s-c-santiago-cile-sabotaggio-dell-autostrada-02-20-1.jpg

In Sud America e Cile, l’IIRSA (Iniziativa per l’integrazione delle infrastrutture regionali sudamericane) sta avanzando, e noi come individualità in guerra con la civilizzazione e il potere non staremo a braccia incrociate.

Nella città di Santiago uno dei suoi punti di intervento è la mega-struttura di cemento “Acceso Sur”, che dà inizio all’autostrada che facilita il trasporto delle merci dal centro fino al sud del paese. Questa costruzione interviene violentemente sui paesaggi quotidiani della popolazione circostante.

Nella settimana di agitazione contro l’IIRSA abbiamo illuminato la notte con fuoco insorto incendiando il quadro elettrico di questa disgustosa autostrada, dimostrando che il potere e i suoi mega-progetti rimangono vulnerabili.

Noi materializziamo l’odio che sotto il cemento delle strade e dietro i muri delle prigioni continua ad opporre resistenza al potere statale e attaccarlo. Per questo salutiamo Nataly Casanova, Juan Flores, Enrique Guzmán, i compagni del “Caso PDI”, le compagne Tato e Sol, i compagni del “Caso Security”, Mónica, Francisco, il compagno Joaquín García e tutti i compagni nelle carceri in Grecia, Spagna, Italia e nel mondo.

Né capitalismo verde né Stati ecologici.

Per la moltiplicazione degli atti di autonomia e di attacco diretto contro il potere e i suoi progetti che distruggono la Terra e cercano di dominare le nostre vite.

Sabotatori del quotidiano per l’anarchia.



Santiago [Čile]: Sabotiran autoput (02/2017)

U Južnoj Americi i Čileu, IIRSA (Inicijativa za integraciju regionalne infrastrukture Južne Amerike) napreduje, a mi kao pojedinci u ratu s civilizacijom i moći ne možemo sjediti skrštenih ruku.

U Santiagu jednu od njenih točaka intervencije predstavlja mega-struktura od cementa “Acceso Sur” (južni prilaz), kojim započinjem autoput koji olakšava prijevoz robe iz središta sve do juga zemlje. Ta konstrukcija nasilno intervenira u svakidašnje krajolike okolnog stanovništa.

U tjednu prosvjeda protiv IIRSA-e mi smo osvjetlili noć buntovnom vatrom zapalivši električnu kutiju te odvratne autoceste, dokazujući da moć i njeni mega-projekti ostaju ranjivi.

Mi materijaliziramo mržnju koja pod cementom i iza zidova zatvora nastavlja otpor i napad protiv državne moći. Zato pozdravljamo Nataly Casanovu, Juana Floresa, Enriquea Guzmana, drugove iz “Slučaja PDI”, drugarice Tato i Sol, drugove iz “Slučaja Security”, Moniku, Francisca, druga Joaquina Garciu i sve drugove u zatvorima Grčke, Španjolske, Italije i diljem svijeta.

Ni zeleni kapitalizam ni ekološke države.

Za umnožavanje djela autonomije i direktnog napada protiv moći i njenih projekata koji uništavaju Zemlju i pokušavaju vladati našim životima.

Saboteri svakodnevnice za anarhiju.