b-g-berlino-germania-camion-di-strabag-incendiato-1.jpg

Prima del vertice e dopo il vertice, solidarietà con i detenuti – attacco a STRABAG.

Grazie, ringraziamo per gli insulti provenienti da tutti i canali e da tutte le parti, ci rafforzano e ci rammentano del fatto che ad Amburgo abbiamo agito in maniera adeguata. Sì, siamo Caotici, e non vogliamo solo dare fuoco alle vostre notti, ma anche alle vostre vite quotidiane. Il vostro ruttare soddisfatto al tavolo di colazione mentre leggete i resoconti delle barbarie capitaliste quotidiane, ci disgusta.

Grazie per esservi distanziati da noi, così alcuni traditori si sono nuovamente esposti, come ad esempio Andreas Beuth [attivista di Sinistra e rappresentante legale dello squat amburghese Rote Flora, ndt.]

I nostri amici ripetono gli stessi rituali di auto-purificazione come durante il Primo maggio del 1987 in Kreuzberg, come nelle sommosse delle Banlieues nel 2005, e come a Londra nel 2011. Abbiamo scoperto ulteriori affini, incluse le persone che hanno seguito la chiamata ad Amburgo. Alcune di loro non sono tornate a casa, e adesso stanno aspettando di essere processate dal tribunale di Amburgo. Questi detenuti devono sapere – noi non ci distanziamo da nulla.

Nella notte di mercoledì 26 luglio abbiamo incendiato un camion di STRABAG nel quartiere Lichtenberg, Berlino. STRABAG è un’azienda sostenuta dal gruppo CG, non solo nel quartiere di Friedrichshain, nella trasformazione delle città in quartieri per élite e futuri distretti di miseria.

Da parte nostra questo è un piccolo segno di solidarietà che inviamo a tutti i ribelli che sono stati imprigionati e perseguitati nel corso delle proteste G20. Possiamo attaccare dove vogliamo e dove vogliamo, ovunque e sempre.

Anarchici