a-p-amsterdam-paesi-bassi-estradizione-dell-anarch-1.png

Gli avvocati ci informano che l’estradizione in Germania della compagna arrestata il 15 settembre, sulla richiesta della procura di Aquisgrana (Aachen), sarà effettuata oggi.

Domani comparirà davanti al giudice che le confermerà la detenzione preventiva (Uhaft).

Solidarietà attraverso la lotta!

Nella mattina del 15 settembre la corte ha deciso di arrestare e incarcerare la nostra compagna fino all’estradizione.

Nella sera del 15 settembre circa trenta persone si sono radunate e manifestato nel centro di Amsterdam per interrompere e turbare la normalità dell’apatia di queste vie di consumismo, vene del Capitale. Il sequestro della nostra compagna non passerà sotto silenzio e nella compiacenza.

Nella sera del 16 si è svolta una breve ma rumorosa manifestazione davanti al carcere dove è rinchiusa la nostra compagna, per rompere l’isolamento che questi muri di cemento e filo spinato cercano di imporre. I fuochi d’artificio e le voci sono arrivati dall’altra parte del muro, con molti detenuti che rispondevano.

Siamo ancora arrabbiati...

solidariteit.noblogs.org


Amsterdam [Njemačka]: Izručenje anarhistice optužene za pljačku banke u Aachenu (21.09.2016.)

Advokati nas informiraju da će se izručenje Njemačkoj naše drugarice uhapšene 15. septembra, na zahtjev tužiteljstva iz Aachena, obaviti danas.

Sutra će se pojaviti pred sucem koji će joj potvrditi istražni zatvor (Uhaft).

Solidarnost kroz borbu.

Ujutro 15. septembra sud je odlučio da uhapsi i zadrži našu drugaricu sve do izručenja.

Uveče 15. semptembra oko trideset osoba okupilo se i prosvjedovalo središtem Amsterdama kako bi prekinuli i potresli normalnost apatije ovih trgovačkih ulica, vena Kapitala. Oduzimanje naše drugarice neće se odviti u tišini i uz zadovoljstvo.

Uveče 16. septembra održan je kratki ali glasni prosvjed ispred zatvora u kojem je zatvorena naša drugarica, kako bi prekinuli izolaciju koju ovi zidovi od cementa i bodljikava žica pokušavaju nametnuti. Petarde i glasovi stigli su do druge strane zida, s više zatvorenika koji su uzvraćali.

Još smo ljutiti...