UK: “Dark Nights” #48 [en]

DOWNLOAD: Dark Nights #48

International newsletter of social war keeping the black flag flying with a nihilist, anarchist and anti-social revolutionary cover feature written by two comrades in Italy. Usual resistance and repression round ups included. It’s an 8-page hand out for your local squat, social centre, mate’s house or given out at a demo. Help ignite the next wave of the black international – Download, copy and distribute!

1. ‘Without Delay’ by Michela Ortu and Pierleone Porcu.
2. Direct Action Chronology.
3. Repression News.
4. More Than Words.

...

“Mafia eco-estremista” Arturo Vasquez minaccia azioni legali e FBI contro gli anarchici del sito di contro-informazione 325 [it]

Appena esserci convinti che la “Mafia” eco-estremista/nichilisto-destroide non poteva diventare più ridicola, abbiamo ricevuto la mail sottostante dai compagni di nostate.net. E’ una minaccia via provider del dominio, del capo degli “indomabili terroristi eco-estremisti” dell’America Settentrionale, Arturo Vasquez (Abe Cabrera), redattore del giornale eco-fascista Atassa, di chiamare FBI. Dopo che tutti gli altri “indomabili compagni” lo hanno abbandonato a sé stesso, l’unica cosa rimastagli è minacciare di chiamare la polizia.

...

"Eco-Extremist Mafia” Arturo Vasquez submits legal & FBI threat to anarchist counter-info site 325 [en]

Just as we had been convinced that the eco-extreme/nihilist-right “Mafia” could not get even more ridiculous, we were sent this email below by the comrades of nostate.net. It’s a threat via their domain provider by the boss of the North American ‘indomitable’ “eco-extremist theorists”, Arturo Vasquez (Abe Cabrera), editor of eco-fascist journal Atassa to call the FBI. After all those other ‘indomitable’ ‘comrades’ of his hung him out to dry the only thing for him to do is threaten to call the police.

...

L
More non-news about the “Eco-Extremist Mafia” [en]

Our last release of information about the so-called “Eco-Extremist Mafia” caused a commotion in the Church of ITS Mexico. Without giving them the oxygen they require in their parasitic nature on the international anarchist movement which they need to survive, we release a report and reply to the smears and idiocy of their position.

Within 12 hours of the doxxing of Vasquez being released, the so-called ITS “Mafia”, who virtually live on the internet now, were so upset they had to describe the age and dryness of my Vagina! And take responsibility for the “massacre” beating of an anarcho-punk after a Zapatista rally last December! What is there left to say either to or about these misogynist, misanthropic, psychopathic high priests of the ITS death-cult?

...

UK: ‘Step into the Unknown’ – Zine [en]

PDF: ‘Step into the Unknown’ zine

PDF: ‘Step into the Unknown’ posters


From the author/artist/anarchist who brought you ‘Tool 4 Crowd-control – Class War-Horse‘, here we present: ‘Step into the unknown’ with more thoughts, poems, provocations and critique.

It can be printed in a zine format or as individual posters.

Dark Nights #47 : ‘Against Surveillance State UK / Contra la Vigilancia del Estado de Reino Unido’ – EN/ES (ACN) [en]

PDF: Dark Nights #47 – EN

PDF: Dark Nights #47 – ES

‘Against Surveillance State UK – Against Facial Recognition CCTV’

‘Contra la Vigilancia del Estado de Reino Unido – Contra el CCTV de Reconocimiento Facial’

International anarchist newsletter in English and Spanish versions. Latest issue of Dark Nights returns after more than two years.
Download, copy and distribute.

Boletín anarquista internacional en versiones en inglés y español. El último número de Dark Nights regresa después de más de dos años. Descargar, copiar y distribuir.

...

Genova [Italia]: Incendiato ripetitore (13/03/2018) [it]

Viviamo in una realtà dove essere connessi è fondamentale se si vuole rimanere al passo coi tempi e vivere al ritmo, nevrastenico, che la società moderna ci offre.
Le relazioni umane si sono sfaldate dietro a dei display, a delle App.

Senza Whatsapp rischi di essere escluso dal tuo gruppo di amici... seriamente.

