l-a-l-aia-paesi-bassi-anarchico-in-isolamento-a-ca-1.jpg

Il compagno arrestato lo scorso sabato dopo la manifestazione spontanea nel quartiere di Schilderswijk, all’Aia (Paesi Bassi), si trova ancora nelle mani delle autorità. Stanno facendo pressione, aggravando la sua già difficile situazione. Momentaneamente si trova rinchiuso in cella di isolamento in un carcere ad Alphen aan den Rijn.

Lo scorso sabato venti persone manifestavano nel quartiere di Schilderswijk contro la violenza di polizia e la repressione. Si trattava di una manifestazione non autorizzata, soffocata dopo circa quindici minuti a causa della crescente presenza di polizia. Dopo che la polizia ha perquisito il quartiere, 7 persone sono state arrestate, di cui 6 sono state rilasciate dopo un paio di ore. L’ultima persona si trova ancora dentro, accusato di un semplice reato minore; disturbo di ordine pubblico. Un’infrazione che di solito si conclude con 6-12 ore di detenzione e comporta la pena massima di una multa. Ma il nostro compagno non è stato ancora rilasciato.

Si trova ancora in custodia perché il P.M. sostiene che non ha collaborato con lo scanner di impronte digitali. Questo è falso. Alla stazione di polizia lui ha collaborato con lo scanner, ma questo non ha potuto leggere le sue impronte perché erano coperte di colla. L’incapacità di effettuare la scansione a causa di motivi pratici è un fatto completamente diverso. Tuttavia, il nostro compagno è stato portato davanti al G.I.P. Il giudice ha deciso di trattenerlo in custodia cautelare fino al processo, il 1° marzo.

Dopo la decisione del giudice è stato trasferito nel carcere di Alphen aan den Rijnm, dove è stato posto in isolamento, senza ricevere il numero di registrazione, perciò non può ricevere posta.

Tutte queste misure repressive sembrano essere la vendetta per un’azione contro la violenza di polizia, un’azione che era mirata nello specifico contro la repressione sulle persone che lottano contro la violenza di polizia. Il sistema giudiziario dice che i sospetti non sono obbligati a collaborare con il procedimento. Adesso è chiaro che il sistema interpreta la legge come gli comoda.

Chiediamo a tutti di diffondere questo messaggio quanto più possibile, e di essere presenti al processo, il 1° marzo, che inizierà alle ore 13:30, e si svolgerà nel Palazzo di Giustizia in via Prins Clauslaan 60, all’Aia. Ci ritroveremo alle ore 12:45 all’entrata. Ovvio, ci sono tanti altri modi per esprimere la propria rabbia e solidarietà.

Solidarietà con il nostro compagno imprigionato! Siamo maledettamente incazzati e lo vogliamo libero!



Hag [Nizozemska]: Anarhist u izolaciji zbog skanera (18.02.2017.)

Drug koji je uhapšen u subotu nakon spontanog prosvjeda u četvrti Schilderswijk, Hag (Nizozemska), još se nalazi u rukama vlasti. Vrše pritisak na njega i pogoršavaju već ionako tešku situaciju. Trenutno se nalazi zatvoren u izolacijskoj ćeliji, u jednom zatvoru u Alphen aan den Rijn.

Prošle je subote dvadeset osoba prosvjedovalo u Schilderswijku protiv policijskog nasilja i represije. Prosvjed nije bio najavljen vlastima i raspršen je nakon petnaest minuta zbog sve većeg prisustva policije. Nakon što je policija pretresla četvrt, 7 osoba je uhapšeno, ali je njih šestero otpušteno već nakon par sati. Posljednja osoba se još nalazi u pritvoru. Optužen je za obični prekršaj; ometanje javnog reda. Slučaj kojim obično ishod 6 do 12 sati zadržavanja i najveća kazna novčana globa. Ali naš drug još nije otpušten.

Još se nalazi unutra jer je tužitelj izjavio da nije surađivao sa skenerom za otiske prstiju. To je laž. Na policijskoj stanici on je surađivao sa skenerom, ali isti nije uspio pročitati njegove otiske prstiju jer su bili prekriveni ljepilom. Nesposobnost očitanja zbog tehničkih razloga je potpuno druga stvar. No ipak, naš je drug izveden pred istražnog suca. Sudac je odredio zadržavanje u pritvoru sve do suđenja, 1. marta.

Nakon odluke suca premješten je u zatvor u Alphen aan den Rijn, gdje je odveden u izolacijsku ćeliju, bez da dobije registarski broj, zbog čega ne može primati poštu.

Sve te represivne mjere izgledaju kao osveta za jedno djelo protiv policijskog nasilja, djelo koje je bilo ciljano baš protiv represije nad osobama koje se bore protiv policijskog nasilja. Pravosudni sistem kaže da osumnjičeni nisu primorani surađivati sa vlastitom optužbom. Sada je jasno da sistem interpretira zakon kako mu odgovara.

Pozivamo sve da šire ovu poruku što je više moguće i da dođu na suđenje 1. marta, koje će započeti u 13:30 sati, u Palači Pravde, ulica Prins Clauslaan 60, Hag. Sastat ćemo se u 12:45 ispred ulaza. Naravno, postoji mnogo drugih načina za izraziti vlastiti bijes i solidarnost.

Solidarnost s našim zatvorenim drugom! Mi smo jebeno ljuti i želimo ga slobodnog!