i-o-italia-operazione-panico-udienza-del-20-dicemb-1.jpg

Oggi c’è stata un’udienza per l’Operazione Panico. L’unico imputato presente in aula era Paska, poco il pubblico. Ieri sera gli è stato notificato il 14 bis, per tre mesi, ed è venuto in aula per parlarne col suo avvocato. Ha chiesto a un avvocato di dirci di non preoccuparci se non siamo venuti, era impossibile comunicarci con tempi così stretti che sarebbe stato presente.
Insieme al suo avvocato, ha deciso di non chiedere la revoca del 14 bis, la sua situazione detentiva ora consiste nello stare in sezione, ma in cella singola, di non avere il fornello a gas né la TV in cella. E’ stata presentata istanza per i domiciliari presso sua madre, a Martinsicuro, motivata dal tempo già trascorso in carcere e dal fatto che già è stato scarcerato e poi re-incarcerato, e quindi non si capisce perché permangano delle esigenze cautelari. I giudici si riservano di rispondere dopo il parere dei PM, presumibilmente intorno al 27/28 di dicembre dovrebbero dare una risposta.
Rispetto alla questione ammissibilità delle intercettazioni ambientali, i giudici si riservano di pronunciarsi più avanti, quindi per ora nulla di fatto.

Per quanto riguarda l’udienza, è stata più breve del previsto, perché metà dei testimoni (la gente che dice di esser stata aggredita o rapinata il 25 aprile) non si è presentata. Hanno concluso i testi sbirri del Melograno, contraddicendosi non poco rispetto alle deposizioni del primo processo del Melograno (quello contro Ale, Michele e Fra). Alcuni imputati non sono stati riconosciuti dai testi, sia per il Melograno che per il 25 aprile, altri sì.

Comunque, son state fissate altre date di udienza, il nuovo calendario ora è:
31 gennaio ore 12
12 febbraio ore 11
14 febbraio ore 10:30
21 febbraio ore 9
28 febbraio ore 9
7 marzo ore 12
12 marzo ore 11
13 marzo ore 9<br14 marzo ore 9

I temi probabilmente trattati saranno, per il 31/1, la conlusione dei testi mancanti del 25 aprile, l’inizio dei due specifici del Bargello. Capodanno sarà una delle prime due date di febbraio, l’accusa descriverà come è stato prelevato il DNA e deporrà la perita della scientifica, Paola Montagna. E’ stato inoltre depositato il referto medico di Mario Vece, l’artificiere, ma oltre a ciò, l’accusa non ha citato testimoni per la ricostruzione dei fatti del 1 gennaio. Una volta depositate le trascrizioni delle intercettazioni, intorno a metà febbraio, dovrebbe deporre il digos Pampaloni per illustrare la loro interpretazione di queste, dopodiché dovrebbe essere finita la parte dell’accusa e dovrebbe iniziare la difesa.

Il presidente oggi ha espresso la volontà di terminare il processo con l’udienza del 14 marzo.