Al lavoro, in famiglia, nella coppia ci richiediamo a vicenda di essere sempre reperibili: “mandami la posizione di dove ti trovi”, “manda un selfie”, “ascolta questo messaggio vocale”.
Nonostante ci si renda conto che “forse” stiamo uscendo poco da casa, che i legami siano sempre più virtuali e che dopo una giornata di lavoro, il primo pensiero appena tornati a casa sia quello di accendere il pc, non vogliamo dedurre da soli che ci sia qualcosa che non va, mentendo a noi stessi.

...

Nothing is over, everything continues… [en]

Project of anarchist counter-information Fire On The Horizon:

For 5 years now our group of comrades has been involved in two projects that have striven to shed light in the darkness that is the ‘prison island.’ The original desire was to continue the legacy that anarchist-nihilist comrade Darko Mathers had begun with his own similar project. It was not our intention to copy or imitate, but to continue in our own way a much needed dissemination of anti-social, individualistic, nihilistic, anti-civilisation, insurrectionary anarchy along with a healthy influx of attacks that were not necessary linked to the anarchic circles but fitted within what can be done on this island of passivity. At moments we also included influences from comrades abroad to spread the anarchy of praxis but also to show limited international solidarity.

...

Nulla è finito, tutto continua... [it]

Sito di contro-informazione anarchica Fire On The Horizon:

Per cinque anni il nostro gruppo di compagni era coinvolto in due progetti, che si sono impegnati a illuminare l’oscurità “dell’isola carceraria” [Regno Unito, ndt]. Il desiderio iniziale era di portare avanti il lascito che il compagno anarco-nichilista Darko Mathers aveva iniziato con propri progetti simili. Non era nostra intenzione di copiare o di imitare, ma di continuare a modo nostro l’indispensabile diffusione dell’anarchia anti-sociale, individualista, nichilista, anti-civilizzatrice, insurrezionale, assieme ad un sano afflusso di attacchi, non necessariamente connessi agli ambienti anarchici, ma appropriati a ciò che può essere fatto su questa isola di passività. In certi momenti abbiamo incluso anche influenze da compagni all’estero per diffondere l’anarchia d’azione, ma anche per esprimere una modesta solidarietà internazionale.

...

Regno Unito : “Pioggia e Fuoco” – Comunicato della FAI britannica (2011) [it]

Ripubblichiamo questo testo scritto dalla F.A.I. britannica perché lo consideriamo ancora oggi significativo, come lo era allora nel 2011. Con la sempre più crescente escalation della società tecno-industriale su quest’isola-carcere, e con le sue infiltrazioni negli angoli del pianeta non ancora toccati da essa, è più che mai necessario contribuire a portare la civiltà e il suo dominio al crollo, a prepararsi per l’attacco dell’imminente crollo. “...ogni momento della vostra vita dipende dalla vostra capacità di agire e ribellarvi contro chiunque e qualsiasi cosa provi a mettere l’autorità al di sopra di voi...”

...

L
“Eco-estremismo e l’attacco indiscriminato – La Chiesa di ITS Messico” [it]

“E l’azione di Di Giovanni non fu mai un’azione genericamente violenta, un’azione indiscriminatamente diretta a colpire qualsiasi cosa per determinare quella tensione che può essere soltanto favorevole al potere e alla sua politica di consolidamento. L’azione di Di Giovanni fu sempre guidata da un ragionamento rivoluzionario preciso, colpire i centri del potere con azioni punitive e d’attacco, con azioni che trovano la loro giustificazione in un atto repressivo del potere e con azioni che prendono l’iniziativa allo scopo di spingere le masse verso l’obiettivo rivoluzionario. E in queste azioni Di Giovanni tenne sempre presente la situazione generale delle masse, anche se spesso lo si accusò di non avere tenuto conto di ciò”A.M. Bonanno, “Severino Di Giovanni. L’idealista della violenza”.

