t-f-tolosa-francia-crepi-il-reinserimento-e-soldar-1.png

Nella notte fra giovedi e martedi (sic!), in solidarietà con dei/le compagni/e che resistono di fronte alla repressione, abbiamo bruciato un camion della JCDecaux con della diavolina e attaccato a colpi di martello la vetrina di una “missione locale” [struttura pubblica di aiuto all’inserzione lavorativa dei giovani; NdT].

Quello che è bello, in questo mondo di merda, è che é facile giustificare i propri bersagli.

JCDecaux, nessun bisogno di presentarli, ci martellano tutti i giorni con le loro pubblicità da vomitare, si arricchiscono con la manodopera gratuita facendo fare dei lavori di interesse generale [da qualche anno, le persone trovate a degradare le bici in libero servizio di JCDecaux possono fare dei lavori di interesse generale presso JCDecaux invece di ricevere delle multe o della prigione con condizionale; NdT].

Ci siamo incaricati di ringraziarli dei loro numersi anni passati al servizio della normalizzazione e del reinserimento. Cammin facendo, ci siamo detti che era il momento di fare i conti con la missione locale, perché non ci hanno mai proposto delle formazioni in battaglie di cuscini, di corritrici sui tetti dei palazzi o di strategia di carta-sasso-forbici e di tutte le piccole cose che rendono le nostre vite improduttive e un po’ più palpitanti.

Invece di tutto ciò, ci propongono dei giochi noiosi dai quali usciamo sempre perdenti, delle formazioni accellerate per gettarci nelle arene del mondo del lavoro. Questo mondo di denaro, di alienazione, di immagine, di competizione, di rassegnazione e di servitudine, non lo amiamo molto. Vogliamo qualcos’altro, vogliamo coltivare un’impertinenza gioiosa.

In questi momenti duri, abbiamo voglia di stringerci fra di noi e di esprimere la nostra solidarietà verso altri/e impertinenti.

Pensiamo a quelli/e che sono toccati/e dalla repressione a Firenze e a Montreuil. Vogliamo portare il nostro sostegno all’amico incarecerato per il caso della macchina di sbirri bruciata.

Pensiamo anche a Kara Wild, detenuta da mesi per la stessa ragione. E a quelli/e di cui non conosciamo le storie.

A Damien, la cui attitudine di fronte alla giustizia ci da coraggio. A Gabriel Pombo da SIlva ed Elisa Di Bernardo, recentemente perquisiti a casa loro e le cui rivolte non sono mai state soffocate dal sistema carcerario.

E tutti/e quelli/e che non pagano le loro multe a JCDecaux.

E a Jean-Claude Decaux in persona [il fondatore e padrone dell’azienda; NdT], recentemente scomparso, riposa in pace, non preoccuparti: ci prendiamo cura dei tuoi interessi.

Dei colpevoli innocenti.


(tradotto da guerresociale)



Toulouse [Francuska]: Zapaljivi napad u znak solidarnosti

U noći između četvrtka i utorka (sic!), u znak solidarnosti s drugovima koji opstaju naspram represije, zapalili smo kamion poduzeća JCDecaux zapaljivim kockama i napali udarcem čekića izlog jednog "lokalnog misionarstva" [javna struktura koja pruža pomoć mladima pri uključivanju u posao, nap.prev. na tal.].

Barem je nešto lijepo u ovom usranom svijetu, a to je da se lako pronađe opravdanje za vlastite mete.

JCDecaux, nema potrebe za predstavljanjem, nas svakodnevno bombardira svojim odvratnim reklamama, bogate se besplatnom radnom snagom kroz poslove općeg dobra [već par godina osobe koje su uhvaćene da nanose štetu na biciklima slobodne usluge JCDecauxa mogu odraditi posao općeg dobra kod istog JCDecauxa, umjesto da plate kaznu ili dobiju uvjetnu, nap.prev. na tal.]. Pobrinuli smo se da im zahvalimo za njihove brojne godine provedene u službi normalizacije i uključivanja.

Hodajući, rekli smo da bi bilo vrijeme da se obračunamo s lokalnim misionarima, zato što nam nisu nikada predložili borbeno formiranje s jastucima, trčanje po krovovima zgrada ili strategiju papir-kamen-škare i sve ostale stvari koje čine naše živote neproduktivnima i nešto više živima. Umjesto svega toga, predlažu nam dosadne igre iz kojih uvijek izlazimo kao gubitnici, ubrzano formiranje kako bi nas bacili u arene svijeta posla.

Taj svijet novca, otuđenja, slika, natjecanja, rezignacije i lakeja, mi baš ne volimo. Mi želimo nešto drugo, želimo gajiti jedan radostan prkos.

U ovim teškim trenucima, želimo se zbližiti i izraziti našu solidarnost drugima koji prkose.

Mislimo na one koje je pogodila represija u Firenzi i u Montreuilu. Želimo prenijeti našu podršku zatvorenom prijatelju zbog slučaja spaljenog pandurskog vozila. Mislimo na Karu Wild, zatvorenu već mjesecima iz istog razloga. I na sve one čije priče ne poznamo.

Na Damiena, čiji stav naspram pravosuđa nas ohrabruje.

Na Gabriela Pombu da Silvu i Elisu Di Bernardo, čiji je dom nedavno pretresen i čije pobune nije nikada uspio ugušiti zatvorski sistem.

I na sve one koji ne plaćaju kazne JCDecauxu.

I na Jean-Claudea Decauxa osobno [utemeljitelj i vlasnik poduzeća, nap.prev. na tal.], nedavno preminulog, počivaj u miru, ne brini: mi ćemo se pobrinuti za tvoje dobro.

Nedužni krivci.