c-p-cile-parole-dei-prigionieri-anarchici-enrique-1.jpg

Queste parole nascono e volano dalle celle del carcere di San Miguel, dell’unità speciale di alta sicurezza e dell’Ex Penitenciaria, per salutare quella complicità che ci esprimono i compagni che organizzano e danno vita al Convegno di Tatuaggi e Arte Corporale Solidarietà A Fior di Pelle...

Con queste parole nate dentro queste centri di tortura vogliamo salutare in maniera fraterna e complice coloro che con creatività ribelle e subordinata organizzano e partecipano a questa iniziativa anti-carceraria... Iniziativa solidale con chi sente quotidianamente il sapore amore del carcere, la rabbia, l’impotenza e l’indignazione per non poter materializzare la guerra perché circondati da sbarre, telecamere e guardie...

In tal senso condividiamo la stessa rabbia, l’impotenza e indignazione contro i bastardi che costituiscono e perpetuano questa società, che detengono le nostre vite e le vite dei nostri fratelli... e per questo il nostro rispetto e affetto fraterno va a quelle menti consapevoli che non lasciano spazio all’immobilismo e all’indifferenza...

Sono trascorsi circa 7 mesi e mezzo da quando ci siamo trovati alla mercé dei secondini, controlli e trasferimenti quotidiani verso i tribunali dello Stato cileno, che giudicano la nostra necessità di combattere il Dominio. Il processo che discute la nostra partecipazione nelle bombe esplose contro il 39° e 1° Commissariato di Santiago, e contro la scuola militare di Subcentro (fatti rivendicati dai compagni della Cospirazione delle Cellule di Fuoco e dai compagni della Cospirazione Internazionale per la Vendetta) entra adesso nella sua fase conclusiva, dopo l’arsenale giuridico e della procura, e l’entrata di più di 150 testi, 80 periti, 230 documenti e 640 prove di perizia, questo lunedì verranno discussi i giorni di pausa (che non possono essere più di 4) per preparare le argomentazioni di chiusura...

Con un cenno complice con i compagni nelle carceri di Korydallos (Grecia) e di Ferrara (Italia), e con l’immensità di fratelli presi e caduti in questa guerra, salutiamo con piacevole sapore dell’affetto solidario che ci viene espresso ancora una volta!!!

Nataly Casanova (Carcere di San Miguel)

Enrique Guzmán (Massima Sicurezza/Carcere di Alta Sicurezza)

Juan Flores (Ex Penitenciaria)