i-n-italia-natascia-arrestata-per-l-operazione-pro-1.jpg

Apprendiamo del trasferimento, avvenuto il 30 luglio, dell’anarchica Natascia Savio dal carcere dell’Aquila a quello di Piacenza. Natascia è stata arrestata il 21 maggio 2019 nel contesto dell’operazione repressiva “Prometeo” assieme ad altri due compagni, Giuseppe e Robert. Questi ultimi sono stati recentemente anch’essi ulterioremente trasferiti, rispettivamente nelle carceri di Bancali (Sassari, in Sardegna) e Rossano Calabro (provincia di Cosenza).

Ricordiamo che la principale accusa contro i compagni è di “attentato con finalità di terrorismo o di eversione”, poiché ritenuti responsabili dell’invio di tre pacchi-bomba arrivati nel giugno 2017 ai p. m. Rinaudo (pubblico ministero in parecchi processi contro il movimento antagonista e gli anarchici) e Sparagna (pubblico ministero nel processo per l’operazione “Scripta manent”) e a Santi Consolo, all’epoca direttore del DAP (“Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria”) di Roma. Non sono accusati di alcun reato “associativo” (come gli art. 270 o 270bis, c. p.).

A seguito del trasferimento di Natascia nel carcere di Piacenza, solo la compagna anarchica Anna Beniamino (arrestata a settembre 2016 per l’operazione “Scripta Manent” e condannata ad aprile di quest’anno a 17 anni di carcere) resta detenuta nella sezione AS2 de L’Aquila, sezione contro cui le anarchiche lì prigioniere attuarono lo sciopero della fame dal 29 maggio fino agli ultimissimi giorni di giugno, cui hanno aderito anche altri compani prigionieri in altre carceri.

Qui gli indirizzi degli arrestati per l’operazione “Prometeo”:

Natascia Savio
C. C. di Piacenza
strada delle Novate 65
29122 Piacenza

Robert Firozpoor
C. C. di Sassari – Bancali
strada provinciale 56, n. 4
Località Bancali
07100 Sassari

Giuseppe Bruna
C. R. di Rossano Calabro
Contrada Ciminata snc
87064 Corigliano-Rossano (Cs)


insuscettibilediravvedimento.noblogs.org