c-d-chiamata-di-solidarieta-con-gli-anarchici-dete-1.jpg

I compagni anarchici accusati di aver partecipato all’esproprio di una banca ad Aquisgrana nel novembre 2014 sono ancora detenuti in Germania, nell’attesa del processo che inizierà il 23 gennaio 2017. La compagna olandese, anche lei sotto processo per l’esproprio di una banca sullo stesso territorio, è per adesso in libertà, anche se il P.M. ha fatto l’appello contro la sentenza di proscioglimento.

Come Solidaritat Rebel vogliamo che sentano la solidarietà attraversare le frontiere, le sbarre e i muri, e inviarli tutta la nostra forza e complicità!

Vogliamo smascherare e segnalare i tre importanti protagonisti responsabili del sequestro dei nostri compagni.

1) Gli accusatori: la Pax Bank e i suoi partner

Le succursali che sono state oggetto di espropriazioni appartengono alla Pax Bank e alla Aachener Bank [di Aquisgrana, n.d.t.]. La Pax Bank è un’istituzione legata, da quando è stata fondata dai sacerdoti a Colonia durante la Prima guerra mondiale, alla Chiesa cattolica e recentemente coinvolta anche nel traffico d’armi. Mentre predicano l’umiltà, l’etica e la moralità, si riempono le tasche vendendo armi alle guerre per le quali dopo chiedono preghiere. Un’altra prova dell’indissolubile alleanza tra Chiesa e Capitale.

2) I complici e i servi dello Stato: la collaborazione tra gli Stati e le loro forze dell’ordine

L’Ufficio federale della polizia criminale e dall’Agenzia di polizia criminale regionale (LKA) di Germania hanno richiesto alle polizie di altri Stati di raccogliere le informazioni: ad esempio, sono stati i Mossos d’Esquadra [polizia regionale catalana, n.d.t.] a raccogliere i dati necessari per identificare e localizzare i nostri amici. Inoltre, è stata l’Europol ad emettere il mandato d’arresto che si è concluso con l’estradizione dei nostri nemici (da Bulgaria e Barcellona) in carceri tedesche. Le frontiere, ancora una volta, valgono solo per i poveri, i ribelli, gli immigrati...; mai per i ricchi, le forze repressive o per il capitale.

3) Le tecnologie di controllo sociale e di repressione: nuove (e non così nuove) tecniche

Una delle prove fondamentali dell’accusa finora sono stati i campioni del DNA raccolti dai Mossos d’Esquadra all’insaputa degli accusati. Un’altra prova importante sono le analisi biometriche estratte dalle immagini registrate da telecamere di sorveglianza delle banche e dei dintorni: forme della testa e della mandibola, modo di camminare ecc. Tutte queste informazioni sono state estratte da registrazioni accumulate giorno dopo giorno quando passavamo per le nostre vie videosorvegliate.

Senza dimenticare il nostro rifiuto e il nostro disprezzo verso le carceri come centri di punizione per i dissidenti, vogliamo esprimere il nostro odio verso i media di comunicazione come generatori di una realtà in collaborazione con il Potere. Potere personificato in partiti politici, banche, mass media, Chiesa e in altri alleati dello Stato e del Capitale. Continuare la lotta è il miglior modo per non permetterli di schiacciare le nostre idee e le nostre pratiche ribelli, nonostante e contro i loro attacchi repressivi.

Non ci interessano i loro giochi di colpevole o innocente. Non sono vittime, sono combattenti, e nei giorni come il prossimo 23 gennaio, quando inizia il processo, noi ci riaffermiamo ancora una volta, rifiutando le loro categorie e forgiando i legami di solidarietà e ribellione. Perciò, vi invitiamo tutti a solidarizzare con loro sabato 21 gennaio sulle strade della vostra città, abitato o quartiere, per dare visibilità al caso dei nostri compagni detenuti.

Manterremo il blog aggiornato con le informazione che raccoglieremo sui nemici dei nostri compagni, che sono anche i nostri.

GLI ANARCHICI DETENUTI IN GERMANIA NON SONO SOLI.