Non rappresento nessuna organizzazione o gruppo, scrivo questo testo da un punto di vista personale, come anarchico nichilista di una tendenza insurrezionale anti-civilizzazione. Ho eseguito azioni dirette in difesa della Terra, quindi lo Stato e la società probabilmente mi considererebbero un “eco-estremista”, però questo termine non mi interessa, dato che è diventato un’ideologia di tipo settario della Chiesa. Non ho scritto prima della Chiesa di ITS Messico o dell’idiota(i) pseudo-nichilista(i) in Italia, perché negli ultimi anni sono diventati visibilmente reazionari e più simili ai “neri” gruppuscoli di estrema destra.
Sono trascorsi alcuni anni da quando la Chiesa di ITS Messico ha detto qualcosa simile a “la FAI non ci rappresenta”, e “le CCF non ci rappresentano”... Bene, non riesco a ricordarmi nulla di simile detto dalle CCF o dalla FAI, o da qualunque altro innanzitutto, quindi perché la Chiesa ITS pubblica sermoni su questo ancora oggi, e perché non hanno ancora preso un biglietto di sola andata lontano dall’anarchia nera, che sostengono essere irrilevante, per andarsene nell’abisso nichilizzatore, come dissero che avrebbero fatto, lasciandoci noi, tutte suore anarchiche, da sole?
Era facile prevedere a cosa andava incontro questo gruppuscolo con il proprio neurotico fan-club – autoritarismo verde cultuale, paganesimo, irrazionalismo e attacchi indiscriminati – ma non abbiamo già visto questo? Tuttavia, alla Chiesa di ITS Messico, con i suoi pochi piccoli auto-proclamati eco-estremisti e pseudo-nichilisti, piace porsi com
...

Bristol [UK]: Sabotaggio macchine (07/2017) [it]

Ehilà Walker, recentemente abbiamo dato una bella occhiata alla tua casa dal ponte pedonale, nelle prime ore del mattino...
... una macchina e un furgone di proprietà del candidato di UKIP [UK Independence Party, ndt.] ed ex sindaco (2012) di Bradley Stoke (Bristol, UK), Ben Walker, sono stati vandalizzati con colore e le gomme tagliate sul vialetto d’accesso verso casa sua: 136 Ferndene, Bradley Stoke, Bristol.
Recentemente anche...
... alle macchine al Bath Audi e Mercedes autosalone di Peasedown, Bath (UK) è stata rigata la carrozzeria con dei vetri rotti (circa 25 veicoli). Questa opzione di sabotaggio è prevalsa su quella più rumorosa, perché non volevamo
...

UK: Online version of Return Fire vol.4 [en]

Here’s the PDFs for the most recent version of Return Fire, vol.4, of autumn 2016 – additionally with the supplement that accompanies it. Once again, 100 pages of passion, commentary, proposals and interview material. The supplement, Caught in the Net, is a survey of critical perspectives on what information age technology is doing to our cognitive abilities, our health more generally, and our capacity to rebel. It comes as a separate document, of another 28 pages. Both colour and greyscale cover options are available, for further reproduction and distribution.

Return Fire #4 — cover colour
Return Fire #4 — cover B&W
Return Fire #4 — contents
Caught in the Net — Return Fire #4 supplement

To give you an idea, a few of the featured pieces are the Institute for the Study of Insurgent Warfare’s essay Panopticons Then & Now, arguing for a more sophisticated understanding of the surveillance State; On the Catastrophe of the Salmon Farms and Martime Devastation in the Patagonian Sea as recounted by members of Colectivo Critica y Accion following the events of 2016; words on avoiding needlessly repetitious deeds and indeed aiming to ‘hit where it hurts’ as highlighted in Dissonanz #34 by Taking Apart Authority; and Sold Out to the Industry tells of U.K. unionism cosying up to the fracking prospectors, from The Acorn.
Other articles we have condensed or synthesised are those such as the ‘Antagonistic Margins’ of seduction, contagion and queering the ‘terrortory’, by The Experimentation Committee; the presentation of “Another Figure of the Migrant” as theorised by Thomas Nail in conversation with the Hostis journal; or Ed Lord’s discussion of modernity and questions of psychological ‘disorders’, ‘A Profound Dis-ease’.
Plenty of direct attacks on structures of our enemies found their way into
...

