c-e-cile-emesse-le-condanne-contro-i-compagni-accu-1.jpg

Il 24 febbraio 2017, il terzo tribunale orale della sezione penale ha emesso la sentenza contro i compagni Felipe, Manuel e Amaru, condannati per attacco incendiario contro la Squadra Omicidi della PDI [polizia investigativa, ndt.] nel novembre del 2014.

Infine i compagni sono stati condannati a 5 anni di libertà vigilata intensa affidata agli agenti di gendarmeria, per il reato di tentao incendio in luogo abitato.

Manuel, Felipe e Amaru sono usciti alcune ore più tardi dal carcere Santiago 1, dove sono stati accolti da famigliari e compagni tra abbracci e saluti.

Si prevede che una delle parti ricorrerà in appello contro la sentenza, cercando di invertire il giudizio.

La caccia repressiva iniziata dopo l’attacco incendiario contro la squadra omicidi, l’utilizzo martellante del DNA in questo caso, l’ordine cronologico della repressione nel tentativo di individuare i responsabili ed i loro legami, oggi si è concluso con l’assoluzione delle due compagne e la condanna contro i di 3 compas (condanna infine, anche se possono accedere alla “libertà vigilata” e uscire dal carcere). Se comprendiamo questa prospettiva, diventa importante valutare, riflettere, considerare e conoscere la repressione e i suoi risultati.

Siamo contenti che Manuel, Amaru, Felipe, Natalia e Maria Paz sono per le strade. Ma non dimentichiamo tutti i detenuti rivoluzionari che si trovano in carcere, condannati o in attesa di giudizio: la lotta continua fino alla distruzione di tutte le gabbie.

In sintesi, i compagni sono:

Natalia Alvarado: Assolta da tutte le accuse

Maria Paz Vera: Assolta da tutte le accuse

Manuel Espinoza: 5 anni di libertà vigilata per il reato di tentato incendio in luogo abitato. Assolto dal reato di trasporto di ordigno incendiario e tentato omicidio.

Victor Zuñiga (Amaru): 5 anni di libertà vigilata per il reato di tentato incendio in luogo abitato. Assolto dal reato di trasporto di ordigno incendiario e tentato omicidio.

Felipe Roman: 5 anni di libertà vigilata per il reato di tentato incendio in luogo abitato. Assolto dal reato di trasporto di ordigno incendiario, di tentato omicidio e di traffico di piccole dosi.



ČILE: IZREČENA KAZNA PROTIV DRUGOVA IZ SLUČAJA PDI (24.02.2017.)

24. februara 2017. treći kazneni usmeni sud iznio je presudu protiv drugova Felipea, Manuela i Amara, osuđenih za atentat požarom na Odjel za ubojstva PDI-ja [istražna policija, nap.prev.] u novembru 2014.

Na koncu su drugovi osuđeni na 5 godina uvjetne slobode pod kontrolom službenika žandarmerije, za kazneno djelo pokušaja podmetanja požara u naseljenom mjestu.

Manuel, Felipe i Amaru nakon nekoliko sati uspjeli su izaći iz zatvora/poduzeća Santiago 1, gdje su ih zagrljajima i pozdravima dočekali članovi obitelji i drugovi.

Očekuje se da će neka od strana uložiti žalbu na presudu, pokušajući izmjeniti presudu.

Represivni lov započet nakon atentata požarom na odjel za ubojstva, intenzivno korištenje DNK u ovom slučaju, kronološki slijed represije u pokušaju da identificiraju odgovorne i njihove veze, danas su okončani odrješenjem dviju drugarica i kažnjavanjem 3 drugova (na koncu kažnjavanjem, mada mogu pristupiti “uvjetnoj slobodi” i izaći iz zatvora). Ako shvatimo ovu perspektivu, onda postaje važno procijeniti, razmisliti, razmotriti i proučiti represiju i njene ishode.

Veseli nas da su Manuel, Amaru, Felipe, Natalia i Maria Paz na ulicama. Ali ne zaboravljamo sve revolucionarne zatvorenike koji se nalaze unutar zatvora, osuđeni ili u očekivanju presude: borba se nastavlja do uništenja svih kaveza.

Ukratko, drugovi su:

Natalia Alvarado: Odriješena svih optužbi

Maria Paz Vera: Odriješena svih optužbi

Manuel Espinoza: 5 godina uvjetne slobode za kazneno djelo pokušaja podmetanja požara u naseljeno mjesto. Odriješen optužbe za prenošenje zapaljive naprave i za pokušaj ubojstva.

Victor Zuñiga (Amari): 5 godina uvjetne slobode za kazneno djelo pokušaja podmetanja požara u naseljeno mjesto. Odriješen optužbe za prenošenje zapaljive naprave i za pokušaj ubojstva

Felipe Roman: 5 godina uvjetne slobode za kazneno djelo pokušaja podmetanja požara u naseljeno mjesto. Odriješen optužbe za prenošenje zapaljive naprave i za pokušaj ubojstva te za šverc malih doza.