità dei compagni (...)”. Poi se in qualche altra lingua questo concetto possiede significati diversi forse
...