UK: Carcere di Channel Islands per primo utilizza i “disgregatori” per creare “scudo” anti-drone [it]

Il carcere delle Isole del Canale è il primo al mondo ad utilizzare un nuovo sistema tecnologico repressivo, disegnato per fermare il volo dei droni sopra i muri di cinta, che buttano il contrabbando in carcere.
Il dispositivo crea uno scudo di 600 m attorno e sopra la prigione, che rileverà e devierà gli apparecchi a controllo remoto. Esso utilizza una serie di “disgregatori”, cioè sensori che disturbano il computer del drone, bloccando le sue frequenze e protocolli di controllo. Lo schermo dell’operatore si oscura e il drone viene respinto al punto di provenienza.
Il nuovo sistema, chiamato Sky Fence [recinto del cielo, ndt], è stato installato nel carcere di Les Nicolles sull’isola di Guernsey, dove saranno collocati circa 20 “disgregatori”, sia lungo il muro che nel suo interno. Il carcere delle Isole del Canale inizialmente voleva istallare un sistema di rilevamento droni, ma ha fatto un passo avanti installando una tecnologia che blocca i droni in volo.
Sky Fence è stato creato dalle
...

Bristol [UK]: Vandalizzata la casa di un’informatrice e la polizia (18/04/2017) [it]

18 aprile: abbiamo pensato a lungo che “Julie”, un’informatrice di polizia di Yatton, presso Bristol, dovrebbe ricevere una visita, ricordandola che non dimentichiamo, che non perdoniamo. Badger era rimasto, su suo invito, a casa sua quando era in fuga. Badger è ricercato per aver distrutto l’ufficio del quotidiano Bristol Post nel 2011, e per l’incendio di un trasmettitore. Come minimo gesto di solidarietà con l’anarchico ricercato Badger, le abbiamo lasciato la scritta “infame”, e sabotato la sua macchina. Speriamo abbia un incidente e rimanga paralizzata. Julie vive in via Barberry Farm 3, assieme al suo partner e figlio. Una vecchia slavata attivista pacifista, diventata una disgustosa traditrice che ha abusato della fiducia riposta in lei. Julie ha pensato che poteva proteggersi dall’attenzione della polizia fornendo informazioni, ma ha scoperto che i maiali volevano di più. Così ha fornito informazioni anche su altre persone che venivano in casa sua a trovare Badger, e la polizia si è assicurata di mandare la scientifica a prelevare il DNA. Infame, sarai ricordata come un’altra reazionaria che merita di vivere nello squallore. Speriamo che il tumore dentro il tuo corpo ti ammazzi e trasformi i tuoi ultimi giorni in più infelici che ci siano. E che muori sapendo che sei odiata. Altri attivisti (che però non abbiamo dimenticato) hanno protetto questa infame nel periodo della sua attività di informatrice, impedendo ai ricercati di sapere che Julie aveva tradito Badger e suoi amici. Milioni di vostre patetiche vite da attivisti non valgono un cazzo paragonate all’indomabile spirito di Badger.
Non molto lontano dalla casa di Julie c’è Davis Lane, Clevedon, dove si trova la polizia a cavallo con l’ippodromo, e vicino a questo un centro operativo di polizia speciale. Abbiamo bucato le gomme di quattro veicoli per trasporto di cavalli, e lasciato la scritta “A terra, AH AH!”. Alla faccia della sicurezza!

Rimani libero, Badger – Fanculo la Polizia
Solidarietà ai detenuti anarchici e quelli in fuga.

Vandali eco-anarchici – FAI/FRI

Bristol [UK]: Sabotato ripetitore Vodafone (09/03/2017) [it]

Ripetitore Vodafone sabotato il 9 marzo a Bristol.

Circa tre settimane fa un ripetitore della Vodafone è stato sabotato con a Barton Hill, Bristol. Questo attacco contro il sempre più invasivo ramo dell’infrastruttura capitalista è stato ispirato dalle recenti simili azioni in Italia. In tutta l’Europa la Vodafone ha “fieramente” firmato un’ampia varietà di contratti a lungo termine con un numero di differenti forze di polizia.
Questo ripetitore, sulla strada di Regina Anna, è/era situato davanti all’edificio di Kenneth Steele, notevole unità anticrimine della polizia di Bristol, vicino alla stazione dei treni Temple Meads a Bristol. Quindi, non è stata colpita solo la compagnia, ma anche l’onore degli sbirri e la loro facciata di controllo. Un “caloroso” saluto a loro.
Oltre a ciò, è stata sabotata anche una macchina G4S solo una settimana fa, a St. George, Bristol.
G4S è una massiccia azienda globale di sicurezza privata, che gestisce un numero di carceri private, incluse le prigioni giovanili e centri di migrazione. Dove uno

