f-d-foresta-di-hambach-germania-attacco-incendiari-2.jpg

Nelle tarde ore del 25/11/2016 abbiamo eseguito un attacco incendiario coordianto contro la multinazionale tedesca dell’energie RWE, nelle prossimità della miniera a cielo aperto di lignite a Hambach. Abbiamo rimandato questa rivendicazione fino ad oggi (11/01/2017) per motivi strategici.

Dopo aver perlustrato la zona ci siamo divisi e abbiamo dato fuoco a sei stazioni di pompaggio, a due trasformatori elettrici, ad un escavatore e ad una sottostazione elettrica.

Le stazioni di pompaggio sono i punti chiave della infrastruttura mineraria, perché utilizzate per abbassare il livello freatico e per prevenire l’allagamento della miniera. Di solito si presentano come una sezione di tubo esposto con un quadro elettrico, circondati da una struttura di recinzione. Abbiamo aperto il quadro elettrico con un piede di porco e collocato un semplice ordigno incendiario a tempo e un fascio di camere d’aria di bici per assicurarci che il fuoco prenda bene.

Gli ordigni incendiari erano composti da una candela legata ad un cubetto di accendifuoco con un forte elastico. Le candele bruciando lentamente innescavano gli accendifuoco una volta che noi eravamo ormai al sicuro, lontano dalla zona. Dopo aver distrutto un finestrino per poter accedere, abbiamo utilizzato gli stessi ordigni per bruciare la cabina di un escavatore.

Per i trasformatori e la sottostazione abbiamo bruciato dei pneumatici imbottiti di stracci inzuppati di benzina. Li abbiamo collocati sotto i cablaggi esposti della sottostazione e all’interno dei trasformatori. In pochi minuti queste mete erano avvolte dalle fiamme, e dopo che ci siamo allontanati la sottostazione è esplosa, mandando scintille elettriche e fiamme purpuree dieci metri in alto nel cielo notturno. Nonostante questo abbia causato anche un blackout nel raggio di due chilometri, la feccia dei media locali non ha menzionato da nessuna parte, riducendo il tutto all’incendio dei soli due trasformatori.

Dato che la mega-macchina tecno-industriale ogni giorno stritola, distruggendo e inquinando tutto ciò che è ancora bellissimo e selvaggio su questo mondo, sentiamo che azioni come queste rappresentino una misura necessaria per rimanere mentalmente sani e per ricordarci che siamo ancora vivi in mezzo a tutta questa distruzione e miseria della società moderna.

Dopotutto, l’unico modo in cui poter godersi il paesaggio industriale è strisciando in mezzo alle ortiche e l’erba alta, trovando un buon punto panoramico da cui osservare i pilastri di fumo nero innalzarsi dal macchinario rovente e dall’infrastruttura della civiltà.

Vogliamo inviare un segnale di complicità agli anarchici detenuti accusati di rapine in banca ad Aquisgrana, e al prigioniero di guerra cileno Kevin Garrido, detenuto per gli attacchi esplosivi nella città di Santiago.

Per la moltiplicazione degli attacchi contro la RWE!

Per l’anarchia e la natura selvaggia!

Morte alla civiltà!

- Delinquenti nella Notte


Šuma Hambach [Njemačka]: Napad požarom na energetsku multinacionalku RWE (25.11.2016.)

U kasnim satima 25.11.2016. izveli smo koordinirani napad požarom na njemačku multinacionalnu energetsku kompaniju RWE u blizini otvorenog rudnika lignita u Hambachu. Odgodili smo ovu izjavu o preuzimanju odgovornosti do danas (11.01.2017.) iz strateških razloga.

Nakon što smo izvidili područje, razišli smo se i zapalili šest crpnih stanica, dva električna trasformatora, jedan rovokopač i jednu trafostanicu.

Crpne stanice su ključne točke infrastrukture rudnika, pošto se koriste za snižavanje razine podvodnih voda i za prevenciju poplave rudnika. Najčešće su prepoznatljive po dijelu izložene cijevi i po električnoj kutiji, okružene građevinskom ogradom. Mi smo električnu kutiju otvorili pajserom i stavili unutra jednostavnu vremensku zapaljivu napravu sa svežnjom zračnica bicikle, kako bi zajamčili da se vatra dobro razgori.

Zapaljive naprave bile su sastavljene od jedne svijeće svezane za zapaljivu kocku snažnim lastikom. Svijeće su polako gorile i zatim zapalile zapaljive kocke kad smo mi već bili na sigurnom, izvan područja. Nakon što smo razbili stakla kako bi ušli, upotrijebili smo istu napravu da bi spalili kabinu rovokopača.

Za transformatore i trafostanicu zapalili smo automobilske gume ispunjene krpama namoćenim u benzin. Postavili smo ih pod izložene izolacijske kablove trafostanice i unutar transformatora. U roku od par minuta te su mete bile obavijene plamenom, a nakon što smo se udaljili trafostanica je eksplodirala, šaljući električne iskre i purpurne plamenove deset metara visoko u noćno nebo. Unatoč činenjici da je to izazvalo nestanak struje u okrugu od dva kilometra, lokalno medijsko smeće nije to nigdje spomenulo, minimizirajući događaj na samo dva zapaljena transformatora.

Pošto tehno-industrijski mega-stroj svakodnevno melje, uništavajući i zagađujući sve što je još divlje i prekrasno na ovom svijetu, osjećamo da su djela kao što su ova nužna mjera za održavanje mentalnog zdravlja, te da bi nas podsjetila kako smo još živi usred čitavog ovog uništenja i bijede modernog društva.

Naposljetku, jedini način na koji možemo uopće uživati u industrijskom pejzažu je puzeći kroz visoku travu i koprive, kako bi pronašli dobru točku gledišta s koje promatrati stupove crnog dima koji se uzdižu iz vrućeg stroja i infrastrukture civilizacije.

Želimo poslati znak suučesništva zatvorenim anarhistima optuženima za pljačke banke u Aachenu, i čileanskom ratnom zarobljeniku Kevinu Garridu, zatvorenom zbog eksplozivnih napada u gradu Santiago.

Za umnožavanje napada na RWE!

Za anarhiju i divljinu!

Smrt civilizaciji!

- Razbojnici u Noći