b-g-berlino-germania-incendiato-l-ufficio-di-poliz-1.jpg

Il 25 dicembre 2016 abbiamo incendiato il container della Ordnungsamt [polizia municipale, n.d.t.] nel quartiere di Steglitz a Berlino. A causa dei lavori in corso nell’istituzione gli ausiliari della polizia in quel periodo erano alloggiati nei container che servivano da uffici. Pe questo metodo siamo stati ispirati dall’attacco incendiario contro gli sbirri nel quartiere di Rissen ad Amburgo.

Che il nuovo pagliaccio in carica degli Interni faccia passare questo attacco sotto silenzio, a differenza del suo predecessore che denunciava ogni traccia d’incendio come attacco, a noi non interessa minimamente.

Se il monopolio d’informazione possa avere degli effetti sul dibattito intorno allo scenario di lotta radicale, ci sembra alquanto dubbio, relativo al basso livello di formazione teorica anarchica nella zona di lingua tedesca.

Tuttavia, vorremo dire qualcosa sulle nostre motivazioni di questo attacco.

Gli “spazi senza-legge” voluti da alcuni nel quartiere di Friedrichshain dovrebbero o corrispondere ad una necessità reale, almeno di una parte degli abitanti, oppure ad un’embrione di perdita del potere da parte dell’organo statale. Attualmente, entrambi gli scenari sono visibili ovunque a Berlino. Ovviamente, esistono quartieri dove la gioia suscitata da attacchi contro gli sbirri è più notevole che altrove. Eppure, la partecipazione a tali attacchi non è abbastanza forte. Questo difetto emerge da anni d’isolamento, dal rincorrere obiettivi incoerenti e da nuove tematiche apparse nella società. Ma uno dei fattori principali è indubbiamente il vuoto di contenuti, che galleggia come un tappeto d’alghe nel mare, talvolta in superficie, e talvolta in basso.

Contemporaneamente, nessun gruppo di sinistra radicale o antifascista è ormai disposto a creare delle priorità in materia di lotta. Né i quartieri vengono costantemente ripuliti dai nazi, né le strutture di clandestinità per le persone che ne hanno bisogno vengono diffuse con metodi pratici e di propaganda.

Per questo ci è apparso ragionevole attaccare il nemico nel suo punto debole. Mentre i gorilla pattugliano la città rincorrendo l’ordine, terrorizzando i gruppi marginali ed esigendo soldi per ogni chewing-gum incollato sul marciapiede, noi siamo andati a casa loro.

Nel quartiere di Steglitz la maggior parte di persone non avrà problemi con la Ordnungsamt, ma anche qui ci sono “gruppi e zone problematici” che hanno fatto, almeno, un piccolo sorriso per il nostro piccolo incendio. In caso contrario, vi abbiamo fatto un regalo per la vostra festa di ipocrisia.

I nostri atti d’agitazione non si adattano alle priorità locali, neanche dopo la situazione attuale, ma sono in funzione dei nostri obiettivi politici. L’ordine in vigore è presente ovunque, e conduce la gente all’obbedienza e alla servitù, quindi l’ordine sociale ci è avverso.

Con questo attacco sosteniamo gli obiettivi formulati in certi testi di chiamata per il contro-summit di G20 ad Amburgo, i quali non vogliono rimanere solo una chiamata temporanea, ma bensì creare un’esplosione di rabbia diffusa e continua contro l’ordine esistente oltre i confini tematici e nazionali.

Ma soprattutto un aumento di confronto diretto in strada con le forze del regime è di fatto necessario per aumentare gli atti di sabotaggio. Il cammino verso l’Amburgo in luglio necessita di più rivolte di quelle che accadono oggi.

Per questo salutiamo in particolare i detenuti per gli scontri dell’anno scorso a Thunfisch, incarcerati nella prigione di Lichtenberg, e Damien nella prigione di Fleury.

Gruppi autonomi


Berlin [Njemačka]: Zapaljen ured policije u znak solidarnosti s anarhističkim zatvorenikom Damienom Cameliom (25.01.2016.)

25. decembra 2016. podmetnuli smo požar u kontejner Ordnungsamta [općinska policija, nap.prev.] u berlinskoj četvrti Steglitz. Zbog radova u toku na zgradi institucije pomoćnici policije su bili trenutno smješteni u kontejnerima koji su služili kao uredi. Nadahnuće za tu metodu pronašli smo u napadu požarom na pandure u hamburškoj četvrti Rissen.

Da li će novi klaun na poziciji senatora unutrašnjih poslova prešutjeti navedeni napad, za razliku od svog prethodnika koji je svaki trag požarao smatrao napadom, to nas uopće ne dira.

Da li monopol nad informacijom može imati učinka na rasprave oko scenarija o radikalnoj borbi, nama izgleda prilično upitno, u vezi niskog stupnja razvoja anarhističke teorije na njemačkom govornom području.

Međutim, želimo ipak reći nešto o našim razlozima za ovaj napad.

“Bez-zakonske zone” koje neki žele u četvrti Friedrichshain trebale bi odgovarati jednoj realnoj potrebi barem dijela stanovnika, ili začetku gubitka moći državnih organa. U biti, oba su slučaja vidljiva svugdje u Berlinu. Naravno, postoje kvartovi u kojima je radost izazvana napadima na pandure upečatljivija nego drugdje. No, sudjelovanje u takvim napadima nije baš jako. Ta se slabost pojavila zbog godina izolacije, zbog slijeđenja nedosljenih ciljeva i zbog novih tematika u društvu. Ali, jedan od osnovnih faktora je nesumnjivo ispraznost sadržaja koja pluta kao tepih algi u moru, ponekad na površini, ponekad u dubini.

Istovremeno, više nijedna antifašistička i lijevo-radikalna grupa nije spremna stvarati prioritete po pitanju borbe. Niti se četvrti čiste od nazija, niti se ilegalne strukture za osobe kojima su potrebne stvaraju praktičnim metodama i propagandom.

Zato smo smatrali da bi bilo pametno napasti neprijatelja tamo gdje je ranjiv. I dok gorile patroliraju grad i trče za redom, terorizirajući marginalne grupe i tražeći novac za svaku žvaku zaljepljenu na trotoaru, mi smo otišli do njih.

U Steglitzu većina osoba neće imati nikakvih problema s Ordnungsamtom, ali i ovdje postoje “problematične grupe i prostori” koje će se, barem, malo nasmiješiti zbog našeg malog požara. A ako nije tako, onda smo vam nešto poklonili za praznik licemjerja.

Naši činovi nemira ne podudaraju se s principima područja, niti poslije aktualne situacije, oni su u funkciji naših političkih ciljeva. Uspostavljeni poredak je svugdje prisutan i vodi ljude u poslušnost i sužanjstvo, zato stojimo nasuprot društvenog poretka.

Kroz ovaj napad podržavamo ciljeve iznesene u nekim tekstovima poziva na protu-samit G20 u Hamburgu, koji ne žele ostati samo privremeni poziv, nego dovesti do eksplozije raširenog i neprekidnog bijesa protiv postojećeg poretka, bez obzira na tematske i nacionalne granice.

Ali nadasve, porast uličnih neposrednih sukoba sa snagama režima je de facto nužan kako bi se povaćao broj sabotaža. Putu prema Hamburgu u julu potrebno je više pobuna nego što ih trenutno ima.

Zato posebno pozdravljamo zatvornike prošlogodišnjih sukoba u Thunfischu, u lichtenberškom zatvoru, i Damiena u zatvoru Fleury.

Automne grupe