Londra [UK]: Concerto benefit di solidarietà con gli anarchici arrestati nell’operazione “Scripta Manent” – 11/2/2017 [it]

l-u-londra-uk-concerto-benefit-di-solidarieta-con-1.jpg
SOLIDARIETA’ CON GLI ANARCHICI ARRESTATI IN SEGUITO ALL’ULTIMA OPERAZIONE DI POLIZIA IN ITALIA
Nelle prime ore del 6 settembre 2016 un’operazione coordinata dalla Digos (polizia politica) di Torino ha portato alla perquisizione di 30 abitazioni in varie regioni italiane (Piemonte, Liguria, Lazio, Umbria, Lombardia, Abruzzo, Campania, Sardegna ed Emilia Romagna), e all’arresto di cinque compagni anarchici accusati di associazione sovversiva con finalità di terrorismo. Inoltre, due anarchici che si trovano in carcere da settembre 2012 ricevono la notifica in prigione.
L’operazione di polizia nominata “Scripta Manent” (dal detto latino “le parole volano, gli scritti rimangono”) è solo l’ultima di una serie di altre simili portate avanti attraverso gli ultimi decenni, con lo scopo di allontanare gli anarchici dalle strade e imprigionarli. Perché? Perché le idee e le pratiche anarchiche sono pericolose per il potere. Queste idee e pratiche, teoria ed azione, hanno un solo ed unico inequivocabile obiettivo: la liberazione totale e la distruzione di tutte le forme di repressione, a prescindere se viviamo in tempi di “crisi” o meno. Ma, durante un periodo di “crisi” le persone spesso cessano di essere recipienti passivi di decisioni imposte dall’alto. Gli anarchici, in questo senso, possono rappresentare un esempio in termini di attacco, dell’azione diretta e dell’auto-organizzazione di lotta. Questo è il motivo che sta dietro molte operazioni da nomi fantasiosi (Cervantes, Nottetempo, Ardire ecc.), che sono costate a numerosi compagni tempo in carcere e infiniti processi giudiziari.
Il pubblico ministero in Italia non ha bisogno neanche di una prova del “crimine” per ordinare perquisizioni e arresti contro i compagni. Quindi, se sei una anarchico in Italia puoi aspettarti che la tua casa venga invasa da una dozzina di sbirri armati in ogni momento, e che finisci in carcere per mesi, in attesa del processo per qualche indagine di polizia spesso basata su prove inconsistenti.
“Scripta Manent”, in particolare, è focalizzata su una serie di azioni dirette rivendicate da vari gruppi della FAI, Federazione Anarchica Informale, tra il 2004 e 2012. Gli attacchi inseriti in questa indagine includono
...

South Shields – Tyneside [UK]: Spaccati i vetri ad una macchina di polizia (10/12/2016) [it]

Un anarchico di South Shields ha spaccato il parabrezza ad una macchina di polizia nella notte del 10 dicembre 2016, alle ore 20:45.
Questo è accaduto in Newmarket walk, South Shields, Tyneside.


South Shields – Tyneside [UK]: Razbijena stakla na policijskom vozilu (10.12.2016.)
Jedan anarhist iz South Shieldsa razbio je vjetrobransko staklo na jednom policijskom vozilu u noći 10.12.2016., u 20:45 sati.
To se zbilo u Newmarket walk, South Shields, Tyneside.

South Shields – Tyneside [UK]: Incendio anarchico di un veicolo comunale (09/11/2016) [it]

Un anonimo (anarchico) incendia un veicolo comunale nella Pine Avenue, South Shields (Tyneside) nelle prime ore di mercoledì 9 novembre 2016. I media non hanno parlato di questo incendio.
L’incendio di questo veicolo è un attacco diretto contro il consiglio, le autorità locali e i consiglieri, per provocare disordine e danno economico. Una persona media di classe operaia in Regno Unito ogni mese sta diventando più povera, con sempre più difficoltà a sopravvivere, mentre nel frattempo il riccastri dei consiglieri si arricchiscono ancora di più, con i parcheggi a pagamento, multe sui rifiuti, come lasciare il cassonetto fuori nel momento sbagliato, e con altre simili infrazioni.


