b-a-buenos-aires-argentina-attacco-incendiario-e-s-1.jpg

In pochi luoghi la dominazione è così visibile come nell’utilizzo dei cavalli per equitazione... prendono un animale nato per essere libero e lo/la sottomettono al controllo umano per essere umiliato, maneggiato e privato dalla sua indipendenza; il cavallo perde interamente la vita, i suoi interessi, adesso umano come il suo proprietario.

Il Club Hipico y de Pato a Buenos Aires è un chiaro esempio di questo; utilizzano i cavalli per i loro giochi spregevoli, e quindi abbiamo deciso di portare un po’ di disordine. Una notte abbiamo visitato questo posto, con un po’ di fuoco per scaldare l’aria e bruciare due rimorchi che utilizzano per trasportare i cavalli, e con un martello per inchiodare la nostra rabbia su questo posto e rompere più finestre possibile.

Questa volta abbiamo bruciato i rimorchi e distrutto molte finestre costose, la prossima volta cosa succederà?

Speriamo che questa visita sia stata costosa per loro, e che sappiano che può essere anche peggio.

Con questa azione ricordiamo con rabbia e tristezza i cavalli che abbiamo visto imprigionati, riempendoci di energia per continuare a distruggere.

(nota di Antisocial Evolution: pubblichiamo questa rivendicazione nonostante non corrisponde ai nostri termini di pubblicazione, ma dato che non permettiamo a noi stessi di essere soggetti all’ideologia, siamo flessibili di selezionare qualunque cosa vogliamo, prendendo in considerazione la specificità di ogni unica situazione. Non crediamo nei diritti naturali o nella esatta interpretazione dei protagonisti, ma sosteniamo in pieno questo tipo di azioni contro questo tipo di esercizi, dato che condividiamo la stessa passione e desiderio, anche se non iniziamo dallo stesso punto di partenza.)


Buenos Aires [Argentina]: Napad požarom i sabotaža jahačkog kluba (10/10/2016)

Na rijetkim je mjestima dominacija vidljiva kao u upotrebi konja za jahanje... uzmu životinju rođenu da bude slobodna i podvrgnu je/ga ljudskoj kontroli da bi je ponizili, upravljali njom i oduzeli joj samostalnost; konj izgubi čitav svoj život, svoje interese, sada čovjek kao njegov vlasnik.

Club Hipico y de Pato u Buenos Airesu je jasan primjer toga; koriste konje za svoje mrske igre, zato smo odlučili da im unesemo malo nereda. Jedne smo noći posjetili to mjesto, s malo vatre da zagrijemo vazduh i zapalili dvije prikolice koje koriste za prijevoz konja, i s čekićem da zakucamo naš bijes na ovo mjesto i razbijemo što više prozora.

Ovaj put smo zapalili prikolice i razbili mnogo skupocjenih prozora, idući put što će se desiti?

Nadamo se da će ih ova posjeta koštati i da su svjesni kako može biti i gore.

Ovim djelom sjećamo se bijesom i tugom konja koje smo vidjeli u zatočeništvu, ispunjavajući nas energijom da nastavimo s uništenjem.

(napomena Antisocial Evolution: objavljujemo ovu izjavu o preuzimanju odgovornosti mada ne odgovara našim uvjetima objavljivama, ali pošto ne dozvoljavamo da se podredimo ideologiji fleksibilni smo da odaberemo štogod želimo, uzimajući u obzir svaku jedinstvenu situaciju. Ne vjerujemo u prirodna prava ili u točnu interpretaciju protagonista, ali u potpunosti podržavamo ovaj tip djela protiv ovog tipa ustanova, pošto djelimo istu strast i želju, mada ne započinjemo s iste polazišne točke.)