m-f-montreuil-francia-in-custodia-cautelare-l-anar-1.jpg

A seguito della perquisizione, avvenuta ieri mattina martedì 7 febbraio, di una casa occupata a Montreuil, il compagno arrestato è comparso questo pomeriggio davanti al giudice istruttore del tribunale distrettuale di Parigi, che ha ordinato la custodia cautelare nel contesto del caso della macchina degli sbirri bruciata il 18 maggio a Parigi.

Quel giorno, nel pieno del movimento contro la legge sul “lavoro”, aveva incrociato il percorso di una manifestazione selvaggia in risposta ad un raduno degli sbirri venuti a lamentarsi di essere l’oggetto dell’odio.

A quanto ne sappiamo, altre sette persone sono indagate in relazione a questo caso, tra le quali tre si trovano in carcere, e altre due o tre sono sotto sorveglianza giudiziaria lontano dalla regione parigina. Nove mesi più tardi, gli sbirri continuano quindi a rastrellare...

Ci pare necessario rimanere all’erta e continuare a far uscire le notizie.

Esprimiamo la nostra solidarietà con coloro che sono accusati di un atto che ci ha donato molta gioia. In questo periodo di onnipotenza poliziesca (stato di emergenza, omicidi, stupro...), ogni colpo contro i servi dello Stato fa arretrare la paura e la rassegnazione.

Siano essi colpevoli o innocenti, non lasciamo gli indagati da soli davanti alla repressione, e continuiamo a lottare contro questo mondo che ci soffoca.


Perquisizione e arresto del 7 febbraio: Martedì mattina 7 febbraio, verso le ore nove, gli sbirri della seconda Divisione della polizia investigativa, Gruppo Anticrimine n°2 di via Louis Blanc 26, 10° arrondissement, sono venuti a perquisire una casa occupata in viale del Presidente Salvador Allende 193, a Montreuil, in cerca di uno dei residenti, che hanno arrestato. Hanno inoltre confiscato un computer, un disco rigido, tutti i cellulari e senz’altro diversi altri oggetti. Le altre persone trovate sul luogo sono state sottoposte al controllo d’identità orale. Per il momento non abbiamo altre informazioni sul tipo di procedura e sulle accuse, eccetto il termine di “assembramento armato” udito in una discussione tra gli sbirri, senza esserne certi se si tratti di un capo d’accusa. Vi terremo aggiornati affinché questo nuovo attacco repressivo non passi senza risposta.



Montreuil [Francuska]: U pritvoru anarhist uhapšen 7. februara (08.02.2017.)

Povodom pretresa koji se odvio jučer ujutro 7. februara, u jednoj okupiranoj kući u Montreuilu, uhapšeni drug se danas popodne pojavio pred istražnim sucem okružnog suda Pariza, koji je naložio istražni zatvor, u okviru slučaja zapaljenog pandurskog vozila 18. maja u Parizu.

Tog se dana, u punom jeku pokreta protiv zakona o “radu”, našao na divljem prosvjedu, kao odgovor na skup pandura koji su se došli žaliti zato što predstavljaju predmet mržnje.

Koliko znamo, još sedmero osoba se nalazi pod istragom u okviru tog slučaja, od koji se tri nalaze u zatvoru, a dvije ili tri pod sudskim nadzorom daleko od pariškog područja. Nakon devet mjeseci dakle panduri i dalje metu...

Čini nam se nužnim da ostanemo pozorni i da nastavimo objavljivati informacije.

Izražavamo svu našu solidarnost sa svima optuženima za jedno djelo koje nas je toliko obradovalo. U ovom periodu policijske svemoći (izvanredno stanje, ubojstva, silovanje...), svaki udarac nanijet lakejima države udaljava strah i rezignaciju.

Bili oni krivi ili nevini, nemojmo optužene ostaviti same pred represijom, i nastavimo se boriti protiv ovog svijeta koji nas guši.


Pretres i hapšenje 7. februara: Jutros, u utorak 7. februara, oko 9 sati, panduri iz druge Divizije istražne policije, Kriminalistički sektor br. 2, iz ulice Louis Blanc 26, 10. arrondissement Pariza, došli su pretresti jednu okupiranu kuću u aveniji Predsjednika Salvadora Allendea 139 u Montreuilu, u potrazi za jednim od ukućana kojeg su uhapsili. Osim toga zaplijenili su jedan kompjuter, jedan hard disk, sve mobilne telefone i zasigurno različite druge predmete. Druge osobe koje su se zatekle na mjestu su usmeno identificirane. Trenutno nemamo daljnih informacija o vrsti procedure i o tipu optužnice, osim pojma “oružano okupljanje”, koji se čuo tokom jedne rasprave između pandura, mada se ne može sa sigurnošću znati da li se odnosi na neku točku optužnice. Informirat ćemo vas kako ovaj novi represivni napad ne bi prošao bez odgovora.