South Shields – Tyneside [UK]: Anarhistički palež općinskog vozila (09.11.2016.)
Jedna anonimna osoba (anarhist) zapalila je općinsko vozilo u Pine Avenue, South Shields (Tyneside) u prvim satima srijede 9. novembra 2016. Mediji nisu pokrili ovu nezgodu.
Požar ovog vozila je direktni napad na vijeće, lokalne vlasti i vjećnike, kako bi se izazvao nered i šteta. Jedna obična osoba iz radničke klase u Ujedinjenom Kraljevstvu svaki mjesec postaje sve siromašnija, i postaje joj sve teže preživljavati, dok se u međuvremenu bogatuni iz općinskog vijeća sve više bogate, s parkirnim kartama, kaznama za bacanje smeća, kao iznošenje kante u pogrešno vrijeme, i sličnim prekršajima.

Bristol [UK]: “Pub Quiz” #5 — Anarcho-nihilist flyposter zine by Dark Matter Publ. (10/2016) [en]

PDF: ‘Pub Quiz #5 – We are all on a no-fly list, are you?’ – Anarcho-nihilist flyposter zine by anti-social hooligans

As part of Dark Matter Publications and in line with the nihilist ethos of the project we present this latest zine by some anti-social hooligans in Bristol. It’s made up of cut-n-paste flyposters that have been spread around the city and the originals are collected here for the first time. These are not professional posters of the official movement, but dirty DIY amateur efforts about topics as diverse as police repression, eco-action, surveillance and consumerism. This is what happens when fevered twisted minds get hold of stationary and scissors. Being mainly flyposters, the zine contains pretty much no prolonged verbal diarrhea, long-winded sectarian tripe or boring pontifications posing as critical theory or whatever.

Anti-social hooligans

Bristol [UK]: Vandalizirana vozila transportera (06.08.2016.) [hr]

U ranim satima 06. augusta na prometno-uslužnom odmorištu Easton-in-Gordano, dok su šoferi odmarali u svojim kabinama, 10–15 vozila četvoro transportera vandiliziano je sprejom te time nanijela pohlepnim kompanijama, koje uništavaju zemlju, gubitke u vremenu i novcu, mnogo veće nego što smo mi utrošili na ovo prikladno nedjelo.
Solidarnost sa svim drugovima u zatvoru i u bijegu. Prema međunarodnom tjednu solidarnosti s anarhističkim zatvorenicima – 23.-30. august.

Eko-anarhistički vandali – FAI/IRF

UK: "Feniks Projekt" 2016 #2 - Rain Cell-FAI/IRF zapalila vozila u policijskom skladištu (28.06.2016 [hr]

Preuzimamo odgovornost za požar podmetnut 28.06.2016. policijskim vozila u bristolskom skladištu, Poplar Way East, Avonmouth. Skladište je, između ostalog, ispunjeno kontrolnim preprekama, vojnim i pomoćnim vozilima.
Posvećujemo ovo djelo zatvorenim članovima Zavjere Vatrenih Ćelija i Aggeliki Spyropoulou, kao i svima uključenima u pokušaj bijega.
Ovo je djelo za zatvorene drugove u UK, Grčkoj, Čileu, Rusiji, Poljskoj, Francuskoj, Češkoj, Francuskoj, Španjolskoj, Italiji i diljem svijeta.
Rat "Pametnim Gradovima" i zatvorskom društvu.
Dug život anarhiji i divljini.
Rain Cell - FAI/FRI

UK: "FIRE ON THE HORIZON" - NOVI KONTRA-INFO PROJEKT [hr]

fireonthehorizon.noblogs.org
Krečući se prema idućem "Požaru na horizontu"
Za početak, ne zanimaju nas dugački uvodi, protiv smo rječitih tekstova koji doprinose našoj teoriji ali ne dovoljno i djelu!
Projekt "Fire on the Horizon" govorit će sam za sebe, šireći kontrainformaciju o sukobu s otokom zatvorom. Kako bi potaknuo, otvorio oči, dopro do slobodoumnih, rasplamsao bijes suučesnika koji su voljni da se probude i djeluju po svojim vlastitim individualnim željama. Ne zanima nas traženje suglasnosti kako bi vladali masama, niti bezuvjetno prihvaćanje lažnih obećanja o utopijama, doktrinama, ideologijama koji doprinose stvaranju novih autoriteta.
Zanima nas neprekidni sukob, beskonačni ustanak, volja da se napuste kavezi, umjesto da jednostavno sjedimo na njima, kako bi divlja kaotična anarhija slobodno letjela, uzdigla se iznad noćne more tehnološke metropole sastavljene od nadzora i reda...
Krećemo se prema idućem požaru na horizontu!

