b-g-berlino-germania-bruciato-il-furgone-del-produ-1.jpg

Sta diventando sempre più caldo, riguardo alle preparazioni per un Luglio caldo contro il Summit-G20. Nella notte tra 11 e 12 novembre è stata distrutta la proprietà dell’azienda Thales.

Thales è una tra le undici più grandi aziende di armamenti, con vendita annuale di 14 miliardi di Euro, e fa anche parte anche di alcuni progetti tecnologici, come il sistema di navigazione Galileo.

Inizialmente concepito solo ad uso civile, come gli smartphone, sistemi di navigazione ecc., il Parlamento europeo nel luglio del 2008 decide che questa tecnologia deve essere disponibile alla Politica di sicurezza e di di difesa comune (ESPD). Thales ha sviluppato anche il progetto “Watchkeeper” [vedetta]. Sulla commissione dell’esercito britannico è stato prodotto un drone a pilotaggio remoto (Thales Watchekeeper WK450). A disposizione dal 2012, fino al 2014 ha sorvolato L’Afghanistan per circa 140 volte, ed è stato coerentemente aggiornato nel 2016. Da allora può essere equipaggiato con una testata missilistica di 2 chili, un laser e un controllo GPS. Alla fine, la tecnologia di Thalese può uccidere direttamente.

Con il loro programma dei droni sono stati avvistati nella Giungla di Calais, dove loro prodotti volavano intorno. (una lista in tedesco con le aziende coinvolte nello sgombero potete trovare qui)

La nostra principale premessa era prendere le parole del filosofo greco antico, Talete [Thales]: “L’inattività è un tormento”. Per questo motivo dovevamo bruciare un furgone di questa azienda di armamenti a Berlino-Weißensee.

Quindi, ci ha fatto proprio contenti la notizia di settimana scorsa su una scavatrice bruciata nel sito di costruzione in Cuvry Brache, anche a Berlino. E vogliamo continuare con le parole dei compagni:

Ad Amburgo e sulla strada (per il G20) vogliamo raggiungere lo scambio e le discussioni proprio su queste questioni e conflitti a livello globale. Come la gentrificazione non si ferma ai confini dei paesi, così la nostra resistenza nove deve concludersi in un luogo. Dovrebbe invece scorrere in molti luoghi e conflitti. In questo modo troviamo un ritmo comune e creiamo uno “staccato” di attacchi.”

Noi siamo ovunque. Colleghiamo le lotte. Trasformiamo il Summit-G20 in disastro.

(vedi anche: invito anarchico contro il G20 ad Amburgo)

... che quindi provochi confusione tra le linee del nemico, perché si sono creati più punti caldi, ma non solo là dove il nemico se lo aspettava ed era preparato, ma in altri luoghi, imprevedibili nei piani strategici delle operazioni degli sbirri.” CCF – Internazionale Nera

autonome Gruppe

Berlin [Njemačka]: Zapaljeno vozilo proizvođača oružja Thales (11.11.2016.)

Postaje sve toplije, u vezi priprema za vrući Juli protiv Samita-G20. U noći između 11. i 12. novembra uništeno je vlasništvo poduzeća Thales.

Thales je jedan od jedanaest najvećih proizvođača oružja s godišnjom prodajom od 14 milijardi Eura, a k tome sudjeluje i u tehnološkim programima, kao što je sistem satelitske navigacije, Galileo.

U početku zamišljen samo za civilnu upotrebu, kao pametni telefoni, sistemi za navigaciju itd., Europski je parlament u julu 2008. odlučio da ta tehnologija treba biti na raspolaganju Europske sigurnosne i obrambene politike (ESDP). Thales je razvio i projekt “Watchkeeper” [stražar]. Po narudžbi britanskih vojske proizvedena je bespilotna letjelica (dron Thales Watchkeeper WK450). Dovršen je 2012., a do 2014. preletio je Afganistan oko 140 puta, i dosljedno je ažuriran 2016. Od tada se može opremiti bojevom glavom od 2 kg, laserom i GPS kontrolom. Na koncu, tehnologija iz Thalesa može direktno ubiti.

Sa svojim dron programom viđeni su i u Džungli u Calaisu, gdje su njihovi proizvodili letjeli uokolo. (popis, na njemačkom, poduzeća angažiranih u deložaciji možete naći ovdje.

Naša prava namjera bila je uzeti riječi starogrčkog filozofa Talesa: “Dokolica je mučna”. Zato smo morali spaliti kombi tog proizvođača oružja u Berlinu-Weißensee.

Zato smo i bili sretni kad smo prošli tjedan čuli vijest o spaljenom bageru na gradilištu u Cuvry Bracheu, također u Berlinu. I želimo nastaviti riječima drugova:

U Hamburgu i na putu (prema G20) želimo stvoriti razmjenu i raspravu upravo o tim pitanjima i sukobima na globalnoj razini. Kao što se džentrifikacija ne zaustavlja na granici zemalja, tako se naš otpor ne smije okončati na jednoj točci. Trebao bi teći kroz mnoga mjesta i sukobe. Tako pronalazimo zajednički ritam i kreiramo staccato napada.”

Svugdje smo. Povežimo borbe. Pretvorimo Samit-G20 u katastrofu.

(vidi i: anarhistički poziv protiv samita G20 u Hamburgu)

... tako da to dovede do nereda u neprijateljskim redovima, jer se stvorilo više vrućih točaka, i ne samo tamo gdje je neprijatelj očekivao i gdje se pripremio, nego na drugim mjestima, koja su nepredvidiva u strateškim planovima pandurskih operacija.” CCF – Crna Internacionala

autonome Gruppe