g-d-germania-dopo-g20-ad-amburgo-chiamata-di-solid-1.jpg

Nel periodo di caccia ai manifestanti anti-G20, aperta da sbirri, media e dall’“opinione pubblica” (incluse le richieste di una legge linciaggio circolanti su internet), è essenziale ricordare coloro che sono stati feriti durante le proteste contro il summit G20 ad Amburgo, e decine di quelli ancora indagati e detenuti dallo Stato tedesco.

Senza considerare una larga parte di società che, assieme alle autorità pubbliche e i loro media, non solo accetta lo Stato di polizia a cui abbiamo assistito ad Amburgo, ma lo vuole anche vedere rafforzato.

Occorre ora che gruppi e individui organizzino iniziative solidali e raccolta fondi, ed esprimano ogni tipo di sostegno ai detenuti, es. scrivendo lettere appena gli indirizzi saranno conosciuti.

Agiamo in solidarietà con tutti quelli colpiti dalla repressione durante il G20 e aggiorniamo sulla loro situazione attraverso le reti di controinformazione. Facciamo in modo che non rimangano da soli.

Più azioni, più pressioni sulle autorità, sui media e sul loro mondo.

Per anarchia!