g-f-grenoble-francia-vetrine-spaccate-in-solidarie-1.jpg

Diario di un selvaggio

caro diario,

questo venerdì sera sono uscito, triste a forza di contare i giorni che passano, e le cose che non cambiano abbastanza.

Visto che era arrabbiato

ho sfondato una prima banca con 12 colpi di martello.

(mentre mi davo da fare sono stato acclamato da un tipo ubriaco che gridava “Dai, spacca tutto”)

Ero ancora arrabiatissimo

Quindi ho sfondato una seconda banca poco lontano

11 colpi di martello

(questa volta un tipo mi ha chiesto cosa cazzo facevo, mi sono girato e gli ho detto “vuoi morire, cretino?” – è partito di corsa)

odio tutti questi spettatori e cittadini.

Dopo, me ne sono andato ridendo (succede ancora).

Sfasciando delle robe ho pensato al compa K. di Montreuil ed anche al compa Damien.

Anche se so che qualche colpo di martello in una banca è derisorio.

A proposito di banche, ho avuto un pensiero anche per quelli/e che hanno il coraggio di rapinarle.

Mando loro un bacio forte.


(tradotto da guerresociale)



GRENOBLE [FRANCUSKA]: RAZBIJENA STAKLA U ZNAK SOLIDARNOSTI (03.2017.)

Dnevnik jednog divljaka

dragi dnevnik,

ovog petka navečer sam izašao, umoran od brojanja dana koji prolaze i stvari koje se ne mijenjaju dovoljno.

Pošto sam bio ljut razbio sam jednu prvu banku s 12 udaraca čekićem.

(dok sam se trudio, jedan mi je pijani tip povikao “Hajde, razbij sve”)

Bio sam jako ljut.

Zato sam razbio i drugu banku, u blizini, s 11 udaraca čekića.

(ovaj put jedan me tip pitao koji kurac radim, okrenuo sam se i rekao mu “želiš umrijeti, idiote!” – pobjegao je trkom)

Mrzim sve te gledatelje i građane.

Nakon toga, otišao sam s osmjehom na licu (koji još nosim).

Razbijajući stvari mislio sam na druga K. iz Montreuila, i na druga Damiena.

Iako znam da je par udaraca čekićem na banku smiješno.

Što se banaka tiče, pomislio sam i na one koji imaju hrabrosti da ih opljačkaju.

Šaljem im snažan poljubac.