LI VOGLIAMO LIBERI.

LI VOGLIAMO VICINI.



Poziv na solidarnost s anarhistima zatvorenima u Njemačkoj zbog pljačke banke

Drugovi anarhisti optuženi za sudjelovanje u eksproprijaciji podružnice jedne banke u Aachenu, novembra 2014., još se i dalje nalaze u njemačkim zatvorima, u očekivanju suđenja, koje će započeti 23. januara 2017. Drugarica iz Nizozemske, kojoj je također suđeno za eksproprijaciju podružnice jedne banke na istom području, trenutno je slobodna, mada je tužilaštvo uložilo žalbu na sudsku odluku razrješavanja optužbi.

Kao Solidaritat Rebel želimo da osjete kako solidarnost prolazi preko granica, kroz rešetke i zidove, i da im pošaljemo našu snagu i suučesništvo.

Želimo razmaskirati i prikazati tri važna protagonista otmice naših drugova.

1) Tužitelji: Pax Bank i njeni partneri

Podružnice banaka u kojima su izvršene eksproprijacije pripadaju institucijama Pax Banke i Aachener Banke. Pax Bank je banka povezana, otkad su je svećenici osnovali u Koelnu tokom Prvog svjetskog rata, s Katoličkom Crkvom, a nedavno upletena i u trgovinu oružjem. Dok propovjedaju poniznost, etiku i moral, pune svoje džepove prodajući oružje u ratovima za koje kasnije traže molitve. Još jedan dokaz neraskidivog savezništva između Crkve i Kapitala.

2) Suučesnici i lakeji države: suradnja između država i njihovih snaga reda

Federalna kriminalna policija i Ured lokalne kriminalne policije (LKA) iz Njemačke izdale su zahtjev za sakupljanje informacija policijama drugih država: na primjer, Mossos d’Esquadra [katalonska lokalna policija, nap.prev.] su sakupili podatke za identifikaciju i lokalizaciju naših prijatelja. K tome, Europol je izdao nalog za hapšenje, koji se okončao izručenjem naših prijatelja (iz Bugarske i Barcelone) njemačkim zatvorima. Granice su, još jednom, realne samo za siromahe, pobunjenike, migrante...; nikada za bogate, za represivne snage ili za kapital.

3) Tehnologija kontrole društva i represije: nove (i ne baš nove) tehnike

Jedan od temeljnih dokaza tužilaštva su za sada uzorci DNK koje je sakupila Mossos d’Esquadra bez saznanja optuženih. Još jedan dokaz predstavljaju biometrijske analize izvučene iz slika snimljenih nadzornim vidokamerama banaka i okolice: oblici glave, čeljusti, način hodanja... Sve su te informacije izvučene iz snimaka sakupljenih dan za danom dok prolazimo našim video-nadgledanim ulicama.

Bez da zaboravimo naš prezir i odbijanje zatvora kao mjesta kazne za disidente, želimo izraziti našu mržnju prema medijima komunikacije kao proizvođača jedne stvarnosti u suradnji s Moći. Moć koja je personificirana u političkim strankama, bankama, mass-medijima, Crkvi i drugim saveznicima Države i Kapitala. Nastaviti našu borbu je najbolji način da se odupremo gaženju naših buntovnih ideja i djela, unatoč represivnim napadima.

Ne zanimaju nas njihove igre nevinih i krivih. Oni nisu žrtve, oni su borci, i u danima kao idući 23. januar kada će započeti suđenje, mi se još jednom potvrđujemo, odbacujući njihove kategorije i gradeći veze solidarnosti i pobune. Zato, pozivamo sve na izražavanje solidarnosti s njima, u subotu 21. januara na ulicama vaši naselja, gradova ili kvartova, kako bi slučaj naših zatočenih drugova postao vidljiviji.

Nastavit ćemo ažurirati blog informacijama koje ćemo sakupiti o neprijateljima naših drugova, koji su i naši neprijatelji.

ANARHISTI ZATVORENI U NJEMAČKOJ NISU SAMI.

ŽELIMO IH SLOBODNE.

ŽELIMO IH UZ NAS.