"Te noći gledali smo netremice horizont i vidjeli brojne zvijezde padalice koje su ispisivale svoje kaotične putove. I brojali smo ih ponovno i ponovno, zamislili želje, izračunali vjerojatnosti. Znali smo da naša želja za slobodnim životom mora kročiti preko svega što nas guši, ubija, uništava, zato smo uronili u prazninu kao zvijezde padalice koje smo gledali. Nakon što su bezbrojne zvijezde pale, možda je vrijeme da padne i naša zvijezda, tko zna? Da smo posjedovali spreman odgovor ne bi bili postali ono što jesmo, nego sebični bijednici koji bi da uče narod kako postati glodavci koji se međusobno žderu, kao što to oni čine danas. Ipak, mi i dalje ostajemo neumoljivi i tvrdoglavi, kao ljudi našeg soja. A oni među nama koji su zatvorili oči u mukama i otputovali daleko, i dalje netremice gledaju ono noćno nebo koje smo i mi promatrali. I gledaju nas padati, predivne i sjajne zvijezde. Sada je na nama red. Sada, bez oklijevanja, mi padamo."

...

UK: OBJAVLJEN ANARHISTIČKI ČASOPIS "RETURN FIRE" BR.3 (05.06.2015.) [hr]

Return Fire #3 : Contents (Winter 2015-2016)
Colonisation (Glossary, Return Fire #3)
Smarter Prison A5 imposed
RF #3 Colour Cover
RF #3 B&W Cover
Upravo smo objavili PDF verzije naših nedavnih štampi, za skidanje i štampanje. (Za prethodne brojeve pogledaj ovdje). Ukratko, pred vama je prošireno izdanje "Return Fire" br. 3 (zima 2015.-2016.), ispunjen vijestima, teorijom, poezijom i antagonizmom. Popraćen je tekstom iz našeg "glosarija" o kolonizaciji; prijelomom teksta za štampanje "Pametniji zatvor?", koji smo dobili od "Radical Interference i objavili u decembru 2015.; i, na kraju, prenijeli smo jedan od tekstova iz br. 3, "Veil Drops" na theanarchistlibrary.org kao odvojeni tekst za čitanje i štampu.
...

Gross Misconduct and the Guerrila Massive Poems and Lunacy from Bristol [en]

This title refers to a guy who was sacked at Bristol flying school who smashed his ex-workplace up, smashing all the windows, computers and ripping all the phones out, causing £200,000 of damage, and writing in his own blood, “Gross Misconduct” on the wall. He escaped the scene but was arrested at a later date. It took the company a week to be back to normal. These types of events in UK are of a regular occurrence and show that many people just don’t give a fucking shit. They will fightback when they meltdown.

These are some of the observations I’ve put on paper that warm the spirit in my blood, not patiently waiting on bus stops or dole queues, or smiling at people I don’t give a shit about, but I do it all the same, because it helps the day run along that much smoother. I kick myself for the social compromises I make, politeness for an easy ride.

[...] The bigger problem, far larger than the cops, is the self-policing, self-regulating activist-anarchist badge-wearers. They’re two-a-penny in the pound-shop, jumped-up, in your face, waving the finger at anything slightly violent.
Beware you are being monitored.
Yeah, the cops might see us as lawless, reckless bastards, prepared to give them the runaround at any given moment, but they sure can’t write us off as bleating hot-air blowing wankers content with shuffling paper and networking for more numbers. As a comparison of our lives, it’s like being wolves; we travel large distances together sometimes over rough ground to hunt a selected target. Then after a short feast, we disperse. We never do the hang-out thing in public arenas together, open space where we could be shot down or captured. The time of celebration is short-lived. Maybe this is the nature, the price, of this beautiful struggle, not a back-slapping orgy of self-congratulation for taking the path most trodden.[...]